Crea sito

Risotto alla pescatora con poco pomodoro

Il risotto alla pescatora con poco pomodoro è un classico primo piatto italiano a base di pesce, perfetto per ogni stagione ma soprattutto è un buon piatto raffinato ideale per la vigilia di natale o capodanno.
E’ un piatto ricco di molluschi e altro, ma la mia versione come ricetta base prevede: cozze, vongole e gamberi e poco pomodoro, alcuni aggiungono calamaretti, seppie e tanto altro, secondo i gusti e la disponibilità degli ingredienti, io lo preferisco così che già è abbastanza ricco.
Per questa ricetta si può utilizzare sia il pesce fresco che quello misto surgelato, certo con quello fresco il sapore di mare è molto più intenso con un risultato più gustoso.
Anche il riso ha il suo perchè per la riuscita del piatto, bisogna usare la varietà giusta, io ho preferito il carnaroli perchè, avevo già un pacco a disposizione, chicchi grossi e affusolati con ottima cottura, sarebbe preferibile anche usare un vialone nano ideale per risotti più robusti.

Risotto alla pescatora con poco pomodoro
  • Preparazione: 35 Minuti
  • Cottura: 30 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • 300 g Riso Carnaroli
  • 1 kg Misto di frutti di mare
  • 4 Pomodorini
  • 2 cucchiai Passata di pomodoro
  • 1/2 Cipolla
  • 1 spicchio Aglio
  • 1 bicchiere Vino bianco
  • q.b. Prezzemolo
  • q.b. Olio di oliva
  • q.b. Sale

Preparazione

  1. Se preferite il pesce fresco chiedete in pescheria questo mix: 500 g. di cozze, 500 g di vongole – 200 g di gamberi. Altrimenti usate il mix surgelato.
    Se usate le vongole e le cozze fresche considerate che hanno bisogno di almeno un paio d’ore perché siano pronte per essere cucinate in padella: questo tempo è necessario perchè perdano la sabbia che normalmente è contenuta all’interno delle valve.
    Prendete le vongole e lavatele bene sotto acqua corrente fresca poi mettetele in una ciotola coperte di acqua e lasciate riposare 2 ore.
    Pulite le cozze con uno strappo deciso verso l’alto, staccate la barbetta che esce dal mollusco poi con una paglietta d’acciaio eliminate le eventuali impurità. Eliminate le incrostazioni con il dorso di un coltello, lavate accuratamente e mettetele in acqua a riposare. Pulite bene anche i gamberi, togliete la testa, sgusciatele poi fate un’incisione sulla schiena ed eliminate l’intestino con uno stecchino.
    Mettete a bollire gli scarti dei gamberi in una pentola con dell’acqua serve come brodo per la cottura del riso.

  2. In una padella versate 1 cucchiaio di olio, mettete 1 spicchio d’aglio tagliato a metà e fate scaldare. Unite le cozze e le vongole ben scolate e 1/2 bicchiere di vino bianco, aggiungete 4 pomodorini e 2 cucchiai di passata di pomodoro, coprite con coperchio e lasciate cuocere circa 5 minuti finchè non si aprono, alla fine aggiungete i gamberi sgusciati, mescolate bene il tutto e continuate la cottura per 5 minuti.

  3. Risotto alla pescatora con poco pomodoro

    In una pentola a parte rosolate la cipolla tritata con dell’olio, aggiungete il riso mescolate e tostate bene per alcuni minuti, versate 1/2 bicchiere di vino e fate evaporare, continuate la cottura aggiungendo il fumetto di pesce, filtrato delle code di gambero, aggiustate di sale e cuocete per 5 minuti.
    A metà cottura unite il sugo del pesce cotto: cozze, vongole e gamberi, togliete un pò di gusci, lasciando alcune intere per decoro finale, mescolate bene, assaggiate per regolare di sale e continuate la cottura aggiungendo sempre il brodo, fino a quando il riso non risulta cotto al dente.

  4. Levate dal fuoco, mantecate bene con un filino di olio o burro, profumate con del prezzemolo fresco tritato, impiattate e servite decorando con i molluschi.
    Per gli altri piatti a base di pesce cliccate qui 

  5. Risotto alla pescatora con poco pomodoro

Note

Se ti è piaciuta la raccolta condividila sul tuo profilo, per gli aggiornamenti diventa fan della mia pagina  facebook. Istagram   Pinterest  google +   twitter

Per le altre ricette torna alla HOME

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.