Cavolfiore gratinato alla curcuma

Il cavolfiore gratinato alla curcuma è un contorno facile da preparare e molto appetitoso, con quel suo sapore speziato perfetto da servire con carne, pesce, salumi, uova e formaggi.

La ricetta è davvero facile. Bisogna ricavare le cimette di cavolfiore e cuocerle per qualche minuto a vapore. Poi si mettono in una pirofila da forno coperte da una deliziosa panatura alla curcuma e si cuociono in forno fino a quando non saranno dorate e croccanti.

Questo ortaggio straordinario possiede un grande potere antinfiammatorio, depurativo e rimineralizzante e favorisce la rigenerazione dei tessuti. Benefico anche per il sistema immunitario, combatte gli attacchi di germi e batteri. Ricco di fibre alimentari è anche un grande alleato dell’intestino (il nostro secondo cervello). Infine il cavolfiore ha effetti benefici anche per la salute delle ossa, grazie alla presenza di calcio, magnesio e potassio.

E anche la curcuma, fa benissimo! Impiegata da sempre nella medicina ayurvedica e nella medicina tradizionale cinese è un forte antinfiammatorio ed è conosciuta da sempre per l’azione depurativa, antiossidante e analgesica. Protegge il fegato, stimola le vie biliari e fluidifica il sangue.

Per tutte queste ragioni salutistiche ma anche per la sua bontà, provate subito questa ricetta. In poco tempo avrete un contorno leggero e sano, bello da vedere e gustoso da mangiare. Piacerà a tutti!

Date un’occhiata anche a:

Cavolfiore gratinato alla curcuma
Cavolfiore gratinato alla curcuma
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura35 Minuti
  • Porzioni4/6 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàAutunno, Inverno e Primavera

Ingredienti

1 cavolfiore
2 cucchiai curcuma in polvere
50 g pangrattato
30 g parmigiano grattugiato
q.b. sale
q.b. olio extravergine d’oliva

Strumenti

Vaporiera
Pirofila
Tazza
Coltello

Passaggi

Pulire il cavolfiore: tagliare le cime e sciacquarle bene.

Consiglio: per non sprecare nulla, utilizzare i gambi per fare una vellutata, una pizza di cavolfiore oppure un brodo vegetale.

Cercare di ottenere delle cimette della stessa misura per una cottura più omogenea.

Nella base della vaporiera o della pentola mettere 4 dita d’acqua e salarla leggermente. Posizionare il cestello con le cimette messe con il gambo verso il basso e il fiore in alto.

Portare a bollore.

Coprire con un coperchio e fare cuocere per circa 10 minuti. Verificare la cottura con i rebbi di una forchetta o uno stecchino .

Togliere il cestello, facendo attenzione a non bruciarvi, passarli sotto l’acqua fredda per bloccare la cottura.

Nel frattempo in una tazza, preparare la panatura mescolando la curcuma, con il pangrattato, il parmigiano grattugiato e il sale.

Oliare una pirofila, trasferirci le cimette di cavolfiore, cospargere con la panatura.

Irrorare con olio extravergine di oliva e gratinare in forno già caldo statico a 180 °C per 20/25 minuti fino a doratura.

Il nostro cavolfiore gratinato alla curcuma è pronto!

Cavolfiore gratinato alla curcuma
Cavolfiore gratinato alla curcuma

I miei social

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su  YouTube,  Facebook,  Instagram,   Pinterest,   Twitter  e Telegram. Ma se preferite la forma cartacea ho pubblicato anche il libro La mia politica in cucina. 

In questo contenuto possono essere presenti uno o più link di affiliazione.

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.