Crea sito

Strudel di verza e porri (vegan)

Lo strudel di verza e porri è una gustosa torta salata ripiena di verdure.

La verza è una varietà di cavolo che si inizia a raccogliere alle soglie dell’autunno fin verso il mese di aprile. E’ molto ricca di vitamine e altre sostanze benefiche per rafforzare il sistema immunitario, per mantenere bella la pelle, aiutare il transito intestinale ed è utile per chi segue diete dimagranti perché sazia senza appesantire lo stomaco.

Anche il porro ha numerose proprietà utili alla salute del nostro organismo: tonico, diuretico, antisettico, è utile per curare reumatismi, infezioni urinarie, emorroidi, punture di insetti. E’ noto fin dai tempi antichi per essere un alimento afrodisiaco. 😉

Come sicuramente avrete notato sul blog, non sono né vegana né vegetariana ma seguo i principi della dieta mediterranea che non sono solo un semplice elenco di prodotti alimentari ma rappresentano un vero e proprio stile di vita.

Piramide alimentare

In questa dieta, alla base della piramide alimentare ci sono ortaggi e frutta; poi i cereali (preferibilmente integrali), le patate e i legumi. Solo dopo troviamo l’olio extravergine di oliva e la frutta secca. Tutti questi alimenti sono da consumare quotidianamente.

Salendo la piramide troviamo prodotti da consumare via via meno frequentemente, come i latticini, il pesce, le uova, i formaggi, le carni bianche . Infine la carne rossa e i dolci, da mangiare con moderazione.

Per aumentare il consumo di prodotti di origine vegetale, mi piace sperimentare nuove ricette, anche vegane come questa, che trovo leggera e gustosa e che ha conquistato il mio caro marito brontolone… Mi sono detta: “se piace a lui, piace a tutti” e per questa ragione ve la scrivo.

Strudel di verza e porri
  • DifficoltàMedia
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo40 Minuti
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Sfoglia

  • 150 gFarina 00
  • 50 gFarina di riso
  • 100 mlAcqua
  • 50 mlOlio EVO
  • 5 gSale

Ripieno

  • 100 gFoglie di verza a listarelle
  • 70 gPorri a pezzi
  • 30 gCipolla bianca
  • 20 mlOlio EVO
  • Mezzo cucchiainoSale
  • 2 cucchiaiPassata di pomodoro
  • 20 gSemi di girasole

Strumenti

  • Ciotola
  • Spianatoia
  • Mattarello
  • Pentola
  • Coltello
  • Cucchiaio di legno
  • Forchetta
  • Pellicola per alimenti
  • Carta forno
  • Leccarda

Preparazione

  1. Strudel di verza e porri

    Preparare la pasta dello strudel.

    In una ciotola mettere tutti gli ingredienti (farine, acqua, olio e sale) ed impastarli tutti insieme prima con l’aiuto di una forchetta poi con le mani.

    Compattare l’impasto in una panetto, avvolgerlo nella pellicola e riporre in frigorifero per 20 minuti.

    Nel frattempo, preparare il ripieno.

    Mettere a rosolare, in una pentola con l’olio, la verza lavata e tagliata a listarelle, il porro e la cipolla a fettine sottili.

    Dopo qualche minuto aggiungere il sale e la passata di pomodoro. Abbassare il fuoco e far stufare lentamente per una decina di minuti. Poi spegnere e far raffreddare.

    Riprendere il panetto (dopo 20 minuti di riposo in frigo). Toglierlo dalla pellicola e sulla spianatoia infarinata tirare con il mattarello una sfoglia 60 cm per 20 cm. Ripiegare la sfoglia in tre parti poi ruotare di 90°. Stendere di nuovo con il mattarello e ripetere la piegatura per due volte. Poi avvolgere il rettangolo nella pellicola e rimetterlo in frigo per 20 minuti.

    Preriscaldare il forno a 200° ventilato e preparare due fogli di carta forno sul tavolo.

    Dividere l’impasto a metà e sistemare le due metà sopra i due fogli.

    Con il mattarello stendere le sfoglie fino ad uno spessore di 1,5 mm. Ditribuire il ripieno al centro, lasciando liberi 2 cm di bordo e cospargere con i semi di girasole.

    Arrotolare le sfoglie aiutandosi con la carta forno e realizzare due strudel.

    Sigillare le estremità dei rotoli e riporli sulla placca del forno (sopra la loro carta così non si attaccano).

    Cuocere in forno caldo (200°C) per circa 40 minuti e finchè non saranno ben dorati.

    Sfornare, lasciare intiepidire e servire a fette.

Potrebbe interessarvi anche la ricetta di porri e patate in teglia e lo sformato di cavolo cinese (che però si può cucinare anche con la verza.

Se vi piacciono le mie ricette mi trovate anche su YouTube, Facebook, Instagram, Pinterest, Twitter e Telegram.

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata ad Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.