Crea sito

Uova di quaglia impanate e fritte

Le uova di quaglia impanate e fritte sono un’idea molto originale che sorprende sempre gli ospiti. La loro croccantezza esterna e il loro cuore mordibo le rendono irresistibili tanto che una tira l’altra e spariscono subito.

Le uova di quaglia sono più piccole di quelle classiche di gallina, pesano intorno ai 10 – 12 g e hanno il guscio maculato. Sono considerate un alimento salutare e dietetico in quanto ricche di oligoelementi e vitamine. In confronto all’uovo di gallina, l’uovo di quaglia contiene sei volte più di vitamina B1, quindici volte in più di vitamina B2, cinque volte più di fosforo, ferro, potassio. Contengono anche proteine, vitamine (A, B, E), calcio, zinco e zolfo.

Ma l’aspetto più importante è che queste piccole uova contengono molto meno colesterolo della maggior parte delle uova di altri animali.

Io le utilizzo molto volentieri perché sono belle da presentare, cotte in qualsiasi modo (vi ho già parlato, ad esempio, dei medaglioni di polenta). Inoltre sono molto gustose e facili da preparare.

Questa ricetta è assolutamente da provare e fatemi sapere se vi è piaciuta!

Uova di quaglia impanate e fritte
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 12Uova di quaglia
  • q.b.Pangrattato
  • q.b.Sale
  • 1Uovo di gallina
  • q.b.Prezzemolo tritato
  • q.b.Olio per friggere (vedi note)
  • 500 mlAcqua

Strumenti

  • Pentola piccola
  • Pentola alta per friggere
  • 3 Ciotole
  • Schiumarola per frittura
  • Carta paglia
  • Carta assorbente

Preparazione

  1. Uova di quaglia impanate e fritte

    Mettere le uova in un pentolino di acqua fredda e accendere il fuoco. Quando l’acqua prende il bollo, lasciare cuocere le uova per 6 minuti. Scolarle, passarle sotto l’acqua fredda e sgusciarle con attenzione.

    Asciugarle bene nella carta assorbente. In una ciotola sbattere l’uovo. Nell’altra mettere il pangrattato con il sale e il prezzemolo tritato.

    Passare le uova nell’uovo e poi nel pangrattato e ripetere l’operazione.

    Scaldare l’olio nella pentola per frittura e quando è caldo friggere le uova rigirandole in modo che diventino dorate e croccanti su tutta la superficie.

    Scolarle e appoggiarle sulla carta paglia. Servire ben calde aggiustando di sale, se il caso.

Punto di fumo

Come ho scritto nella ricetta delle acciughe impanate e fritte, per friggere occorre usare un olio con punto di fumo alto. Il punto di fumo è la temperatura in cui l’olio riscaldato comincia a rilasciare sostanze volatili che divengono visibili sotto forma di fumo , formando anche acroleina, una sostanza tossica. È particolarmente importante nella frittura, sia casalinga, sia industriale sia dei ristoranti.

Io in genere uso olio EVO oppure olio di semi di girasole di ottima qualità.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata ad Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.