Crea sito

Gnocchi di zucca e patate burro, salvia e parmigiano

Gli gnocchi di zucca e patate burro, salvia e parmigiano sono un primo piatto abbastanza semplice da preparare ottimi da portare in tavola in autunno.

La zucca appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee ed ­ è originaria del Centro America. Insieme a pomodori e patate è stata esportata qui da noi dopo la scoperta dell’America.

La sua maturazione avviene a fine d’agosto ma ormai per tutti noi il mese della zucca è ottobre.

Ed è per questo motivo (e anche perché sono nata a Murta che è il paese delle zucche ;-)) che vi ho già proposto parecchi piatti a base di questo meraviglioso ortaggio: torta di zucca alla ligure, polpettone di zucca, plum cake di zucca e gianduia.

Ci stiamo avvicinando al giorno di Halloween e ormai la tradizione americana ci ha raggiunto. Quando ero piccola io non conoscevo nemmeno l’esistenza di questa festa, mentre oggi ogni vetrina mette in mostra maschere inquietanti e zucche di ogni forma.

E in ogni casa si prepara qualcosa a tema: io vi propongo questi gnocchi… conditi con semplice burro, salvia e parmigiano.

Gnocchi di zucca e patate con burro, salvia e parmigiano
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione40 Minuti
  • Tempo di cottura3 Minuti
  • Porzioni5/6
  • Metodo di cotturaBollitura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gPolpa di zucca (meglio le zucche dalla buccia verde)
  • 200 gPatate
  • 200 gFarina 00
  • 1Uovo
  • 1 pizzicoNoce moscata
  • q.b.Sale

Strumenti

  • Schiacciapatate
  • Spianatoia
  • Schiumarola
  • Pentola
  • Forchetta

Preparazione

  1. Gnocchi di zucca e patate

    Tagliare la zucca a fette, ripulirla dai semi e dalla buccia (la buccia la potete togliere anche dopo averla cotta in forno, l’importante che vi resti 500 g di polpa). Coprire una teglia con carta forno, riporci sopra le fette di zucca e infornare a 180° C, statico per circa 20 minuti. Vedi note.

    Nel frattempo mettere le patate a bollire con la buccia. Verificate con i rebbi della forchetta quando sono cotte.

    Sfornate la zucca, lasciatela intiepidire e schiacciate la polpa nello schiacciapatate. Poi schiacciate anche le patate, che non dovete sbucciare ma schiacciarle direttamente con la buccia. Uscirà la polpa e la buccia resterà nello schiacciapatate. Se vi fa piacere ho preparato un tutorial 😉

    Nella spianatoia infarinata mettete la polpa di zucca e patate e aggiungete gli altri ingredienti: farina, noce moscata, sale e uovo. Lavorate con le mani fino ad ottenere un panetto morbido. Se è troppo appiccicoso aggiungete pochissima farina.

    Formate dei rotolini e tagliateli a tocchetti. Se volete dare la forma tradizionale passate i tocchetti sui rebbi della forchetta con una leggera pressione.

    Consumate in giornata, buttando gli gnocchi in acqua bollente salata e scolandoli con una schiumarola non appena vengono a galla. Condirli a piacere.

    Io ho proposto burro, salvia e parmigiano.

Zucca in forno o bollita?

Nella ricetta vi propongo di utilizzare un tipo di zucca già molto asciutta ma, soprattutto, di cuocere la polpa in forno, in modo che non si impregni di acqua. La polpa di zucca deve essere asciutta per non rendere gli gnocchi appiccicosi.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata ad Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.