Minestrone Antico dell’appennino bolognese

Minestrone Antico dell’appennino bolognese

Minestrine Antico dell’appennino bolognese
Minestrine Antico dell’appennino bolognese

Minestrone Antico dell’appennino bolognese, qualche anno fa accompagnavo i miei suoceri per le ferie estive, Pino il mio compianto suocero non sopportava il caldo, quindi ogni estate, i mesi più caldi li andava a passare in montagna. Per circa 10 anni hanno scelto Porretta Terme, da bravo uomo del sud, mio suocero aveva fatto amicizia con tutti, quindi a volte si andava a Porretta anche nel periodo invernale.

In una di queste visite abbiamo pranzato in una trattoria che ci ha servito un minestrone molto saporito e sostanzioso.

La cucina porrettana si basa essenzialmente su prodotti locali e mescola, in una gustosa sintesi gastronomica, i sapori della tradizione bolognese, con quelli della tavola toscana.

Se (quando sarà possibile ) passate da Porretta che ne dite di andare a VISITARE LA ROCCHETTA MATTEI A GRIZZANA MORANDI, BOLOGNA

Ingredienti per 4 persone

  • 300 g di fagioli secchi
  • 300 g di patate
  • 8 fettine piccole di pane integrale
  • 50 g di lardo pestato
  • 1 cipolla tritata
  • 100 g di pancetta tagliata a striscioline
  • 1 cucchiaio concentrato di pomodoro
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Olio EVO q.b.

Preparazione

Mettete a bagno i fagioli la sera prima. Pelate le patate e tagliatele a dadini, 1/3 delle patate li mettete in una teglia salate e pepate aggiungete le striscioline di pancetta, infornate a 160 gradi per circa 20 minuti, non serve olio perché la pancetta fornirà il grasso necessario.

Togliete le patate e la pancetta, nella stessa teglia fate tostare il pane per circa 10 minuti a 140 gradi.

In una pentola soffriggete la cipolla con il lardo, mescolando continuamente con un cucchiaio di legno; appena la cipolla sarà dorata, versate il concentrato di pomodoro, mescolate, poi unite i fagioli e le patate, aggiungete circa 2 l. di acqua, salate e lasciate sobbollire adagio, per un paio di ore, a pentola coperta.

Servite in un piatto fondo se di terracotta è meglio, sopra deponete le patate la pancetta e le fettine di pane, un filo di olio a crudo, se volete.

 Buon appetito

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://twitter.com/@calorifi
https://www.pinterest.it/calorifi/
https://www.instagram.com/calorifi/
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici https://www.youtube.com/user/calorifi1/

 

Pubblicato da peperonciniedintorni

Calogero Rifici nato a Mirto (ME) nel lontano 13 aprile 1958, sono Perito Meccanico e studio cucina, fotografia, elettronica, informatica, ec, ec. Nel 1982 mi sono trasferito a Firenze, per lavorare nel primo impianto di smistamento d’Italia, nel 1984 mi sono sposato con Marina e ci siamo trasferiti a Livorno, sul mare, perché ci nasce sul mare difficilmente ci rinuncia. Per circa 6 anni ho insegnato Office automation in una scuola superiore, ho tenuto diversi corsi di informatica in diverse aziende. Per tanti Anni ho lavorato come specialista infrastrutture per una grande azienda di servizi, mi occupo di sicurezza. Dal gennaio 2019 sono libero professionista, nel campo enogastronomico Dal 2002 sono membro dell’accademia del peperoncino, dal 2008 sono Sommelier Fisar delegazione Livorno. Da 2013 ho un blog, www.peperonciniedintorni.it dove pubblico notizie enogastronomiche e ricette. Quando nelle ricette uso ingredienti particolari, prima spiego gli ingredienti che uso e poi illustro le ricette. Le mie ricette sono o tradizionali o di mia creazione, cerco di valorizzare i prodotti che uso. Faccio parte della delegazione Slow Food di Livorno, e cerchiamo di far conoscere la natura, specialmente ai bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.