Cavolfiore sott’olio

Ci sono tante cose che mi piacciono e tra queste c’è anche il cavolfiore sott olio.
Ho sempre adorato i cavolfiori, fin da piccola.
Mi ricordo quando il sabato andavo al mercato del paese con mia nonna e c’era quello che vendeva le olive, i lupini e la giardiniera, io mi facevo sempre scegliere due o tre cime di cavolfiore da mangiare al momento… Mhhh, mi ricordo ancora il sapore, non erano sott’olio, quelli erano sott’aceto e mi ricordo che la mia nonna li metteva anche nell’insalata; quanti ne ho mangiati! 🙂
E tutt’oggi li mangio ancora, mi piacciono anche crudi, ho cominciato a mangiarli crudi più meno una decina di anni fa, quando ho scoperto che Jovanotti (il mio idolo, a 15 anni ero convinta che un giorno me lo sarei sposato, ma non e stato così) li mangiava crudi senza condirli e vi dirò, non sono poi così male, il sapore è un pò forte, ma sono buoni. 🙂
Ma non voglio dilungarmi troppo, sul perchè mangio i cavolfiori, bensì voglio lasciarvi la ricetta di questi fantastici cavolfiori sott olio che mi ha insegnato a fare mia suocera.
Sono perfetti come contorno o come antipasto di verdure, profumati e speziati, dal sapore intenso seppur delicato.
Finalmente arriva la ricetta, eccola tutta per voi! 😉

Cavolfiore sott olio ricetta come farlo in casa

Cavolfiore sott'olio

Difficoltà: Bassa
Tempo di preparazione: 10 minuti + 20 minuti di cottura

Ingredienti per due vasetti da 2,5 dl di cavolfiore sott olio:
– 1 kg di cavolfiori;
– 1 stecca di cannella;
– 10 grani di pepe nero;
– 1 cucchiaino scarso di sale fino;
– 2 bicchieri di aceto (io ho usato quello di mele);
– 3 bicchieri di olio extravergine di oliva;
– 2 cucchiai di passata di pomodori (cliccate qui per la ricetta)

Preparazione:
Pulite i cavolfiori eliminando le foglie, i torsoli grossi e divideteli a cimette.

Aggiungete tutti gli ingredienti a freddo in una pentola bella capiente, portate ad ebollizione e fate bollire per 5/10 minuti circa (dipende quanto vi piacciono croccanti).

Versate il composto ancora bollente nei vasetti perfettamente asciutti e precedentemente sterilizzati, chiudeteli e capovolgeteli per creare il sottovuoto, copriteli con un panno e lasciateli raffreddare lentamente. Lasciateli così fino al completo raffreddamento.

Se volete fare un ulteriore sterilizzazione ecco come procedere:
In una pentola mettete i vasetti con il cavolfiore sott olio e, per non farli toccare tra loro e tenerli ben saldi, avvolgeteci intorno dei canovacci.

Riempite la pentola con acqua fredda, cinque centimetri sopra i vasetti, mettetela sul fuoco e portate a ebollizione.
Quando l’acqua bolle lasciate bollire per circa 20 minuti.
Tirate su i vasetti quando l’acqua si sarà raffreddata.

Nota: Questo trattamento serve a ridurre i microrganismi vitali che possono alterare il prodotto.

Cavolfiore sott olio ricetta

Consiglio:
1. Lasciate riposare i vasetti di cavolfiore sott olio una settimana prima di consumarli.
Conservare in luogo buio, asciutto e aerato.

2. Ci tengo molto a darvi questo piccolo, ma prezioso consiglio.
Io, per la preparazione del cavolfiore sott olio, ho preferito usare prodotti (ove possibile) sicuri della provenienza e/o provenienti da agricoltura biologica, perchè per una vita sana è sempre meglio essere prudenti e controllare la provenienza degli alimenti che consumiamo.

Se vi piacciono le mie ricette seguitemi anche sulla mia pagina di Facebook: Carmencita da leccarsi le dita

Ps. Lo so che sott’olio si scrive con l’apostrofo, ma per problemi tecnici, in questo articolo ho dovuto ometterlo… Pardon! 😉

Salva

Salva

Salva

Salva

Precedente Albicocche sciroppate con erba limoncina Successivo Cheesecake cocco e nutella ricetta

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.