Spatzle calabresi – ricetta spatzle

 

Oggi ho fatto un viaggio immaginario tra Germania e Italia. I miei spatzle sono diventati spatzle calabresi con l’aggiunta della nduja !! 😀

Gli spatzle sono gnocchetti di forma irregolare a base di farina di grano tenero, uova, e acqua, originari della Germania meridionale, diffusissimi anche in Tirolo, Alsazia,  Svizzera, Alto Adige e Trentino nonostante la loro patria per eccellenza sia la Svezia e la Baviera (la Germania del sud-ovest).

Normalmente gli spatzle vengono serviti come contorno a piatti di cacciagione e carni ricche di intingolo, ma sono ottimi anche come primo piatto, gratinati, conditi con panna fresca o burro fuso.

Il metodo di preparazione degli spätzle resta costante al di là delle tecniche di “taglio” e degli ingredienti con i quali vengono composti: farina di frumento, farina integrale, spinaci, ricotta o erbe.  Si distinguono dagli Spätzle tagliati a mano per la caratteristica forma a goccia. Per ottenerli si utilizza uno strumento simile ad una grattugia contraddistinto da una superficie piena di fori (Spätzlehobel). La pasta viene fatta passare dai fori ed è subito tagliata, in modo che non si allunghi troppo. Si formano così delle “gocce” che cadono nell’acqua bollente.

Esistono diversi tipi di piatti che si possono preparare con gli spatzle:

Spätzle di spinaci con panna e prosciutto oppure alle erbe con champignon, ma anche di grano saraceno con porri !

 

 Spatzle calabresi per 5-6 persone
  • 500 g di farina
  • 6 uova
  • 100 ml di latte
  • 1 pizzico di noce moscata
  • acqua q b
  • sale q b

 Per il condimento:

  • 400 g di zucca
  • fiori di zucca (facoltativi)
  • 150 g salsiccia piccante di Maratea
  • 50 g di parmigiano
  •  nduja calabrese 1 cucchiaio
  • 20 g di burro
  • 1/2 cipolla
  •  sale q b

Come preparare gli spatzli:

Mettere in una terrina la farina, le uova, il latte, un pizzico di noce moscata e 1 cucchiaino di sale fino.

Aggiungendo man mano acqua, lavorare  il composto fino ad ottenere una pastella molto morbida.



                               

 

Portare ad ebollizione una pentola con abbondante acqua salata.

Far scendere gli spatzle nell’acqua attraverso i buchi portando avanti e indietro la vaschetta contenente l’impasto (in mancanza dell’utensile versare il composto su un tagliere e con l’aiuto di un coltello far cadere una piccola quantità d’impasto nell’acqua).

Scolarli con un mestolo forato appena vengono a galla, versarli in acqua fredda per fermare la cottura e scolarli di nuovo. Quindi condirli con il sugo aggiungendo un’abbondante spolverata di parmigiano. Mantecare per bene e se occorre allungare un mestolo di acqua di cottura dei spatzle.

Preparare il condimento:

Tagliare a pezzetti la salsiccia, pulire la cipolla e tritarla, metterla in un tegame con una noce di  burro e farla appassire. Prima che colorisca, aggiungere la salsiccia e subito dopo la zucca tagliata a cubetti, a questo punto cuocere a fuoco lento aggiungendo acqua calda se occorre.

In ultimo  aggiungere i fiori e la nduja, mescolare finché è ben sciolta quindi aggiustare di sale e il sugo è pronto !!

 

Se le mie ricette ti piacciono seguimi anche su Facebook

Twitter

 Pinterest

Instagram

Ti aspetto…GRAZIE 😉

Torna alla Home per leggere le ultime golosità

Precedente Mousse di salmone affumicato Successivo Torta tiramisù - Torta di compleanno facile

18 commenti su “Spatzle calabresi – ricetta spatzle

  1. dolcemela il said:

    Tina……non sai che ti perdi !!dovresti provare a mangiare la zucca…..a volte i gusti cambiano…provaci 😀

  2. Ciao Dolce, bellissimi i tuoi spatzle! Anch’io li faccio e li condisco con panna e speck! Ho sempre pensato fosse un piatto tipicamente tirolese perchè ho imparato a farli ad un corso di cucina tirolese in Val Pusteria, dove ero in vacanza, e lì mi sono pure comperata l’utensile per tagliare le “gocce”. I tuoi sono venuti benissimo…….. Buono anche il sughetto! Brava. Ciao e buona serata!

  3. dolcemela il said:

    @mammadifretta grazie cara 😀
    @ vicky un sughetto per smaltre le mie zucche !! 😀
    @Daniela provali…sembrano chissà quanto complicati ma non è così…:D
    @eleme e con il goulash li fai? che buoni!! quanto mi piacciono 😀

  4. Non conoscevo questo formato di gnocchetti. Davvero carini e sicuramente buonissimi.
    Grazie per la tua partecipazione ed in bocca al lupo per il contest.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.