Crea sito

Scaccia ragusana con le melanzane fritte

Scaccia ragusana con le melanzane fritte…
Sono un piatto tipico della tradizione ragusana e modicana ed entrambe le cittadine se ne contendono l’invenzione, io non so chi le abbia sperimentate per prima, ma so di certo che sono fantastiche!!
La scaccia e una sorta di focaccia farcita, che non va assolutamente confusa con la scacciata catanese, ma a cui non ha nulla da invidiare, che si prepara stendendo la pasta sottile come un velo e farcendola con dei prodotti stagionali, poi una serie di pieghe crea vari strati che alla fine regalano uno street food eccezionale!
Io non sono ragusana, non conosco nei dettagli i segreti casalinghi che ogni famiglia utilizza nel preparare le scacce tradizionali e per raggiungere un risultato che sia degno di tale nome, mi sono affidata ai suggerimenti di una cara amica!
Per preparare questo prodotto tipico, occorrerebbe per utilizzare dei formaggi locali come il caciocavallo ragusano semi stagionato e la provola fresca, se non lo stesso caciocavallo fresco. Purtroppo però, vivere fuori dalla provincia o dalla regione, potrebbe significare l’irreperibilità di prodotti così caratteristici, quindi se volete provarle, sostituite i formaggi con grana o parmigiano grattugiato e provola dolce, non saranno eccezionali come quelle mangiate nel ragusano, ma saranno comunque deliziose!!
Ma adesso andiamo alla ricetta, prepariamole insieme!!

Scaccia ragusana con le melanzane fritte
  • DifficoltàMedia
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione3 Ore
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Porzioni3 scacce per 4-5 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Per limpasto

  • 500 gSemola di grano duro rimacinata
  • 320 gAcqua tiepida
  • 12 gSale
  • 1 cucchiainoZucchero
  • 10 gLievito di birra fresco
  • 4 cucchiaiOlio extravergine d’oliva

Per il ripieno

  • 3Melanzane grandi fritte
  • 1.2 kgPolpa di pomodoro
  • q.b.Sale
  • q.b.Zucchero
  • q.b.Basilico
  • 100 gCaciocavallo ragusano di media stagionatura grattugiato
  • 400 gProvola ragusana fresca
  • q.b.Olio extravergine d’oliva

Preparazione

  1. Prima di mettere le mani in pasta, se avete tempo, vi consiglio di dimezzare e ridurre al minimo il lievito, magari potreste impastare al mattino e infornare al pomeriggio ed in questo caso 4g basterebbero, tenendo l’impasto al calduccio.

    Se invece non avete tempo, impastate seguendo la ricetta.

    Raccogliete la farina in una ciotola, aggiungete una parte d’acqua e l’olio, mescolate grossolanamente, fate una fontana ed unite il lievito e ancora una parte d’acqua, scioglietelo, mescolate e finite con il sale e l’ultima parte d’acqua.

    Girate l’impasto in ciotola, poi rivoltate tutto sulla spianatoia e impastate vigorosamente per dieci minuti, fermatevi quando avrete ottenuto una massa liscia, omogenea ed incordata.

    Ungete una ciotola, riponetevi l’impasto e lasciatelo lievitare in forno con luce accesa e coperto da pellicola fino al raddoppio, naturalmente in piena estate i tempi si ridurranno di parecchio, quindi se volete rallentare la lievitazione, riducete il lievito.

  2. Melanzane fritte

    Mentre la pasta lievita, friggete le melanzane a fette, io le faccio così: melanzane fritte il mio metodo.

  3. Cuocete anche la polpa di pomodoro facendola restringere a fuoco moderato fino a quando non sarà densa (potrebbe sembrarvi troppa, ma non lo è), intanto che cuoce schiacciate i pezzettoni con la forchetta, aggiustate di sale e se serve di zucchero, a fine cottura aggiungete olio e basilico.

  4. Trascorse circa due ore, ma il tempo è indicativo, l’impasto dovrebbe aver raddoppiato il suo volume, rivoltatelo sulla spianatoia e formate dei panetti da 285g circa (io ho fatto doppia dose).

    Lasciateli riposare dieci minuti.

  5. Prendete un panetto alla volta, infarinate molto bene la spianatoia e stendete una sfoglia grande, larga e molto sottile: deve essere finissima e se si forma qualche buco non fa nulla.

  6. Formato un bel disco grande e cospargetelo col pomodoro, lasciando liberi 10cm sopra e dieci sotto.

    Distribuitevi delle fette di melanzane, una spolverata di formaggio e dei pezzetti di provola, poi rivoltate i lembi rimasti puliti verso il centro, senza sovrapporli.

  7. Cospargete ancora di il pomodoro e il formaggio e aqualche pezzo di melanzana, lasciando liberi questa volta 10cm alle estremità laterali del lungo rettangolo che si è formato.

    Rivoltatele verso il centro.

    Cospargete ancora una metà con pomodoro, aggiungete formaggio, provola e melanzana, quindi chiudete a portafoglio.

    Spostate il tutto con molta delicatezza su una teglia ricoperta di carta forno e ungete la superficie della scaccia con abbondante olio extravergine.

    Fate lo stesso con le altre palline d’impasto.

    Accendete il forno, portatelo a 200°C ed infornate sulla parte media del forno, 30 minuti in modalità ventilata.

    Ottenuta la doratura desiderata, spegnete e sfornate.

    Lasciate intiepidire e gustate: vedrete che spettacolo!!

  8. Scaccia ragusana con le melanzane fritte

    Grazie del tempo che mi avete dedicato, spero che la ricetta vi sia piaciuta e vi invito a visitare la mia pagina facebook , dove troverete molte idee stuzzicanti e se lascerete il vostro like resterete aggiornati su tante nuove e golose preparazioni!

    Seguitemi anche:

    su pinterest ,

    su instagram

    e su twitter,  e troverete anche li le mie ricette!

    Da qui, potrai tornare alla HOME e scoprire le nuove ricette!

    Se questa ricetta ti è piaciuta, guarda pure:

    Scacciata alla Norma con melanzane fritte e ricotta salata;

    Scacciata di broccoli ricetta siciliana;

    Scaccia ragusana con cipolla e pomodoro;

    Scaccia ragusana con ricotta e spinaci;

    Scacciata di patate ricetta tradizionale;

Le scacce sono un ottimo street food da gustare tiepido, ma son buone anche se servite a temperatura ambiente.

Molti ragusani usano fare le scacce senza utilizzare lievito nell’impasto, per farle venire più croccanti, io preferisco comunque la versione con pasta lievitata.

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da ilcaldosaporedelsud

Salve, mi chiamo Fernanda, sono siciliana di Catania e sono nata nel 1980. Ho uno splendida brigata composta da mio marito e tre meravigliosi figli. Quando mi annoio o sono triste non perdo tempo, faccio le svolte alle maniche e poi di corsa in cucina a preparare qualcosa di buono e sfizioso. Nel mio blog troverete un ampia varietà di ricette, dalle più semplici alle più elaborate, dalle più golose a quelle più giornaliere per approntare un pasto in maniera semplice, pratica e gustosa, ma troverete anche ricette light per quando occorre rimettersi in forma... Insomma, un diario di cucina adatto ad ogni esigenza, che aspettate allora? Andiamo in cucina e prepariamo insieme qualcosa di buono!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.