Cinghiale alla cacciatora

Cinghiale alla cacciatora

Adoro le ricette di famiglia e scoprirne di nuove mi ispira a provarle, sia a mangiarle che a cucinarle. 😉
La ricetta che vi propongo oggi, appunto il cinghiale alla cacciatora, l’ho scoperto un pò di anni fa da mia cugina (diventata), che lo fa buonissimo, ma solo quest’anno ho provato e, a detta di chi lo ha mangiato è venuto davvero buono.

Beh l’ho mangiato anch’io, ma bisogna sempre ascoltare il giudizio degli altri. 🙂
Ho preparato questo gustosissimo secondo piatto proprio con la ricetta che mi ha dato mia cugina.

Olive e passata di pomodoro esaltano il sapore dei bocconcini di cinghiale, rendendolo succulento e saporito e le foglie di alloro gli danno quel profumino davvero speciale.
Insomma, non vi resta che provarlo, perchè oltre che buono è anche facilissimo da preparare… Parola di Carmencita! 😉

Cinghiale alla cacciatora
  • Difficoltà:Bassa
  • Preparazione:20 minuti
  • Cottura:3 ore
  • Porzioni:6 persone
  • Costo:Medio

Ingredienti

  • Carne di cinghiale 1 kg
  • Cipolle 1
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Vino bianco 1 bicchiere
  • Origano q.b.
  • Alloro 5 foglie
  • Peperoncino (piccolo) 1
  • Sale fino q.b.

Preparazione

  1. Tagliate la carne di cinghiale a cubetti.

  2. In una pentola fate scaldare l’olio (se ce l’avete, usate la pentola di terracotta) e, quando sarà ben caldo, aggiungete la cipolla tagliata a fettine sottili il peperoncino e fate rosolare.

  3. Aggiungete al soffritto la carne a pezzi, lasciatela rosolare un attimo, aggiungete le olive, le foglie di alloro, l’origano e sfumate col vino bianco.

  4. Quando il vino sarà evaporato, aggiungete la passata di pomodoro, salate secondo i vostri gusti e cuocete il cinghiale alla cacciatora a fuoco medio-basso, per circa 2 ore e mezza 3 ore, mescolatelo di tanto in tanto per non far attaccare la carne e portatelo a cottura.

  5. A fine cottura, portate il cinghiale alla cacciatora in tavola con tutta la pentola e servite man mano i vostri ospiti, così la carne resterà a lungo più calda.
    Accompagnate il cinghiale alla cacciatora con del pane a fette tostato e caldo, sentirete che bontà. 😉

Note

Ci tengo molto a darvi questo piccolo, ma prezioso consiglio.
Io, per la preparazione del cinghiale alla cacciatora, ho preferito usare prodotti (ove possibile) sicuri della provenienza e/o provenienti da agricoltura biologica, perché per una vita sana è sempre meglio essere prudenti e controllare la provenienza degli alimenti che consumiamo. 😉

Se vi piacciono le mie ricette seguitemi anche su facebook: Carmencita da leccarsi le dita

Precedente Biscotti di Natale Successivo Polpette al sugo ricetta

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.