Ratatouille, Animelle con salsa al Bergamotto, Maggiorana e aglio Nero

Ratatouille, Animelle con salsa al Bergamotto, Maggiorana e aglio Nero

Ratatouille, Animelle con salsa al Bergamotto, Maggiorana e aglio Nero
Ratatouille, Animelle con salsa al Bergamotto, Maggiorana e aglio Nero

Linguini viene scoperto da Skinner con il mestolo in mano e sta per essere licenziato con l’accusa di aver cercato di cucinare, cosa inammissibile per uno sguattero: la zuppa nel frattempo è stata servita in sala a Solene Le Claire, nota critica gastronomica, che rimane piacevolmente sorpresa (e il giorno dopo scriverà una recensione molto positiva sul locale). I cuochi credono che sia stato Linguini a cucinare la zuppa, e per questo Skinner gli ordina di tornare il giorno dopo e prepararla di nuovo sotto la sua supervisione. Rémy però viene infine scoperto e catturato; l’esecuzione è affidata a Linguini, che lo porta sulla Senna per annegarlo, ma si accorge che il ratto è in grado di capire le sue parole (annuisce quando gli parla) e quindi di collaborare per ricreare il piatto. Inizialmente i due sono in difficoltà poiché Rémy non riesce a trovare il modo di dare le indicazioni a Linguini senza essere visto, ma in seguito scoprono che il ragazzo muove gli arti in modo sincrono quando il topo gli tira certi ciuffi di capelli, come una marionetta. Infine il piatto sarà uguale all’originale e un successo.
Tuttavia, il capocuoco Skinner è invidioso e, in una sera in cui i clienti del ristorante chiedono qualcosa di nuovo che sia preparato dal famoso cuoco della zuppa, prova a screditare il ragazzo incaricandolo di preparare l’unico piatto di Gusteau che non abbia mai avuto successo: le animelle di vitello alla Gusteau farcite con salsa di liquirizia. Il piatto però viene modificato da Rémy con una nuova salsa all’ultimo momento, riscuotendo un grande successo.

Per questo, il mio cartone preferito, ho preparato 3 ricette, ecco la prima già pubblicata
Ratatouille questa che state per leggere e la seconda…….

Ingrediente per 4 persone

900 gr di animelle
2 Bergamotti
1 Arancia tarocco Rosso
5 cucchiai di Marsala
1 cucchiaio di farina e lo stesso quantitativo di burro
2 peperoncini ciu ciu gialli
1 indivia belga
1 bicchiere di aceto
Qualche rametto di maggiorana
4 spicchi d’aglio nero
Sale q.b.
Pepe bianco q.b.
Olio EVO q.b.

Preparazione

Mettete le animelle intere in acqua e aceto per circa per 3 ore, dopodiché sbollentatele per alcuni minuti in acqua leggermente salata, quindi eliminate la pelle e le parti di grasso in eccesso.
A questo punto tagliatele a pezzetti disponetele, in un piatto, cospargeteli con le zeste di bergamotto e il peperoncino ciu ciu gialli, entrambi grattugiati fate insaporire per una decina di minuti. Coprite con una spolverata di farina.
100 g di Animelle di vitello apportano circa 182 calorie (0% carboidrati, 35,2% proteine, 64,8% grassi).
In una casseruola mettete il succo di un bergamotto, il succo dell’arancia ed il Marsala, portare all’ebollizione, poi abbassare la fiamma e far addensare cuocendo per circa 3-4 minuti a fuoco lento. Tagliare il burro a pezzetti ed incorporarlo alla salsa sbattendo energicamente con una frusta, incorporate anche la farina.
Friggete le animelle, mettetele su carta assorbente e salate. Impiattate ponendo alla base le foglie di indivia condite con sale aceto e olio, sopra deponete le animelle, degli spicchi di bergamotto e arancia tagliate al vivo.
Accompagnate con ciuffetti di  salsa e pezzetti di aglio nero, qualche fogliolina di Maggiorana.

Buon appetito

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://plus.google.com/u/0/
https://twitter.com/@calorifi
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici

Animelle aromatizzate al Bergamotto
Animelle aromatizzate al Bergamotto

Pubblicato da peperonciniedintorni

Calogero Rifici nato a Mirto (ME) nel lontano 13 aprile 1958, sono Perito Meccanico e studio cucina, fotografia, elettronica, informatica, ec, ec. Nel 1982 mi sono trasferito a Firenze, per lavorare nel primo impianto di smistamento d’Italia, nel 1984 mi sono sposato con Marina e ci siamo trasferiti a Livorno, sul mare, perché ci nasce sul mare difficilmente ci rinuncia. Per circa 6 anni ho insegnato Office automation in una scuola superiore, ho tenuto diversi corsi di informatica in diverse aziende. Per tanti Anni ho lavorato come specialista infrastrutture per una grande azienda di servizi, mi occupo di sicurezza. Dal gennaio 2019 sono libero professionista, nel campo enogastronomico Dal 2002 sono membro dell’accademia del peperoncino, dal 2008 sono Sommelier Fisar delegazione Livorno. Da 2013 ho un blog, www.peperonciniedintorni.it dove pubblico notizie enogastronomiche e ricette. Quando nelle ricette uso ingredienti particolari, prima spiego gli ingredienti che uso e poi illustro le ricette. Le mie ricette sono o tradizionali o di mia creazione, cerco di valorizzare i prodotti che uso. Faccio parte della delegazione Slow Food di Livorno, e cerchiamo di far conoscere la natura, specialmente ai bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.