Coniglio stufato in padella

Il coniglio stufato in padella o in casseruola è un secondo delizioso e facile da realizzare. A fine cottura, che avviene lentamente, rimane mordido all’interno, rosolato all’esterno e con un sughino di cottura davvero irresistibile.

Le ricette a base di coniglio della tradizione regionale, sono moltissime: nel mio blog trovate anche il coniglio alla ligure e il coniglio arrosto al forno.

La carne bianca del coniglio ha un sapore piuttosto dolce e delicato, molto digeribile e leggera. Chiedete al macellaio di tagliarvi il coniglio a pezzi (io non prendo la testa ma conservo fegato e reni).

Per questa ricetta, oltre al coniglio, servono pochissimi ingredienti: olio extravergine di oliva, cipolla, carota, sedano, salvia e rosmarino. Molto importante è il vino bianco; si sposa benissimo con le carni bianche, togliendo al coniglio il tipico sentore selvatico, che a molti può non piacere. 

Mettiamoci subito al lavoro, porterete in tavola un piatto che piacerà a tutti!

Guardate anche:

Coniglio stufato in padella
Coniglio stufato in padella
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura1 Ora 15 Minuti
  • Porzioni4/6 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàTutte le stagioni

Ingredienti

1 coniglio a pezzi
1 cipolla
1 gambo sedano
1 carota
1 spicchio aglio
q.b. salvia e rosmarino
Mezzo bicchiere vino bianco secco
q.b. olio extravergine d’oliva
q.b. brodo vegetale o acqua
q.b. sale

Strumenti

Padella
Coperchio
Cucchiaio di legno
Tritatutto
Padella

Passaggi

Tritare finemente li sapori: cipolla, aglio, sedano, carota, salvia e rosmarino.

Scaldare l’olio evo in un padellino e far appassire il trito a fiamma bassa per circa 5 minuti. Tenere da parte.

In una grande padella, scaldare un filo di olio EVO e rosolare i pezzi di coniglio a fiamma vivace in modo da creare una bella e uniforme doratura.

Sfumare con il vino bianco e far evaporare del tutto l’alcol. Abbassare la fiamma.

Unire al coniglio rosolato il soffritto di sapori e un mestolo di brodo (o acqua) caldo. Coprire con il coperchio.

Stufare il coniglio per circa un’ora, aggiungendo di tanto in tanto un mestolo di brodo o acqua. Mescolare di tanto in tanto.

Quando il coniglio in padella è cotto e dorato, servire ben caldo irrorandolo con il suo sughetto.

Coniglio stufato in padella
Coniglio stufato in padella

I miei social

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su  YouTube,  Facebook,  Instagram,   Pinterest,  Twitter  e Telegram. Ma se preferite la forma cartacea ho pubblicato anche il libro La mia politica in cucina. 
In questo contenuto possono essere presenti uno o più link di affiliazione.

4,5 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.