Crea sito

Scotch Bonnet

Scotch Bonnet

Scotch Bonnet
Scotch Bonnet

Lo Scotch Bonnet, conosciuto anche come Boabs Bonnet, Scotty Bons, Bonney peppers, o peperoncino rosso dei Caraibi (Latino: Capsicum chinense) è una varietà di peperoncino. Si trova di solito nelle isole caraibiche, in Guyana, alle Maldive e in Africa occidentale. Nella scala di Scoville è tra 100,000–350,000.

Il nome Scotch Bonnet, deriva dalla somiglianza dei frutti con “Il Berretto Scozzese”

La pianta ha forma ad alberello i frutti sono molto carnosi, la piccantezza medio alta, la produttività altissima, la produzione da  agosto a fine ottobre.

I colori sono rosso, giallo e chocolate, io preferisco il giallo.

Questa pianta, se ben conservata, tende a produrre di più gli anni successivi.

se trovate la pianta con il tronco ricurvo non vi preoccupate difficilmente sono diritti.

LA COLTIVAZIONE IN VASO:

• Scegliere un vaso di 20-40 cm di diametro e altrettanti di profondità. Buona norma è porre dei cocci o argilla espansa sul fondo del vaso per il drenaggio.
• Per il rinvaso utilizzare del terriccio di buona qualità, mescolato a sabbia grossolana o perlite (15%).
• Prestare attenzione che il pane di terra della piantina, al trapianto non sia troppo asciutto. Se necessario irrigarlo prima di metterla a dimora.
• Dopo il rinvaso pressare con cura il terreno vicino alle radici per farlo aderire meglio.
• Posizionare in luogo molto luminoso, con almeno 6 ore di sole diretto al giorno.
• Concimare al trapianto con un buon fertilizzante minerale granulare ternario, povero di Azoto (N) e completo di microelementi (un cucchiaio per vaso di 20 cm), leggermente interrato, lontano da fusto e radici. Volendo può essere miscelato preventivamente al terriccio prima del trapianto.
• Irrigare uniformemente dopo il trapianto (circa un bicchiere di acqua per vaso da 20 cm). Limitare le annaffiature in marzo e aprile.
• L’irrigazione deve essere ripetuta solo quando il terreno in superficie è ben asciutto, per evitare pericolosi, ristagni idrici o eccessi di vigore a discapito della produzione di frutti.
• Fissare la pianta ad un tutore quando supera i 35 cm di altezza.
• Potare i rami che si allontanino eccessivamente dalla “sagoma” della pianta.

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://plus.google.com/u/0/
https://twitter.com/@calorifi
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.