Seppie ripiene al forno – ricetta pugliese

Le seppie ripiene al forno sono un secondo piatto tipico pugliese, a base di seppie riempite con un ricco composto a base di uova poi cotte in forno. E’ un piatto ricco e saporito, perfetto per tutte le occasioni e per tutte le festività: per esempio, nella mia famiglia, le seppie ripiene al forno non mancavano mai sulle tavole natalizie, era uno dei piatti forti della nonna, che lei cucinava con grande maestria.

Generalmente è una di quelle ricette che si tramanda di generazione in generazione: questa ricetta, per esempio, mi è stata insegnata da mia madre che, a sua volta, ha imparato da mia nonna. E’ una ricetta antica, ricca di condimento e di sapori, oltre che di tradizione, abbastanza elaborata, come molte ricette di una volta, ma non per questo difficile da preparare!

Per gli amanti dei piatti a base di pesce, le seppie ripiene al forno sono un “must” imprescindibile, anche perchè con il sughetto di questo secondo piatto, qui in Puglia, si è soliti condire primi piatti, generalmente a base di pasta lunga, spaghetti o linguine..e sono davvero fantastici! Le seppie, poi, potrete servirle come secondo, risolvendo, in un colpo solo, un intero pranzo!

Passiamo subito alla ricetta e vediamo insieme come si preparano le seppie ripiene al forno! Se vi interessano altri piatti a base di pesce, potete dare uno sguardo alla mia RACCOLTA DI RICETTE FACILI A BASE DI PESCE.

Seguimi anche su Facebook –  Google+ –  Twitter –  Pinterest – Instagram 

Iscriviti alla Newsletter

Indirizzo Email *

N.B. RICORDATI DI CONFERMARE L’ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER NELLA TUA EMAIL!

Seppie ripiene al forno ricetta pugliese
  • Difficoltà:Media
  • Porzioni:4 persone
  • Costo:Medio

Ingredienti

Per la preparazione delle seppie:

  • 6 Seppie di pezzatura media (Circa 1 Kg)
  • 3-4 Uova (Dipende dalla loro grandezza)
  • 3-4 cucchiai pecorino romano grattugiato
  • 3-4 cucchiai Pangrattato
  • 100 g Scamorza o altro formaggio a pasta filata tagliato a dadini
  • 1 rametto Prezzemolo
  • q.b. sale, pepe

Per il fondo di cottura:

  • 1 Cipolla medio-grande
  • 1 spicchio Aglio
  • 500 g Pomodori a grappolo
  • 1 rametto Prezzemolo
  • 1 costa di sedano
  • 1 Carota
  • q.b. Olio extravergine d’oliva

Preparazione

  1. Vediamo insieme come preparare queste buonissime seppie ripiene al forno.

    Cominciate prima di tutto dalla pulizia delle seppie. Eviscerate bene le seppie, facendo molta attenzione, quando eliminerete l’osso, a non lacerare la membrana che lo contiene, poichè quest’ultima servirà a formare la sacca che conterrà il ripieno. Lavate accuratamente sotto l’acqua corrente per eliminare eventuali residui di sabbia sul fondo della sacca. In ogni caso, per velocizzare la preparazione del piatto o se doveste trovare difficoltà in questa operazione, potete chiedere al vostro pescivendolo di fiducia di farlo per voi.

  2. Passate poi alla preparazione del ripieno. Amalgamate tutti gli ingredienti in una ciotola e lasciate riposare il composto per 10-15 minuti, tempo in cui i liquidi verranno assorbiti dagli ingredienti solidi. In questo lasso di tempo, quindi, vedrete il composto rassodarsi e diventare più compatto.

  3. Preparate il fondo di cottura: prendete una teglia che possa contenere tutte le seppie e coprite tutto il fondo con olio extra vergine d’oliva. Mettete la cipolla tritata finemente e lo spicchio d’aglio intero e fateli imbiondire a fuoco moderato. Aggiungete poi i pomodori tagliati a pezzi, la carota, il sedano e il prezzemolo. Fate cuocere per qualche minuto, dopodichè spegnete e mettete da parte.

  4. Passate al riempimento delle seppie: Aiutandovi con un cucchiaino, mettete il ripieno nella sacca, cercando di spingerlo fino in fondo. Il momento della chiusura della seppia può sembrare piuttosto difficoltoso, anche perchè la seppia potrebbe scivolarvi dalle mani, ma è più difficile a scriverlo che a farlo!

  5. Prendete la parte superiore della seppia, quella con i tentacoli, e chiudete la sacca ripiena con essa, come se fosse un tappo. Bloccatelo poi con degli stuzzicadenti, formando una “X” . Questa operazione, se fatta correttamente, eviterà al ripieno di fuoriuscire eccessivamente in cottura. Non preoccupatevi se un po’ di composto si riverserà nel sugo, perchè questo si insaporirà ancora di più e diventerà ancora più ricco e più buono!

  6. Sistemate tutte le seppie ripiene nella teglia, fate cuocere sul fornello con la teglia semicoperta per circa 30 minuti, finchè il ripieno non si sarà rappreso. Controllate sempre che ci sia brodo di cottura; in caso contrario, aggiungete un po’ d’acqua.

  7. Ultimate la cottura in forno a 200° finchè non saranno gratinate, aggiungendo all’occorrenza un po’ d’acqua per evitare che le seppie ripiene si secchino troppo. Per capire se la seppia è pronta, fate la prova forchetta: infilate la forchetta nella seppia e se la carne della seppia dovesse risultare ancora dura, aggiungete un po’ d’acqua, coprite con un foglio di alluminio e fate cuocere per altri 5-10 minuti o comunque finchè le seppie non risulteranno morbide.

  8. Ricordatevi che il fondo di cottura dev’essere sempre piuttosto denso e abbondante, per mantenere umide le seppie ripiene.

    Servite le seppie accompagnate dal loro sughetto di cottura.

  9. Le vostre seppie ripiene al forno sono pronte per essere gustate! Potete anche prepararle in anticipo e scaldarle a fuoco moderato poco prima di servirle a tavola. Ricordatevi sempre di non farle seccare, quindi al momento di scaldarle, copritele con un coperchio o con un foglio di alluminio e se c’è poco brodo sul fondo, aggiungete sempre un po’ d’acqua.

Note

  • Con questa preparazione potete condire un ottimo piatto di pasta (perfetto quindi quando volete preparare primo e secondo in un colpo solo). Se volete condire spaghetti o linguine con il sugo delle seppie ripiene, togliete queste ultime dalla teglia, trasferendole in un piatto da portata, e mantecate la pasta (spaghetti o linguine), aggiungendo del prezzemolo fresco tritato e un po’ di pepe.

Precedente Plumcake cioccolato e noci con Bimby e senza Bimby - senza lattosio Successivo Petto di pollo alla boscaiola

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.