Crea sito

Sangria

La sangria è una bevanda a base di vino e frutta ed è uno degli emblemi della Spagna… quanti bei ricordi che ho! Il suo nome deriva dal suo colore rosso che la rende simile al sangue.

Io vi racconto la mia versione. Non esiste, infatti, una sola ricetta di riferimento perchè ne esistono molte, anche se si riconoscono alcune base comuni:

– la frutta in proporzione e tipo variabile di solito include mela, arancia e pesche;
– il vino rosso corposo, che però alcuni sostituiscono con altri come il nostro Dolcetto oppure con vini bianchi o rosati e addirittura con spumanti o champagne per una versione “con le bollicine”.

E’ una bevanda che contiene in sé l’idea della festa, degli amici, dello stare insieme di cui abbiamo sempre bisogno ma che in estate si fa sempre sentire molto forte. Per questo, nonostante sia tipicamente spagnola, tutto il mondo l’ha subito amata e fatta sua con tutte le nuove varianti, anche fusion.

Ci sono due origini accreditate per questa bevanda: la prima dice che nacque tra i contadini portoghesi e spagnoli nell’Ottocento perché mescolavano al vino la frutta che avevano a disposizione (e ci possiamo credere perché anche qui in Liguria e Piemonte abbiamo sempre fatto le pesche col vino, sia bianco che rosso); la seconda invece dice che la inventarono i marinai inglesi giunti alle Antille per aggirare il divieto di bere il rum…. mascherandolo da innocuo succo di frutta.

Alla ricetta che vi scrivo potete aggiungere le spezie che più amate: cannella, zenzero, chiodi di garofano. Ci stanno benissimo, ma so che non tutti le amano e si possono mettere in minor o maggior quantità, a piacere.

La frutta come le mele e le pesche può non essere sbucciata (ed è più buona con la buccia) ma ricordatevi di comprare solo frutta biologica di provenienza garantita. Buona festa con la sangria!

Sangria
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoCostoso
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo3 Ore
  • CucinaSpagnola

Ingredienti

  • 1mela
  • qialche frutto di bosco
  • 1arancia
  • 2pesche
  • 1limone
  • 1 lvino rosso
  • 50 grum (o Cointreau o Gran Marnier)
  • 100 gzucchero
  • 1 bicchiereacqua

Strumenti

  • 1 Caraffa (grande)
  • 1 Coltello
  • 1 Tagliere
  • 1 Pentolino
  • 1 Spremiagrumi
  • Pelapatate per la scorza di limone

Preparazione

  1. Sangria

    Fare uno sciroppo sciogliendo 100 g di zucchero con un bicchiere d’acqua in un pentolino sul fuoco.

    Nel frattempo lavare e sbucciare tutta la frutta tagliandola a cubetti come per la macedonia.

    Spremere il limone e versare il succo sulla frutta, tenendo da parte la scorza del limone ed eliminando la parte bianca, molto amara.

    Versare lo sciroppo sulla macedonia, aggiungere il vino e il rum e mescolare. A questo punto, se vi piacciono, potete unire le spezie in proporzione variabile e la scorza di limone.

    Far riposare e raffreddare in frigo almeno qualche ora prima di servire.

Altre ricette

Se vi piacciono i liquori fatti in casa, potrebbero interessarvi: perseghin,  limoncellofragolinoliquore al caffè o alla melagrana. Oppure l’uvetta e le albicocche secche sotto grappa.

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su YouTube, su Facebook, su Instagram, su Pinterestsu Twitter e su Telegram.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata ad Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.