Cavolfiore marinato al forno

Il cavolfiore marinato al forno è un contorno delizioso, facile da preparare e molto leggero e salutare.

Dobbiamo tutti imparare a consumare almeno un paio di volte alla settimana questo ortaggio invernale, ricco di vitamine (in particolare la vitamina C), sali minerali e povero di calorie.

Il cavolfiore possiede un grande potere antinfiammatorio depurativo e rimineralizzante e favorisce la rigenerazione dei tessuti. Fa molto bene anche al sistema immunitario, combattendo gli attacchi di germi e batteri. Per la presenza di fibre alimentari è anche un grande alleato dell’intestino (il nostro secondo cervello).

Infine il cavolfiore ha effetti benefici anche per la salute delle ossa, grazie alla presenza di calcio, magnesio e potassio.

Oggi, per cambiare un po’, vi propongo questo modo di prepararlo, un po’ diverso dal solito, che prevede prima della cottura in forno una deliziosa marinatura nell’aceto balsamico che dona al cavolfiore un aroma davvero invitante. Pensate: grazie a questo trattamento durante la fase di cottura non farà nemmeno il solito odore un po’ sgradevole!

Cavolfiore marinato
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo2 Ore
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni6/8 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1cavolfiore (le cime)
  • 50 mlaceto balsamico
  • q.b.sale e pepe
  • q.b.panatura di mais
  • q.b.olio extravergine d’oliva

Strumenti

  • Coltello
  • Ciotola
  • Pirofila
  • Cucchiaio
  • Colino / Scolapasta
  • Carta assorbente

Preparazione

  1. Cavolfiore marinato

    Pulire il cavolfiore: tagliare le cime, sciacquare bene e asciugare con carta assorbente.

    Mettere le cimette in una ciotola e irrorare con aceto balsamico, sale, pepe nero e olio extravergine di oliva.

    Mescolare in modo che la superficie del cavolfiore sia ben condita e marinare per 2 ore o anche più in frigorifero. Mescolare ogni mezz’ora.

    Disporre le cime in una pirofila unta, aggiungere la panatura di mais, irrorare ancora con un filo di olio e cuocere per 30 minuti a 180°C statico o fino a che non si forma una bella crosticina dorata.

    Servire caldo o tiepido.

Altre ricette

Vi piacciono le mie posate barocche?

Potrebbe interessarvi anche la falsa pizza di cavolfiore, la pasta al forno con salsiccia e cavolfiore oppure quella con salsiccia e cime di broccolo oppure quella con cavolfiore e guanciale.

Se vi piacciono le mie ricette mi trovate anche su  YouTubeFacebookInstagramPinterestTwitter Telegram.

In questo contenuto possono essere presenti uno o più link di affiliazione.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.