Crea sito

Pinolate o pignolate genovesi

Le pinolate o pignolate genovesi sono dei buonissimi pasticcini della tradizione ligure, un po’ simili nella forma agli amaretti ma unici per gusto e consisenza.

Il loro impasto è composto da mandorle, zucchero e albumi ed impreziosito dai pinoli che vengono attaccati sulla superficie.

La ricetta è adatta anche a chi è intollerante al glutine perchè non prevede l’uso di farina. Inoltre sono assenti anche grassi aggiunti perchè è sufficiente l’olio contenuto nelle mandorle che li mantiene morbidi e fragranti per diversi giorni.

La preparazione delle pinolate è semplice e veloce. L’unico consiglio che mi sento di darvi è di usare mandorle e pinoli di prima qualità. Sono costosi, lo so, ma solo così il risultato sarà garantito.

Considerateli come una piccola coccola… 😉

Pinolate genovesi
  • DifficoltàBassa
  • CostoCostoso
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 2albumi d’uovo
  • 125 gmandorle pelate
  • 200 gzucchero
  • 150 gpinoli
  • 1 pizzicocremor tartaro o carbonato di ammoniaca

Strumenti

  • Frullatore / Mixer
  • Frusta elettrica e suo bicchiere
  • Ciotola
  • Leccarda
  • Carta forno
  • Sac a poche con beccuccio liscio

Preparazione

  1. Pinolate genovesi

    Mettete nel mixer, le mandorle pelate e lo zucchero semolato e tritare alla massima velocità per ottenere una farina fine.

    Versare la farina ottenuta nella ciotola.

    Montare nell’apposito bicchiere gli albumi a neve. Non deve essere troppo ferma.

    Unire gli albumi un po’ alla volta alla farina di mandorle e iniziare ad impastare.

    Aggiungere il cremor tartaro e finire di amalgamare.

    A questo punto, rivestire con la carta da forno la leccarda.

    Mettete l’impasto in un sac à poche con beccuccio liscio e formare dei mucchietti ben distanziati tra loro grandi come una noce.

    Distribuire generosamente i pinoli sulle palline di impasto e premerli leggermente con la mano in modo che si attacchino bene.

    Infornare con forno preriscaldato a 160° in modalità ventilato per circa 20/25 minuti senza aprire lo sportello.

    I tempi sono indicativi e controllate che i pinoli non prendano troppo colore.

    Una volta sfornate, lasciate raffreddare le pignolate molto bene prima di toglierle dalla placca.

    Si conservano una decina di giorni in un centenitore ermeticamente chiuso,

Altre ricette

Potrebbero interessarvi anche i baci di dama, il castagnaccio, i quadrotti di biscotti e cioccolato, la torta di mandorle e la torta di nocciole.

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su  YouTube,  Facebook,  Instagram,   Pinterest,  Twitter  e Telegram. Ma se preferite la forma cartacea ho pubblicato anche il libro La mia politica in cucina. 

In questo contenuto possono essere presenti uno o più link di affiliazione.

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.