Crea sito

Risotto con gli avanzi del frigo

Il risotto con gli avanzi del frigo può diventare con la nostra fantasia un piatto davvero gustoso e sostenibile.

Imparare a cucinare con gli avanzi ha molti vantaggi per noi e per gli altri. Come dice il mio blog cucinare è fare politica, perché attraverso le nostre scelte esprimiamo le nostre idee sul mondo che vorremmo.

Si calcola che in Italia, una persona sprechi ogni anno 146 chilogrammi di cibo. Un terzo della produzione mondiale di cibo finisce nella spazzatura. E nello stesso tempo abbiamo una grande parte della popolazione che soffre la fame e un’altra, più piccola, che soffre di obesità dovuta ad una alimentazione sbagliata ed eccessiva. Questi dati ci dimostrano quanto sia ingiusta le distribuzione delle risorse tra le diverse aree geografiche del pianeta.

Noi viviamo nella parte più fortunata ma non sprecare è un dovere morale per combattere le diseguaglianze. Ogni singola azione è una piccola goccia ma tante gocce possono davvero cambiare il mondo.

Riutilizzare gli avanzi è anche un vantaggio per noi perché ci fa risparmiare economicamente e ci fa divertire in cucina dando spazio alla nostra fantasia.

Ci capita spesso di aprire il frigo e trovare un po’ di verdura di qualche giorno prima, qualche pezzetto di formaggio, due fettine di salumi… e così via.

Io, ad esempio, avevo nel frigo qualche avanzo, che non volevo buttare. E così ho inventato questo risotto con gli avanzi di verdura mantecato con gli avanzi di formaggio. Il metodo di cottura segue le famose 10 regole. 😉

Risotto con gli avanzi
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura14 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFuoco lento
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 320 gRiso Baldo o Vialone nano
  • 250 gVerdure miste (Io ho usato carote, zucchine, mezzo finocchio e qualche foglia esterna di lattuga)
  • 1Cipollotto fresco
  • 1 lBrodo vegetale
  • 150 gFormaggio avanzato (Io ho usato toma e fontina perchè ero in Valle d’Aosta)
  • 100 mlVino bianco

Strumenti

  • Pentola per risotti larga

Preparazione

  1. Risotto con gli avanzi

    Affettare finemente la cipolla (o il porro o lo scalogno) e farlo soffriggere due minuti nell’olio. Aggiungere le verdure che avete nel frigo tagliate a dadini o fettine o a julienne (come preferite) aggiungetele e passarle un minuto nell’olio bollente (vedi note). Poi aggiungere anche il riso e un po’ di sale fino e fare tostare un minuto, sempre mescolando per tutta la cottura. Bagnare con il vino bianco e farlo evaporare. Iniziare a bagnare con il brodo vegetale (vedi note) bollente fino a che il riso non sia cotto ma ancora al dente. Aggiungere il formaggio tritato o a dadini e, mescolando con un cucchiaio di legno, mantecare. Spegnere il fuoco. Lasciare riposare e servire caldo.

    Per un buon risotto valgono sempre le 10 regole che vi ho illustrato QUI.

Note aggiuntive

Verdure come cuocerle

Le verdure che metto nella prima fase di cottura sono zucchine, finocchi, asparagi, carciofi, carote, patate, piselli, cavolo verza o viola a listine…

Le verdure a foglia tipo lattuga, bietole, spinaci le aggiungo quasi alla fine tagliate a listarelle.

I fagiolini a pezzettini, le cimette di cavolfiore o i broccoli li inserisco già lessati insieme al formaggio.

Il brodo vegetale

Se non si ha il brodo vegetale fatto in casa si può preparare con acqua e dado vegetale fatto in casa o a cubetti, preferibilmente biologico.

Altre ricette

Se anche a voi piacciono i risotti, in questo LINK trovate le mie proposte.

Se vi piacciono le mie ricette mi trovate anche su  YouTubeFacebookInstagramPinterestTwitter Telegram.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.