Crea sito

Il pesto di carciofi

Il pesto di carciofi è una valida alternativa gustosa e saporita al pesto tradizionale, soprattutto durante la stagione invernale. Ottima per condire la pasta ma anche come salsa di accompagnamento alla carne ai ferri o spalmata su un crostone di pane abbrustolito, tipo bruschetta.

So già che i puristi mi rimprovereranno. Da buona ligure, so bene che il pesto si fa con il basilico nel mortaio, ma quello è il cosiddetto pesto alla genovese (o genovese).

Se però analizziamo bene il termine pesto possiamo anche intendere una salsa realizzata con ingredienti diversi dal basilico, basta che siano freschi, a crudo o (al massimo) leggermente scottati. Devono poi essere pestati o tritati e ben amalgamati e per farlo possiamo ottenere ottimi risultati anche con un mixer.

In questa salsa utilizziamo il carciofo, una tipica pianta mediterranea che svolge il suo ciclo tra l’autunno e la primavera. Questo ortaggio è ricco di vitamine e sali minerali. In Liguria utilizziamo preferibilmente il carciofo spinoso di Albenga, detto anche Violetto.

La ricetta che vi propongo è quella di Cristina Corti, la mia amica fotografa. Me l’ha suggerita un giorno a casa mia mentre mi scattava le sue bellissime foto… 😉 Gli ingredienti sono quelli del pesto tradizionale con l’aggiunta di qualche fogliolina di maggiorana.

Questa salsa è molto comoda da preparare in anticipo e conservare in un barattolo per alcuni giorni in frigo.

Pesto di carciofi
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo10 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Metodo di cotturaVapore
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 4Carciofi violetti di Albenga
  • 150 mlOlio EVO
  • 100 gParmigiano grattugiato
  • 50 gPinoli
  • Mezzo spicchioAglio di Vessalico senza anima
  • Foglioline di maggiorana
  • Sale
  • Succo di limone per acidulare acqua

Strumenti

  • Vaporiera
  • Coltello
  • Ciotola
  • Frullatore / Mixer

Preparazione

  1. Pesto di carciofi

    Pulire i carciofi, eliminando le foglie esterne troppo dure e tagliando le punte.

    Tagliare i carciofi in 4 parti ed eliminare la peluria interna poi immergerli in acqua acidulata con succo di limone per 10 minuti.

    Cuocerli a vapore per 10 minuti circa. Verificare con uno stecchino se sono teneri.

    Metterli nel frullatore con aglio (facoltativo), pinoli, maggiorana, un pizzico di sale, parmigiano grattugiato e frullare il tutto.

    Continuare a frullare versando l’olio a filo fino a quando si otterrà una crema di carciofi più o meno grossolana. Fate voi a seconda del gusto personale.

Altre ricette

Se vi è piaciuta questa ricetta potrebbe interessarvi anche la salsa di noci, il pesto di cavolo nero, il pesto di zucchine e il famoso pesto alla genovese.

Potrebbero piacervi anche: carciofi impanati e fritti, carciofi alla romana, carciofi con le uova, carciofini sott’olio, insalata di gamberi, carciofi e ceci, frittata di carciofi e seppie con i carciofi.

Se vi piacciono le mie ricette mi trovate anche su YouTube, Facebook, Instagram, Pinterest, Twitter e Telegram.

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata ad Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.