Pacchero dolce con ricotta, grappa di teroldego, e uva

Pacchero dolce con ricotta, grappa di teroldego, e uva

Pacchero dolce con ricotta, grappa di teroldego, e uva
Pacchero dolce con ricotta, grappa di teroldego, e uva

Una sera mentre si preparava una cena alla Fisar di Livorno, la grande Loretta Fanella, mi ha detto i dolci tradizionali non sono, il tuo forte! Mi ha detto così perché, oltre ad essere una pasticcera bravissima, è una bimba molto educata.

Oggi vi presento un dolce, alla calogero, un pacchero ripieno di ricotta e uva

Ingrediente per 4 persone

4 paccheri di Gragnano
250 g di ricotta di pecora
60 g di zucchero a semolato + 1 cucchiaio per il basilico
80 g di farina di mandorle
1 cucchiaio di grappa, io ho utilizzato una buonissima grappa di teroldego
16 chicchi d’uva bianca
4 rametti di Basilico greco, o altro basilico a foglia medio piccola

Crumble Al Cacao ingredienti

70 g Farina
50 g Zucchero
35 g Burro
15 g Cacao amaro

Crumble alla nocciola ingredienti

50 g Farina
50 g Zucchero
35 g Burro
25 g Farina di nocciole

Crumble Al Cacao Preparazione

Frullate la farina con lo zucchero, il cacao e il burro ottenendo un composto sbriciolato (crumble); trasferitelo in una teglia foderata di carta da forno e infornate a 200 °C per 8-10’. sfornate il crumble, lasciatelo intiepidire, mettete da parte.

Crumble alla nocciola Preparazione

Frullate le due farine con lo zucchero e il burro ottenendo un composto sbriciolato (crumble); trasferitelo in una teglia foderata di carta da forno e infornate a 200 °C per 8-10 minuti, sfornate il crumble, lasciatelo intiepidire, mettete da parte.

Preparazione ricotta e pacchero

Passate la ricotta in un colino fine aiutandovi con un cucchiaio, quando avete passato tutto, aggiungete la farina di mandole, la grappa e lo zucchero e mescolate bene. Lasciate riposare per qualche minuto. Mi raccomando usate ricotta fresca bel scolata.
Passiamo al Basilico, raccogliete di dei rametti di basilico passateli in acqua e zucchero nella proporzione di un cucchiaio in un bicchiere di acqua, buttateci dello zucchero semolato e mettete in congelatore.
Cuocete i Paccheri in abbondante acqua salata poco, fate cuocere, quando cotta, scolare e aiutandovi con un coltello pareggiate un lato del pacchero, dovrà state in piedi, passate i paccheri nel crumble alla nocciola, fatela aderire bene, mettete in piedi e fate freddare.
Alla base del piattino da dolci mettete del crumble al cacao, poggiate sopra il pacchero, riempite 1/3 mettete un chicco d’uva privato dei noccioli, un altro terzo e un altro chicco d’uva, ultimo terzo e l’ultimo chicco.
Alla fine guarnite con il basilico gelato e con l’uva rimasta.

Buon appetito

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://plus.google.com/u/0/
https://twitter.com/@calorifi
https://www.instagram.com/calorifi/
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici

Pubblicato da peperonciniedintorni

Calogero Rifici nato a Mirto (ME) nel lontano 13 aprile 1958, sono Perito Meccanico e studio cucina, fotografia, elettronica, informatica, ec, ec. Nel 1982 mi sono trasferito a Firenze, per lavorare nel primo impianto di smistamento d’Italia, nel 1984 mi sono sposato con Marina e ci siamo trasferiti a Livorno, sul mare, perché ci nasce sul mare difficilmente ci rinuncia. Per circa 6 anni ho insegnato Office automation in una scuola superiore, ho tenuto diversi corsi di informatica in diverse aziende. Per tanti Anni ho lavorato come specialista infrastrutture per una grande azienda di servizi, mi occupo di sicurezza. Dal gennaio 2019 sono libero professionista, nel campo enogastronomico Dal 2002 sono membro dell’accademia del peperoncino, dal 2008 sono Sommelier Fisar delegazione Livorno. Da 2013 ho un blog, www.peperonciniedintorni.it dove pubblico notizie enogastronomiche e ricette. Quando nelle ricette uso ingredienti particolari, prima spiego gli ingredienti che uso e poi illustro le ricette. Le mie ricette sono o tradizionali o di mia creazione, cerco di valorizzare i prodotti che uso. Faccio parte della delegazione Slow Food di Livorno, e cerchiamo di far conoscere la natura, specialmente ai bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.