Pangoccioli con bacche di goji

Salve amici, come ho sempre scritto mi piacciono le cose fatte in casa, perchè sono sempre più sane, quindi preparo sempre qualche dolce per la colazione e la merenda, soprattutto per la piccola.
I pangoccioli con le bacche di goji sono dei paninelli dolci, con cioccolato e bacche di goji nell’impasto  per renderli ancora più nutrienti. Buoni, soffici, senza conservanti, molto genuini,  perfetti per la colazione, merenda, da portare a scuola, per qualsiasi pausa dolce.
E’ un impasto veloce con lievito di birra, molto semplici da preparare soprattutto se siete attrezzati di una planetaria.
Essendo un impasto di panbrioche veloce, senza lievitino e doppia lievitazione, hanno poca durata, il giorno dopo diventano un pò duretti, però se li conservate bene dentro un recipiente chiuso e il giorno dopo li riscaldati nel microonde si ammorbidiscono, potete anche congelarli e mangiarli a colazione appena sfornati.

Pangoccioli con bacche di goji

Pangoccioli con bacche di goji

Pangoccioli con bacche di goji
  • Ingredienti:
  • 400 gr. di farina 00
  • 100 gr. di farina manitoba
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • 1 uovo intero
  • 100 gr. di zucchero
  • 80 gr. di burro morbido
  • la buccia grattugiata di arancia o limone
  • aroma vaniglia
  • 70 gr. di gocce di cioccolato fondente
  • 40 gr. di bacche di goji Lindenberg
  • zucchero a velo q.b.

Procedimento:

Se avete una planetaria versate il tutto e usate  la frusta “a gancio”, ciò garantisce una buona incordatura dell’impasto,  ma se non l’avete, armatevi di pazienza e impastate il tutto a mano, per ottenere un ottimo risultato dovete solo avere l’accortezza di lavorare l’impasto su un piano fino a quando sarà morbido e liscio.

Iniziate a  sciogliere in una ciotolina il lievito in un pò di latte appena TIEPIDO altrimenti se è caldo muoiono gli agenti lievitanti e non gonfia l’impasto.
Versate nella planetaria, usate all’inizio la foglia o k  unite lo zucchero, mescolate bene, poi aggiungete l’uovo sbattuto, la buccia grattugiata, la vaniglia, impastate ancora poi  togliete la frusta k e montate il gancio, e mentre la planetaria lavora a velocità bassa versate metà delle due farine  (miscelate) un poco alla volta, aggiungete il burro morbido ma non caldo, lavorate bene tutto fino ad ottenere un bel impasto morbido, unire il resto delle farine, fino ad ottenere un impasto leggermente appiccicoso, ma incordato bene al gancio.
Se dovesse risultare troppo appiccicoso aggiungete un po’ di farina, ma davvero poca, perché deve rimanere un po’ morbido.

Aggiungete per ultime la gocce di cioccolato, meglio congelate, e le bacche di goji, amalgamandole bene all’impasto. Mettete l’impasto coperto a lievitare per circa 2 ore.

Dopo lievitato, sgonfiate l’impasto, lavoratelo appena e dividetelo in tante palline di circa 50 gr. ciascuna, poneteli nella teglia ricoperta di carta forno, distanziati l’uno dall’altro e rimetteteli a lievitare per un’altra ora, circa.
Devono raddoppiare di volume, se serve lasciate lievitare ancora, dipende dalla temperatura ambientale, adesso che le giornate sono più fresche ci impiega di più, non avete fretta, se avete seguito alla lettera prima o poi lieviteranno.

Dopo lievitate spennellate la superficie con del latte e uovo sbattuto se li volete lucidi, io ho usato solo latte zucchero e burro.

Passate la teglia in forno caldo preriscaldato a 180° per circa 15/ 20 minuti, quando risultano dorate togliete dal forno, altrimenti si asciugano troppo.

Lasciate raffreddare i pangoccioli con bacche di goji spolverate con zucchero a velo e buona merenda!!! 😉

Cliccate le foto in miniatura per vederle ingrandite

Pangoccioli con bacche di gojiPangoccioli con bacche di gojiPangoccioli con bacche di gojiPangoccioli con bacche di gojiPangoccioli con bacche di gojiPangoccioli con bacche di goji

 

 

 

 

 

Venite a trovarmi anche nella mia pagina di facebook per seguire tutti gli aggiornamenti

 

 

 

Precedente Olive verdi condite Successivo Totani ripieni al sugo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.