Crea sito

Maritozzi baresi – dolce tipico pugliese

I maritozzi baresi sono delle grosse brioche a forma di treccia ricoperte di zucchero semolato..buone, buone come tutte le cose semplici che ci ricordano la nostra infanzia..e questi maritozzi mi ricordano tanto la mia, quando aspettavo con ansia mio padre che tornasse dal panificio,sperando che, oltre al pane, avesse preso anche il maritozzo, che nel mio paese d’origine, facevano a forma di girella gigantesca che, all’epoca, dovevo prendere con due mani per addentarlo..ricordo la soddisfazione di tirare fuori dalla cartella questa brioche enorme avvolta nella carta del pane e ritrovarmi, alla fine, ricoperta di zucchero semolato in ogni dove!

Tornando ai nostri maritozzi baresi, sono delle brioche ottime per la colazione, con pochi grassi e poco zucchero nell’impasto, da preferirsi sicuramente ad un cornetto alla crema, se si vuole stare attenti alla linea.

Tra l’altro, una volta pronti, possono essere congelati e tirati fuori dal freezer al bisogno, scaldarli in forno o nel microonde..et voilà, ogni giorno avrete maritozzi sempre freschi.

I maritozzi baresi originali hanno una lunghezza di almeno 10-15 centimenti, ma volendo, potete farli più piccoli.

Passiamo subito alla ricetta e vediamo come si preparano queste delizie. Se vi interessano altri dolci per la colazione o la merenda, potete dare uno sguardo alle mie raccolte QUI: DOLCI SOFFICI PER LA COLAZIONE FACILI E VELOCIQUI —> RACCOLTA DI CROSTATE E SBRICIOLATE FACILI e QUI: DOLCI PER LA COLAZIONE SENZA LATTOSIO.

Seguimi anche su Facebook –  Google+ –  Twitter –  Pinterest – Instagram 

Iscriviti alla Newsletter

Indirizzo Email *

N.B. RICORDATI DI CONFERMARE L’ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER NELLA TUA EMAIL!

 

maritozzi baresi
  • Preparazione: Minuti
  • Cottura: Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni:
  • Costo: Molto economico

Ingredienti

  • 300 g Farina 00
  • 200 g Farina Manitoba
  • 60 g Burro
  • 1 Uovo intero (+ 1 altro uovo per spennellare)
  • 100 g zucchero semolato (+ altro zucchero per spolverizzare i maritozzi)
  • 1 Cubetto di lievito di birra (ma se avete tempo e le temperature sono alte, vi consiglio di dimezzare la quantità di lievito e aumentare i tempi di lievitazione)
  • 1 pizzico Sale
  • 250-270 ml Latte (la quantità di latte può variare, cominciate con 250-270 ml e aggiungetene eventualmente dell'altro, finché non otterrete un composto sodo ed elastico, ma comunque morbido)

Preparazione

  1. Per preparare i maritozzi baresi, potete aiutarvi con una planetaria, il Bimby o prepararlo a mano.

    Sciogliete il lievito in metà quantità di latte a vostra disposizione. Lasciate poi riposare 15 minuti.

  2. Mettete gli ingredienti tutti insieme nel Bimby o nella planetaria (compreso il latte dove avete sciolto il lievito).

    Per ultimo mettete il latte rimanente. Impastate per 8-10 minuti e se l’impasto dovesse risultare troppo duro, aggiungete piano piano altro latte fino a raggiungere una consistenza soda, ma morbida ed elastica.

  3. Lasciate lievitare circa 2 ore in una ciotola coperta con e sigillata con pellicola trasparente, fino a che l’impasto non sarà raddoppiato di volume.

  4. Riprendete l’impasto e formate dei bastoncini di circa 1 cm di diametro e di 10 cm di lunghezza. Prendetene tre e intrecciateli tra di loro in maniera morbida. Continuate in  questo modo fino ad esaurimento dell’impasto.

  5. Adagiateli man mano su una teglia rivestita di carta forno, ben distanziati tra loro.

    Spennellateli delicatamente con un uovo intero sbattuto, cospargete i maritozzi con abbondante zucchero semolato e fate lievitare altre 2 ore in forno spento.

  6. A lievitazione ultimata, estraete le teglie dal forno, scaldatelo a 200° e poi infornate fino a doratura. I tempi di cottura dipendono dal vostro forno. Quando saranno ben dorati in superficie, saranno pronti (approssimativamente ci vorranno una ventina di minuti).

Note

  • Come variante, potete mettere nell’impasto gocce di cioccolato o dell’uvetta precedentemente ammollata. In caso di aggiunta di questi ingredienti, andranno messi al momento della preparazione dell’impasto, prima della prima lievitazione nella ciotola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.