Crea sito

Frittata di porri e ricotta

Frittata di porri e ricotta

Ecco una ricetta che forse non tutti amano, ma se conoscete il porro sono sicura che vi piacerà, perchè è un ortaggio dal sapore intenso, ma delicato, molto meno invadente della cipolla e si presta bene per i soffritti e le frittate.
Nella ricetta che vi propongo oggi, ve lo abbino alla ricotta di pecora, che insieme fanno un ottimo contrasto.

Potete preparare la frittata di porri anche il giorno prima, perchè si presta benissimo anche per essere mangiata fredda o leggermente tiepida.

Quindi non vi resta che provare, perchè sono sicurissima che vi piacerà… Parola di Carmencita. 😉

Frittata di porri e ricotta
  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: 20-25 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 6 persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • Uova 7
  • Porri (grossi) 2
  • Ricotta di pecora 90 g
  • Parmigiano reggiano (grattugiato) 20 g
  • Olio extravergine d'oliva 3 cucchiai
  • Vino bianco secco 3 cucchiai

Preparazione

  1. Pulite i porri, lavateli e affettateli sottilmente.

  2. In una padella antiaderente, versate i tre cucchiai di olio, fatelo scaldare e, quando sarà ben caldo versatevi i porri, fateli soffriggere a fuoco basso, salateli, col sale fino, secondo i vostri gusti, sfumate col vino bianco e proseguite la cottura per altri 4-5 minuti.

  3. In una terrina, rompete le uova e sbattetele energicamente, unitevi il parmigiano, la ricotta, i porri e amalgamate bene gli ingredienti tra loro.

  4. Fate scaldare un filo di olio nella padella dove avete cotto i porri, versatevi il composto e fatelo rapprendere.
    Girate la frittata con l’aiuto di un coperchio o di un piatto e terminate la cottura.

  5. Servite la frittata di porri e ricotta sia calda che fredda e… Buon appetito! 😉

  6. Abbinamento:
    Piatto “Frittata di porri e ricotta” vino in abbinamento bianco, Lazio “Marino Classico”

  7. Caratteristiche:
    La frittata di porri e ricotta ha una discreta struttura, con buone sapidità e aromaticità, media grassezza e untuosità. Il vino in abbinamento non deve essere molto strutturato, deve avere una discreta aromaticità e buona intensità gusto-olfattiva.

Note

1. Se siete intolleranti al lattosio, potete sostituire la ricotta di pecora con una ricotta senza lattosio e potete usare il parmigiano reggiano oltre i 36 mesi (io uso quello di 40 mesi).

2. Se non vi piace la ricotta di pecora, potete sostituirla con la ricotta di bufala (er avere un sapore ancora più forte) o con la ricotta vaccina (per avere un sapore più delicato).

3. Ci tengo molto a darvi questo piccolo, ma prezioso consiglio.
Io, per la preparazione della frittata di porri e ricotta, ho preferito usare prodotti (ove possibile) sicuri della provenienza e/o provenienti da agricoltura biologica, perchè per una vita sana è sempre meglio essere prudenti e controllare la provenienza degli alimenti che consumiamo. 😉

Se vi piacciono le mie ricette seguitemi anche sulla mia pagina di Facebook: Carmencita da leccarsi le dita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.