Crea sito

Crepes ricetta base con varianti

Le crepes ricetta base (chiamate anche crespelle), sottili “frittatine” preparate con ingredienti semplici e genuini, farcite con deliziosi ripieni dolci o salati e poi piegate o arrotolate in vari modi, sono una grande risorsa incucina e un’ottima soluzione per la loro versatilità: che si tratti di sane colazioni, golose merende o cene raffinate, con le crêpes sarà sempre un successo.

crêpes

Crepes ricetta base

Ingredienti per circa 12 crêpes

  • latte, 500 ml.
  • uova, tre
  • burro, 40 grammi (facoltativo)
  • farina, 250 grammi
  • burro o olio q.b. per la padellina
  • sale, un pizzico 

La ricetta è uguale per le crepes salate e per quelle dolci: unica differenza, in quelle dolci diminuire il pizzico di sale e aggiungere 50 grammi di zucchero (se piace, aggiungere anche una punta di cucchiaino di semini di vaniglia).

Può essere interessante proporre qualche variante della ricetta base, per esempio:

  • si può sostituire parte della farina con uguale peso di mandorle, noci, pistacchi o nocciole tritati finemente
  • aggiungere la scorza grattugiata di un limone o un’arancia (non trattati, solo la parte colorata della buccia)
  • sostituire due cucchiai di latte con altrettanti di rum, brandy, Grand Marnier o altro.

Preparazione

In una ciotola capiente versare la farina setacciata e il sale (o lo zucchero se si desidera preparare crepes con un ripieno dolce): mescolando continuamente con una  forchetta o una piccola frusta iniziare ad aggiungere il latte a filo, fino ad ottenere un composto liscio e privo di grumi.

Sbattere in una ciotola le uova e unirle al composto, sempre mescolando per amalgamarle perfettamente.

Coprire con la pellicola e lasciare riposare in frigorifero almeno una mezz’ora.

> Questo passaggio è facoltativo: al momento di cuocere le crepes, fare sciogliere il burro in un pentolino a fuoco molto basso e unirlo alla pastella mescolando energicamente >

Ungere con poco burro o oliare leggermente una padellina antiaderente di circa 20 cm di diametro e metterla sul fuoco.

Quando sarà  calda, con  un mestolo  prendere poca pastella per volta e versarla nella padellina distribuendola bene con movimento rotatorio sul fondo, in modo che questo resti coperto uniformemente da uno strato sottile. Questa operazione va fatta piuttosto velocemente.

Far rassodare e leggermente dorare la crepe, girarla delicatamente aiutandosi con una paletta e cuocerla brevemente anche dall’altro lato.

Appena fatta, trasferirla su un piatto e continuare a cuocere le crepes successive impilandole l’una sull’altra, fino ad esaurimento della pastella.

Le nostre crepes ricetta base sono pronte, non resta che scegliere come farcirle.

Note

  1. Non sbattere le uova troppo energicamente per evitare che si formi la schiuma
  2. Cuocere a fuoco basso
  3. Fare attenzione alla temperatura della padellina: se troppo fredda la crepe non si rassoderà, se troppo calda si formeranno tante bollicine.
  4. Le crepes si conservano in frigorifero, impilate e coperte con la pellicola per un paio di giorni: per una conservazione più prolungata si possono surgelare.
  5. Le crepes si possono piegare o arrotolare in differenti modi, ecco qualche esempio:
  • a ventaglio: dopo aver spalmato la crêpes con il ripieno piegarla a metà e poi ancora a metà in modo da ottenere un triangolo.
  • a pacchetto: dopo aver distribuito il ripieno ripiegare i due lati opposti verso l’interno in modo che si uniscano al centro; ripiegare quindi gli altri due lati formando un pacchetto quadrato.
  • a fagottino: mettere il ripieno al centro della crêpe, sollevare il bordo esterno riunendolo al centro e legarlo con un filo di erba cipollina, una striscia sottile di porro, una strisciolina di buccia di agrumi.
  • a cannolo: distribuire il ripieno su metà della crêpe e arrotolarla su se stessa.

Se la ricetta delle crêpes ti è piaciuta, seguimi anche sulla mia pagina Facebook, su Twitter, Google+ e Pinterest!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.