Salmerino gratinato al forno con panatura di nocciole

Il salmerino gratinato al forno con panatura di nocciole è un secondo piatto delizioso, leggero e salutare, realizzato con un pesce di acqua dolce poco comune sulle nostre tavole ma assolutamente da provare.

La ricetta nasce dalla mia collaborazione con l’Associazione Piscicoltori Italiani. A livello mondiale il consumo di pesce ha un tasso di crescita elevatissimo. Pensate che nel 1961 se ne mangiava 9 kg all’anno procapite, mentre il dato del 2018 dice che siamo a 20,5 kg.

L’acquacoltura sostenibile è l’unica vera alternativa al sovrasfruttamento dei nostri mari. Come recita il mio blog, in cucina possiamo cambiare il mondo 😉 e per questo voglio proporvi nuove ricette per incentivare l’utilizzo in cucina di pesci di acquacoltura meno comuni come il salmerino.

salmerino

Si tratta di un pesce di taglia media, della famiglia dei salmonidi che vive in acque dolci e fresche.
Di indole coraggiosa, ha un corpo fusiforme ed allungato, il salmerino è considerato specie innovativa ed alternativa alla trota nell’allevamento in acqua dolce e fredda. I maschi nella stagione riproduttiva assumono una bellissima livrea nuziale, con ventre e fianchi di un intenso rosso-arancione.

In cucina è apprezzato per le sue carni delicate che io vi propongo di cucinare con una squisita panatura che diventa dorata grazie alla cottura in forno. 😉

Salmerino gratinato al forno
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 4 filettisalmerino con la pelle
  • 50 gnocciole tostate
  • 30 gpangrattato
  • scorza di un limone bio
  • q.b.foglie di salvia
  • q.b.sale e pepe
  • q.b.olio evo

Strumenti

  • Teglia ( da forno )
  • Carta forno
  • Tritatutto
  • Pinzette
  • Tagliere
  • Pelapatate

Preparazione

  1. Salmerino gratinato al forno

    Disporre i filetti di salmerino su un tagliere.

    Per rimuovere le lische laterali, che sono presenti su tutta la lunghezza del pesce può essere utile passarci sopra il dito per individuarle meglio e poi tirarle con la pinzetta.

    Rivestire la teglia di carta forno, ungerla con un filo di olio evo e adagiarvi sopra i filetti con la pelle rivolta verso il basso.

    Preparare la panatura.

    Lavare il limone, asciugarlo e togliere la scorza con il pelapatate.

    In un tritatutto frullare le nocciole, le foglie di salvia e la scorza del limone.

    Poi amalgamare il tutto con il pangrattato, sale e pepe.

    Distribuire la panatura sui filetti di salmerino.

    Condire con l’olio extravergine di oliva e cuocere in forno preriscaldato a 180°C statico per circa 20/25 minuti.

    Sono pronti quando si forma una bella crosticina dorata.

    Servire i filetti gratinati caldi con un contorno di stagione.

Note e altre ricette

Per approfondire i temi dell’acquacoltura seguite A.P.I. su Facebook e Instagram.

Questa ricetta può essere realizzata anche con i filetti di trota.

Potrebbero interessarvi anche: insalata di riso con trota affumicata, la tartare di trota affumicata e crema acida, gli sformatini di trota affumicata alla curcuma e le polpette di trota e patate.

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su  YouTube,  Facebook,  Instagram,   Pinterest,  Twitter  e Telegram. Ma se preferite la forma cartacea ho pubblicato anche il libro La mia politica in cucina. 

In questo contenuto possono essere presenti uno o più link di affiliazione.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.