Crea sito

HALLOWEEN…. DOLCETTO O SCHERZETTO?

Print Friendly, PDF & Email

 

Anche quest’anno Halloween è arrivato… una giornata bella ed intensa! Infatti quest’anno mi sono proprio dedicata a questa festa, non mi sono fatta mancare proprio nulla…. zucca, dolcetti, caramelle… e naturalmente l’immancabile coro dei bambini che suonando chiedono… DOLCETTO O SCHERZETTO????

La storia di Jack o’ lanter

L’usanza di Halloween è legata alla famosa leggenda dell’irlandese Jack, un fabbro astuto, avaro e ubriacone, che un giorno al bar incontrò il diavolo. A causa del suo stato d’ebrezza, la sua anima era quasi nelle mani del diavolo, ma, astutamente, riuscì a far trasformare il diavolo in una moneta promettendogli la sua anima in cambio di un’ultima bevuta. Jack mise il diavolo nel suo borsello, accanto ad

una croce d’argento, cosicché egli non potesse ritrasformarsi. Allora il diavolo gli promise che non si sarebbe preso la sua anima nei successivi dieci anni e Jack lo lasciò libero.

Dieci anni dopo, il diavolo si presentò nuovamente e Jack gli chiese di raccogliere una mela da un albero prima di prendersi la sua anima. Al fine di impedire che il diavolo discendesse, il furbo Jack incise una croce sul tronco. Soltanto dopo un lungo battibecco i due giunsero ad un compromesso: in cambio della libertà, il diavolo avrebbe dovuto risparmiare la dannazione eterna a Jack. Durante la propria vita commise tanti peccati che, quando morì, rifiutato dal paradiso e presentatosi all’Inferno, venne “cordialmente” scacciato dal demonio che gli ricordò il patto ed era ben felice di lasciarlo errare come anima tormentata. All’osservazione che era freddo e buio, il demonio gli tirò un tizzone ardente (eterno in quanto proveniente dall’Inferno), che Jack posizionò all’interno di una rapa che aveva con se. Cominciò da quel momento a girare senza tregua alla ricerca di un luogo di riposo sulla terra. Halloween sarebbe dunque il giorno nel quale Jack va a caccia di un rifugio. Gli abitanti di ogni paese sono tenuti ad appendere una lanterna fuori dalla porta per indicare all’infelice anima che la loro casa non è posto per lui. (Wikipedia)


Torniamo a noi…. prima di farvi vedere i miei dolcetti ecco la mia zucca!! Ci siamo messi io e Luca, mio marito, all’opera, anzi lavoro di squadra, lui l’addetto a svuotarla ed io l’addetta all’intaglio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Veniamo ai dolcetti… ho fatto dei biscottini semplici ma tutti colorati e confezionati in tanti pacchettini.

INGREDIENTI

– 170 gr. di burro

– 150 gr. di zucchero

– 2 rossi d’uovo più 1 uovo intero

– 1 fialetta di aroma al limone

– 300 gr. di farina Molino Chiavazza

– 100 gr. di zucchero a velo

– 1 chiara d’uovo

– coloranti alimentari

In una ciotola mettete il burro e lo zucchero ed amalgamateli. Poi aggiungete l’uovo intero ed i rossi d’uovo, mescolate bene. Versate l’aroma e la farina nella ciotola. Lavorate bene fino ad ottenere un impasto omogeneo. Visto che comunque si tratta di una frolla avvolgetelo nella pellicola e mettetelo in frigo per almeno mezz’ora. Trascorso il tempo stendere la pasta in uno spessore di circa mezzo centimetro e tagliatela nelle forme desiderate.Visto che si trattava della sera di Halloween io ho usato dei tagliapasta a forma di zucca, strega e gatto.

 

 

 

 

 

 

 

 

Poneteli su una teglia ricoperta di carta da forno e cuoceteli in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 10 minuti.

 

 

 

 

 

 

Una volta cotti e raffreddati preparate la glassa: in una ciotolina mettete la chiara d’uovo e montatela a neve. Aggiungete poi lo zucchero a velo ed il colorante alimentare scelto. Mescolate bene fino ad ottenere un composto un pò colloso. Con un cucchiaio versatene un pochino sopra ai biscotti, uno alla volta, spalmandolo un pò. Stenderli su di un piano a farli asciugare per circa 2 ore.

Alla fine li ho incartati nella carta trasparente per poterli regalare ai bambini che saranno passati a suonare al mio campanello.

Seguimi anche su Facebook, clicca mi piace alla pagina e resteremo in contatto! Inoltre iscrivendovi al  canale YouTube  resterete aggiornati anche sulle nuove video ricette! Ci conto!!
 
images
youtube-logo
 
 
Share this nice post:

9 comments on HALLOWEEN…. DOLCETTO O SCHERZETTO?

  1. Paola
    1 novembre 2011 at 11:06 (6 anni ago)

    carinissimi questi biscotti per Halloween.. li metto subito nella raccolta, grazie
    Paola

    Rispondi
  2. marisa
    1 novembre 2011 at 12:15 (6 anni ago)

    Complimenti Laura!!!! Non ti sei fatta mancare proprio nulla….persino il contest!!!
    un bacione e bravo anche a Luca

    Rispondi
  3. roberta
    1 novembre 2011 at 17:24 (6 anni ago)

    bellissimi questi biscotti e complimentoni per la zucca!

    Rispondi
  4. Sabrina&Luca
    1 novembre 2011 at 17:49 (6 anni ago)

    Sono bellissimi, curati fin nel dettaglio, tanto che sembra di averli davanti, andiamo subito ad inserirli, sei stata grandiosa!
    Mille bacioni e buona serata
    Sabrina&Luca

    Rispondi
  5. giulia
    4 novembre 2011 at 12:01 (6 anni ago)

    bellissimi i biscotti! e meravigliosa la maxi zucca!! quanta pazienza!!!!!

    Rispondi
    • cucinalaura
      4 novembre 2011 at 12:11 (6 anni ago)

      si hai proprio ragione… mi ci è voluta parecchia pazienza, sopratutto per i biscotti!!

      Rispondi
  6. Ann
    4 novembre 2011 at 20:59 (6 anni ago)

    Sono davvero adorabili 🙂
    Grazie per averli inseriti nella mia raccolta. Presto potrai vederli sul pdf 😉

    Rispondi
  7. Eleonora
    5 ottobre 2013 at 15:23 (4 anni ago)

    Ciao! Bellissimi questi biscotti! Sto cercando proprio questi tagliapasta a forma di zucca! Potresti dirmi la marca?

    Rispondi
    • cucinalaura
      5 ottobre 2013 at 17:04 (4 anni ago)

      ciao Eleonora! 🙂 io li ho comprati qualche hanno fa sugli introvabili (trovi il sito anche on line). erano una scatola con tipo un centinaio di formine varie e c’era anche quella a forma di zucca. la confezione costava poco e sono in plastica… funzionano bene! prova a dare un’occhiata, non so se li hanno sempre. 🙂

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *