Panino Friarelli e Buristo

Panino Friarelli e Buristo

Panino Friarelli e Buristo
Panino Friarelli e Buristo

Oggi ho deciso di provare un piatto che fa incontrare due prodotti tipici uno Campano e l’altro Toscano, visto che è venuto un ottimo prodotto ve lo propongo

‘A guagliona, era na’ rapa.
Nun teneva proprio capa;
quanno jeva dint’a scola
nun capeva ‘na parola.
 
“Quanto soffro, nun se sape
(s’a chiagneva, ‘a cim’e rape).
E’campà nun me ne firo..
Sa che faccio? I’ mò m’acciro!”
 
Ditto nfatto, ‘a copp’o scuoglio
se menaje pe dint’all’uoglio.
Ma chest’uoglio era vullente.
Che dulore, che turmiente!
 
“E mò sì, ca songo fritte!”
“Vrucculè, stateve zitte!
Ora site  assai chiù belle:
diventaste friarielle!”

Il Buristo è simile a prodotti tradizionali consumati in Spagna (morcilla), in Olanda (bloedworst), in Francia (boudin noir), in Gran Bretagna (Black pudding), in Austria (Blunzen) e in Germania (Blutwurst, Rotwurst e Schwarzwurst).
Il buristo è insaccato nello stomaco del suino, per questo ha una forma irregolare per un peso che supera normalmente il chilo e mezzo. Si ottiene disossando tutte le parti della testa del maiale messe a bollire in un gran pentolone con limoni, bucce d’arancia, salvia, aglio, sale e pepe. Alle parti disossate e macinate vengono aggiunti dei lardelli di grasso tagliati a cubetti ed il sangue filtrato. Il tutto viene insaccato e bollito per compattare, il sangue e il grasso con il resto.

Ingrediente per 4 persone

800 gr di Buristo
800 gr di friarielli
8 panini
2 spicchi d’aglio
1 peperoncino, va benissimo un diavolicchio di Diamante
1 Bergamotto
50 gr di farina
Sale q.b.
Pepe q.b.
Olio EVO q.b.

Preparazione

Iniziamo lavando i friarielli dopo averli privati delle parti troppo dure, si fanno rosolare in una padella con due spicchi di aglio, il Diavolicchio e un paio di cucchiai di Olio EVO, dopo circa un quarto d’ora la verdura è pronta.
Tagliate il buristo a fettine, disponeteli su un piano e grattugiate sopra le zeste del bergamotto, spolverate sopra pochissima farina, girate le fette e ripetete l’operazione.
Friggete in pochissimo olio, il buristo è già cotto, quindi basta fare una crosticina, profumata.
Aprite i panini inserite all’interno un po’ di friarielli, pigiate insieme le due parti del panino, riaprite, mettete una fetta di buristo, terminate con altri friarielli.

Buon appetito

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://plus.google.com/u/0/
https://twitter.com/@calorifi
https://www.instagram.com/calorifi/
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici

Precedente Cetara pronta alla spillatura del terzigno Successivo L'Italia prima in Europa per Dop, Igp e Stg

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.