Crea sito

Pizza parigina con pasta sfoglia

Pizza parigina con pasta sfoglia e base di rosticceria siciliana…
Se la vera parigina è napoletana ed è una pizza classica coperta da una sfoglia delicata e friabile, la parigina o pizza coperta a Catania ha una base preparata con morbidissima e deliziosa pasta da rosticceria e fa a pieno titolo parte della vasta famiglia della tavola calda siciliana.
La pizza coperta, così come la chiamiamo qui, solitamente è farcita con pomodoro, prosciutto e mozzarella, cui si potranno aggiungere i funghi, oppure potreste trovarne una versione con formaggio, prosciutto e spinaci, ma in ogni variante è comunque strepitosa!!
Se volete conoscere la ricetta, seguitemi in cucina, vedrete che bontà!

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo2 Ore 30 Minuti
  • Tempo di cottura35 Minuti
  • Porzioni6 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Per l’impasto base della rosticceria

  • 250 gFarina 0
  • 250 gSemola di grano duro rimacinata
  • 320 gAcqua
  • 12 gSale
  • 25 gZucchero
  • Mezza bustinaLievito di birra secco (o 12g fresco)
  • 50 gStrutto

Farcitura e finitura

  • 400 gPolpa di pomodoro
  • q.b.Sale
  • 200 gFormaggio a pasta filata
  • 200 gProsciutto cotto
  • q.b.Olio extravergine d’oliva
  • 2 rotoliPasta Sfoglia
  • q.b.Uovo
  • q.b.Latte

Preparazione

  1. Versate la farina in una ciotola, fate una fontana e inserite il lievito, potrete usare anche 12g di lievito di birra fresco: versate un po’ di liquido e sciogliete. Unite il resto degli ingredienti e lavorate per dieci minuti, fino ad ottenere un impasto ben amalgamato.

    Potete sostituire il latte all’acqua per un impasto più soffice.

  2. Lasciate riposare l’impasto dieci minuti in ciotola, quindi rivoltatelo su una spianatoia e lavoratelo fino ad ottenere una pasta ben incordata, liscia e setosa. Inserite l’impasto pirlato (arrotondato) in una ciotola infarinata e riponete al caldo, in forno con luce accesa fino al raddoppio, ci vorranno circa 2ore e 30 minuti.

  3. Mentre la pasta lievita, cuocete la polpa di pomodoro, schiacciate i pezzettoni con la forchetta e aggiustate di sale, a fine cottura aggiungete un filo d’olio.

    A lievitazione avvenuta stendete un foglio di carta forno su una teglia 40×35 circa e ungetelo per bene.

    Stirate l’impasto spesso mezzo centimetro e spostatelo sulla teglia.

    Cospargete con la salsa di pomodoro e distribuitevi il prosciutto cotto.

  4. Aggiungete il formaggio a tocchetti, io ho usato una provoletta fresca, se invece voi decideste di usare la mozzarella, mentre la pasta lievita, ricordatevi di tagliarla e lasciarla scolare.

    Coprite la pizza con la pasta sfoglia, ne occorreranno 1 foglio e 1/2, preferibilmente rettangolari.

    Sigillate i bordi per bene e spennellate con un uovo sbattuto mischiato a poco latte, infornate a 180°C, ventilato o statico, fino ad ottenere la giusta doratura: ci vorranno circa 35-40 minuti.

    Lasciate riposare almeno 10 minuti, tagliate e servite calda, ma non bollente.

  5. Pizza parigina con pasta sfoglia

Da qui, potrai tornare alla HOME e scoprire le nuove ricette!

I miei link social: facebook; pinterestinstagramtwitt

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da ilcaldosaporedelsud

Salve, mi chiamo Fernanda, sono siciliana di Catania e sono nata nel 1980. Ho uno splendida brigata composta da mio marito e tre meravigliosi figli. Quando mi annoio o sono triste non perdo tempo, faccio le svolte alle maniche e poi di corsa in cucina a preparare qualcosa di buono e sfizioso. Nel mio blog troverete un ampia varietà di ricette, dalle più semplici alle più elaborate, dalle più golose a quelle più giornaliere per approntare un pasto in maniera semplice, pratica e gustosa, ma troverete anche ricette light per quando occorre rimettersi in forma... Insomma, un diario di cucina adatto ad ogni esigenza, che aspettate allora? Andiamo in cucina e prepariamo insieme qualcosa di buono!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.