Crea sito

Filetti di palamita alla mediterranea

I filetti di palamita alla mediterranea sono un secondo piatto a base di pesce saporito, completo e facile da realizzare.

La palamita è un pesce azzurro poco costoso e un po’ bistrattato perchè si pensa che abbia la carne stopposa. Niente di più sbagliato!

Si tratta di un pesce azzurro, ricco di proprietà benefiche, adatto da fare sott’olio, alla piastra o al cartoccio. L’importante è cuocerlo poco… perchè prolungare la cottura seccherebbe e asciugherebbe il pesce.!

Stamattina ne ho trovato una bellissima, appena pescata alla Tonnarella di Camogli, e ho deciso di prepararla con ingredienti mediterranei semplici ricchi di profumi e sapori.
palamita

Una ricetta facilissima da preparare ma non banale. Il pesce (fatevi preparare i filetti dal pescivendolo) va cotto pochi minuti in una padella antiaderente, senza nessun grasso aggiunto, prima da una parte e poi dall’altra.

I filetti vengono serviti su un letto di patate bollite schiacciate, condite e aromatizzate con scorza di limone grattugiata e olio extravergine di oliva. Il tutto viene insaporito da una dadolata di pomodori maturi dove ho aggiunto olive, capperi e basilico.

Il risultato è davvero super sia come olfatto che come gusto; le consistenze perfette. Provate e fatemi sapere se piace anche a voi!

Filetti di palamita alla Mediterranea
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 4 filettipalamita
  • 4patate
  • scorza di mezzo limone bio
  • 20pomodori pachino
  • olive
  • capperi
  • basilico
  • olio evo
  • sale

Strumenti

  • Pentola a pressione
  • Forchetta
  • Padella – antiaderente
  • Coltello
  • Tagliere
  • Grattugia
  • Ciotola

Preparazione

  1. Filetti di palamita alla Mediterranea

    Lessare le patate in acqua salata in pentola a pressione (13 minuti da quando fischia)

    Pelarle e schiacciarle con una forchetta. Grattuggiarci sopra la scorza di limone ben pulita e condire con olio e, se serve, un pizzico di sale. Tenere da parte.

    Preparare nel frattempo la dadolata mediterranea, tagliando a cubetti i pomodori pachino ben lavati. Metterli in una ciotola.

    Condirli con basilico tagliuzzato, capperi e olive tritati a coltello. Spolverizzare con un pizzico di sale, condite con un filo di olio extravergine di oliva. Mescolare e tenere da parte.

    Scaldare una padella antiaderente ed adagiarci i filetti di palamita senza alcun grasso aggiunto.

    Cuocere pochi minuti da un lato e dall’altro. Saranno pronti quando vedrete la carne cotta (diventa chiara!) per metà dello spessore. Poi girare.

    Impiattare distribuendo sul fondo dei piatti le patate schiacciate tiepide, adagiarvi sopra il pesce. Condire con la dadolata mediterranea.

    Buon Appetito!

Altre ricette

Con gli scarti dei filetti potete preparare la polvere di palamita essicata.

Potrebbero interessarvi anche il trancio di ricciola al cartoccio, le acciughe in padella con origano e limone, il besugo all’acqua pazza, le orata al forno alla ligure, il salmone al forno e il branzino al forno con patate gialle e viola.

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su YouTube, su Facebook, su Instagram, su Pinterestsu Twitter e su Telegram.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata ad Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.