Crea sito

Pane Naan con lo yogurt

Il pane Naan con lo yogurt è una preparazione di origine indiana, molto diffusa in tutta l’Asia centrale e meridionale. Può essere consumato come accompagnamento ad un pasto o essere farcito con gli ingredienti più disparati.

Ho pensato di proporvi questa ricetta “etnica” in una versione (senza lievito) rivisitata da me con l’utilizzo di un ottimo prodotto del nostro territorio: lo yogurt bianco colato del Caseificio Val d’Aveto, un’azienda a cui sono particolarmente legata perché ha saputo dare, con la sua produzione casearia, un grande contributo alla valorizzazione di una valle ligure bellissima. Se non la conoscete, vi consiglio di visitarla!

Questo prodotto artigianale nasce con precise caratteristiche: è uno yogurt colato di tipo greco, ottenuto da latte intero bovino raccolto esclusivamente e direttamente in Val d’Aveto e nella limitrofa Val Trebbia e lavorato in azienda, con un protocollo di lavorazione che prevede una vera colatura a freddo su letti inclinati, per molte ore, e una lavorazione del latte a bagnomaria.

Con il pane Naan, in fondo, vi racconto un po’ di me, profondamente legata alle mie radici ma con uno sguardo positivo e aperto verso nuove culture. Partita dalla mia amata Liguria e approdata a Bruxelles, ho lavorato nella delegazione parlamentare per l’India, dove ho potuto di apprezzare e conoscere, oltre allo yoga, anche la loro buonissima cucina.

La mia ricetta rappresenta, quindi, l’ideale crocevia di tradizione locale e cultura internazionale.

Rivisitando la famosa frase “pensare globalmente e agire localmente“, il pane Naan ci fa apprezzare una ricetta di altri popoli… da realizzare, però, con i nostri eccellenti prodotti locali.

PS. Se vi fa piacere, prima di leggere le istruzioni potete guardare la mia videoricetta.

Sponsorizzato da Caseifico Val d’Aveto

Pane Naan con yogurt Val d'Aveto
  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni8 panini
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaIndiana

Ingredienti

  • 300 gFarina 00
  • 250 gYogurt
  • Mezzo cucchiainoSale
  • 1 pizzicoBicarbonato

Strumenti

  • 1 Ciotola
  • 1 Cucchiaio
  • 1 Mattarello
  • 1 Padella antiaderente
  • 1 Coperchio per la padella
  • Canovaccio
  • Paletta

Preparazione

  1. Pane Naan

    Preparare l’impasto.

    Mettere in una ciotola: farina, sale e un pizzico di bicarbonato.

    Aggiungere lo yogurt e mescolare con un cucchiaio fino ad ottenere un impasto omogeneo.

    A questo punto, trasferire il composto su un piano infarinato e lavorare con le mani fino ad ottenere un impasto elastico.

    Lasciar riposare mezz’ora, coperto da un canovaccio inumidito.

    Preparare il pane.

    Dividere l’impasto in 8 porzioni e formare 8 palline.

    Stenderle con il mattarello, infarinando un po’ la superficie, e formare 8 cerchi/dischi di circa 12 cm di diametro ciascuno.

    Questa operazione è molto importante perchè permetterà al pane di fare le bolle in cottura e di gonfiarsi.

    Cuocere il pane in padella.

    Far scaldare una padella antiaderente sul fuoco e, quando è ben calda, mettere un disco di pane a cuocere.

    Coprire con un coperchio e far cuocere pochi secondi in modo che non far comparire le bollicine sulla superficie.

    Girare il pane e coprire di nuovo con il coperchio in modo che il pane gonfi.

    Vi consiglio, di girarlo più volte in modo che non bruci ma cuocia bene da entrambi i lati. Tenete il coperchio con una mano e con l’altra la paletta per girare il pane (vedi videoricetta).

    Procedete così per tutti gli otto panini.

    Il pane Naan è pronto!

    PS. si può anche cuocere in forno preriscaldato, mettendo tutti i dischi sulla leccarda con carta forno a 200° C statico per circa 12 minuti, senza girarli.

Note e altre ricette

Per questa ricetta ho preparato anche una videoricetta su You Tube.

Con i prodotti del Caseificio Val d’Aveto potete provare anche asparagi, fragole e cialde di San Stè e le lasagne ai carciofi in crema di crescenza.

Potrebbero piacervi anche: la focaccia genovese, i panini alle olive e il pane ai cereali.

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su YouTube, Facebook, Instagram, Pinterest, Twitter e Telegram.

4,6 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata ad Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.