Crea sito

Funghi porcini e patate in padella alla ligure

Con funghi porcini e patate in padella alla ligure si va sempre sul sicuro perchè non potrebbe esistere abbinamento migliore, un contorno perfetto per pietanze di terra o di mare o anche come piatto da gustare semplicemente da solo.

La ricetta che vi propongo oggi appartiene alla tradizione ligure; un piatto semplice da cucinare in padella (si può fare anche al forno) e molto gustoso.

La Liguria è terra di funghi da Levante a Ponente. Il fungo porcino (Boletus edulis) cresce spontaneo nei boschi di tutto il territorio montano regionale, con sapore che varia da valle a valle. La raccolta dei funghi avviene in boschi di castagno, cerro, faggio, carpino e frassino. Si tratta di una vera e propria risorsa locale.

La loro raccolta e lavorazione dei funghi risale al Medioevo: già allora erano molto apprezzati, tanto che i Del Carretto li richiedevano come regalo in occasione delle feste natalizie.

I funghi, fin dall’ottocento, hanno rappresentato una componente di rilievo nell’economia agricola dell’entroterra ligure e venivano esportati verso i paesi del litorale e a Genova. Ancora, oggi, la loro raccolta è un’attività importante e regolamentata.

Io riesco raramente ad andare per funghi ma tutte le volte che li trovo dal mio fruttivendolo di fiducia non resisto e li compro. Ed eccoli qui, cucinati per voi!
 
Funghi e patate
  • DifficoltàBassa
  • CostoAlto
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gFunghi porcini
  • 3Patate (di media dimensione)
  • 1 spicchioAglio di Vessalico (o altro aglio)
  • q.b.Olio extravergine d’oliva
  • q.b.Sale dell’Himalaya (rosa) (o altro sale)
  • pizzichiPepe (Facoltativo)
  • 1 ciuffoPrezzemolo
  • q.b.Vino bianco secco
  • q.b.Acqua

Strumenti

  • Pelapatate
  • Coltello
  • Padella con coperchio
  • Cucchiaio di legno

Preparazione

  1. Pulire per bene i funghi porcini, possibilmente senza acqua. Raschiare la parte sporca con un coltellino e passare uno strofinaccio unumidito.

  2. Sbucciare le patate e tagliarle a fettine sottili. Mettere in una padella uno spicchio di aglio di Vessalico (io lo uso perché lo trovo straordinario ma vanno bene anche altre varietà).

    Far soffriggere con olio evo due minuti e mettere le patate. Dopo qualche minuto aggiungere vino bianco e una volta evaporato poca acqua. Cuocere per 10 minuti con coperchio.

  3. Aggiungere i funghi tagliati a fette. Aggiustare di sale e coprire con un coperchio. Lasciare cuocere a fuoco lento ancora 15 minuti, aggiungendo un po’ di acqua se necessario. Aggiustare di sale e pepe.

  4. Lavare e tritare le foglie di prezzemolo e metterne una bella manciate nella padella di funghi e patate. Spegnere il fuoco e lasciare riposare qualche minuto prima di servire.

Altre ricette

Potrebbero interessarvi anche altre ricette liguri: la torta di cipolle, il polpettone alla genovese, la torta pasqualina di bietole, il pesto, i pansoti e la salsa di noci.

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su YouTube, su Facebook, su Instagram, su Pinterestsu Twitter e su Telegram.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata ad Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino.

2 Risposte a “Funghi porcini e patate in padella alla ligure”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.