Portafogli di pollo alla valdostana

I portafogli di pollo alla valdostana sono una versione più leggera della classiche costolette valdostane.

In questa ricetta ho utilizzato il petto di pollo (al posto della carne di vitello) e la cottura al forno (invece della frittura), rendendo il piatto oggettivamente più light e meno invernale.

Rimaniamo però nel pieno della tradizione gastronomica valdostana: una cucina povera di verdure a causa del clima rigido e del territorio montuoso, con versanti molto ripidi e quindi poco adatto all’agricoltura.

Nello stesso tempo, però, gli uomini hanno potuto sfruttare gli ampi pascoli per l’allevamento e la produzione di latte, latticini e formaggi, tutti ingredienti molto presenti nelle ricette tradizionali.

La Fontina DOP, ad esempio, con il suo profumo di latte, il sapore dolce e la pasta morbida e fondente non manca mai. Nemmeno in questa ricetta che vi racconto qui di seguito… 😉

Cotolette di pollo alla valdostana
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gfette di petto di pollo
  • 120 gprosciutto cotto a fette
  • 120 gfontina a fette
  • 2uova
  • 60 gpangrattato
  • 30 gparmigiano grattugiato
  • q.b.sale e pepe
  • q.b.olio extravergine d’oliva

Strumenti

  • 4 Stuzzicadenti lunghi
  • 2 Piatti fondi
  • Teglia grande
  • Carta forno
  • Batticarne
  • Forchetta
  • Tagliere

Preparazione

  1. Cotolette di pollo alla valdostana

    Disporre le fette di petto di pollo su un tagliere.

    Batterle con il batticarne.

    Mettere sopra ogni fetta il prosciutto cotto e la fontina a fette.

    Ripiegare in due, formando una specie di portafogli e chiudere con uno stuzzicadenti. Io spezzo in due quelli lunghi.

    In un piatto fondo sbattare le uova con sale e pepe. Nell’altro miscelare il pangrattato con il parmigiano grattugiato.

    Passare i portafogli di petto di pollo prima nell’uovo e poi nella panatura.

    Sistemarli in una teglia ricoperta di carta forno. Ungerli con un filo di olio evo e infornare a 180° C ventilato per circa 20 minuti o fino a che non sono dorati. La fontina potrebbe sciogliendosi fuoriuscire un po’ ma va bene così!

    Servire caldi con un contorno di stagione.

Consigli e altre ricette

Potrebbero interessarvi anche altre ricette valdostane come la Soça di Cogne, le crespelle alla valdostana e la Tourta di Saint Grat.

In questa ricetta ho utilizzato l’olio extravergine di oliva ROI.

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su  YouTube,  Facebook,  Instagram,   Pinterest,  Twitter  e Telegram. Ma se preferite la forma cartacea ho pubblicato anche il libro La mia politica in cucina. 

In questo contenuto sono presenti uno o più link di affiliazione.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.