Crea sito

Dall’Asia 7 peperoncini su 10

Peperoncini
Peperoncini

, è antichissimo: dalla testimonianza di reperti archeologici sappiamo che era conosciuto in Messico 9.000 anni fa e che già nel 5.500 a.C. era presente in quelle zone come pianta coltivata.

In Europa il peperoncino è arrivato con Cristoforo Colombo che l’ha portato dalle Americhe. Ma prima di quella data si era già diffuso in Asia e Africa. E ora proprio dall’Asia arriva la concorrenza più agguerrita alla produzione italiana. “In Italia circa il 70% dei peperoncini che finiscono sulle nostre tavole e nelle nostre pietanze -spiega a Labitalia Rolando Manfredini, responsabile Qualità della Coldiretti- è importato dai Paesi asiatici. In pratica, 7 peperoncini su 10”.

Questo perché la produzione italiana, (Toscana, Calabria, Basilicata, Puglia e Abruzzo le principali zone di provenienza del nostro ‘oro rosso’), molto rinomata e molto apprezzata anche all’estero, è insufficiente a coprire il fabbisogno nazionale. “E’ una coltivazione che andrebbe incentivata, siamo in un’area mediterranea e tutte le regioni del Centro Sud si prestano ottimamente a questa produzione. Insieme a questo, però, dovrebbe essere creata una sorta di ‘doc’, di denominazione di origine per il peperoncino che identifichi con certezza la sua provenienza e la sua qualità”.

Il problema del riconoscimento di una filiera italiana non è solo una questione nominale, ma anche di tutela della salute della consumatore. Sono state sequestrate diverse partite di peperoncino o di alimenti con peperoncino proveniente dall’Asia dove è stata riscontrata la presenza di ‘Sudan rosso’, un colorante tossico e cancerogeno, messo al bando dal ministero della Salute e dalla Commissione europea”.

Come difendersi dunque? “Intanto è preferibile – consiglia Manfredini- comprare il peperoncino in frutti interi e non già macinato o polverizzato. E cercare di sceglierlo il più possibile a ‘KmO’, con provenienza da campagne italiane”.

In mancanza di questo, non rimane che un’alternativa: coltivarlo sul balcone. Le piantine hanno altezza che varia tra i 20 e gli 80 centimetri, foglie alterne, a forma di cuore o lanceolate, fiori bianchi da maggio a settembre, che danno frutti e bacche di varia forma e colori, verde, rossi, viola scuro, a seconda della varietà. Belli, oltre che buoni.

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://plus.google.com/u/0/
https://twitter.com/@calorifi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.