Crea sito

Crostata ripiena di mele e confettura di fragole

La crostata ripiena alle mele e confettura di fragole è una torta semplice a base di frutta e confettura, adatta per merenda o colazione.

In questa torta ho usato le mele renette e la mia confettura di fragole (vedi le mie conserve fatte in casa).

La mela renetta ha origini quasi certamente francesi, pare infatti che provenga dalla Valle della Loira. Oggi, la sua coltivazione è ampiamente diffusa soprattutto nei paesi mediterranei. Il nome deriva dal francese reine, letteralmente regina, tradotto in italiano con il termine renetta.

Le regioni italiane in cui è diffusa maggiormente la produzione sono il Piemonte e la Valle D’Aosta, luoghi in cui questo frutto è particolarmente consumato.

La raccolta avviene generalmente a settembre. I frutti vengono poi conservati in apposite dispense e lasciati maturare fino alla primavera così possiamo avere le mele quasi tutto l’anno.

La ricetta che vi propongo è a base di pasta frolla, farcita con confettura di fragole, mele, uvetta, pinoli, zucchero e cannella.

Bene! Se adorate i dolci alle mele dovete provare questa crostata, per la colazione di domani andrà benissimo!

Crostata ripiena di marmellata e mele
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo1 Ora
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Metodo di cotturaBrace
  • CucinaItaliana

Pasta frolla

  • 200 gBurro a pezzi
  • 370 gFarina 00
  • 100 gZucchero
  • 1Uovo
  • 1 pizzicoSale
  • 1 bustinaVanillina

Ripieno

  • 2Mele renette
  • 100 gConfettura di fragole (o a piacere)
  • 30 gUvetta (Ammollata nell’acqua tiepida)
  • 1/2Limone (il succo)
  • 3 cucchiaiZucchero
  • qualchePinolo
  • 1 pizzicoCannella in polvere
  • q.b.Zucchero a velo

Strumenti

  • Teglia
  • Carta forno
  • Mattarello
  • Spianatoia

Preparazione

  1. Preparazione crostata 1


    Su di una spianatoia, mettere la farina a fontana, lo zucchero, l’uovo, la vanillina e il burro freddo a pezzi. Lavorare con le mani velocemente fino a formare un panetto.

    Avvolgere nella pellicola e mettere in frigo per 1 ora a riposare.

    Nel frattempo sbucciare, privare del torsolo e tagliare a tocchetti le mele. Irrorare con succo di limone e mescolare con lo zucchero, i pinoli e l’uvetta in una ciotola. Tenere da parte.


  2. Preparazione crostata 2

    Passata l’ora di riposo dell’impasto in frigo. accendere il forno a 180° in modalità statico.

    Stendere 2/3 della pasta frolla sulla carta forno e girandola rivestire uno stampo da crostata (22 cm di diametro) rifilando bene i bordi. Coprire di confettura di fragole (o gusto a piacere).

  3. preparazione crostata 3

    Ricoprire con le mele a tocchetti, l’uvetta e i pinoli scolati del liquido.

  4. preparazione crostata 4

    Tra due fogli di carta forno stendere la pasta frolla rimasta della grandezza (un poco di più) della teglia utilizzata. Togliere un foglio e girare l’altro sulla teglia come nella foto. Fare una leggera pressione sui bordi in modo che si tagli la parte in eccedenza.

  5. Rifinire i bordi schiacciando con i rebbi di una forchetta. Bucherellate la pasta frolla.

    Cuocere in forno statico a 180° per 40 minuti

  6. Crostata ripiena di marmellata e mele

    Sfornare, lasciare raffreddare e togliere dalla teglia.
    Coprire con zucchero a velo. Servire a fette.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata ad Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino.