Crea sito

Confettura di pomodori verdi e zenzero

La confettura di pomodori verdi e zenzero è ottima per accompagnare i formaggi, durante l’inverno.

Quando parliamo di confetture o marmellate pensiamo subito alla colazione del mattino: al
famoso pane, burro e marmellata. Per questo vi ho già proposto la confettura di fichi.

Ma le confetture (le marmellate sono solo di agrumi) possono essere preparate anche con la verdura. Oggi vi parlo di questa ma ho già inserito quella di peperoni.

Nella tradizione contadina come abbiamo visto, non si butta mai via nulla. Quando in autunno le giornate si accorciano e diventa più freddo, gli ultimi pomodori rimasti attaccati alla pianta non ce la fanno più a maturare. E così venivano raccolti (per fortuna qualcuno ancora lo fa sennò io non potevo presentarvi questa ricetta) e cucinati per conservarli sotto forma di confettura oppure si friggevano. Chi non ricorda il bellissimo film Pomodori verdi fritti?

La ricetta che vi propongo è arricchita di zenzero fresco e scorza di limone.

Si può conservare in dispensa per servirla durante il resto dell’anno per stupire gli amici con una nota colorata e originale.

Una serata a base di formaggi è, ad esempio, è un’idea per una cena improvvisata, come racconto nel mio articolo. Un buon bicchiere di vino rosso non può mancare.

Confettura di pomodori verdi
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni3 vasetti da 200
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1 kgPomodori verdi
  • 450 gZucchero
  • 1Pezzetto di zenzero fresco (circa 4 cm)
  • 1Limone biologico (la scorza)

Strumenti

  • Grattugia
  • Pentola
  • Cucchiaio di legno
  • 3 Vasetti
  • Frullatore / Mixer

Preparazione

  1. Confettura di pomodori verdi

    Grattugiare la scorza di limone biologico e lo zenzero. Lavare e tagliare i pomodori togliendo la parte dura in cima. Frullarli.

    In una pentola dai bordi alti mettere tutti gli ingredienti e accendere il fuco a fiamma decisa. Mescolare di tanto in tanto. Farla bollire finché non perde molti dei suoi liquidi e diventa più densa (vedi note).

    Nel frattempo sterilizzare i vasetti (vedi note del Ministero della Salute).

    Travasare la confettura ancora bollente nei vasetti, chiuderli e girarli a testa in giù, per far formare il sottovuoto. Lasciarli raffreddare e poi capovolgerli ed etichettarli.

    Conservare in luogo fresco e asciutto massimo 6 mesi. Se si apre consumare in 3/4 giorni tenendola in frigo.

Come capire se la confettura è pronta…

Fare la famosa “prova del piattino”: versare un cucchiaino di confettura su un piattino inclinato.
A seconda della densità raggiunta, la marmellata scivolerà più o meno velocemente verso il basso.
Se la marmellata non scorre per nulla è pronta, ma la cottura è stata prolungata eccessivamente.
Se scivola con una certa difficoltà vuol dire che è cotta al punto giusto.
Se la marmellata scivola troppo velocemente significa che bisogna continuare la cottura.

Pubblicato da Renata Briano

Nata ad Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino.