Crea sito

Frittelle con peperoni cruschi e olive nere

Frittelle con peperoni cruschi e olive nere

Eccoci di nuovo in linea, dopo molto tempo di assenza, di stress, stanchezza e tanti sorrisi pieni di soddisfazione e felicità. E torno con la rubrica mensile dell’Italia del piatto, un mio gruppo fantastico che nel tempo mi ha attesa senza farmi pesare i mesi di assenza (grazie 🙂 ).
Ma torniamo a questo mese, mese del carnevale, mese di dolci, in Basilicata le protagoniste sono le chiacchiere e la ricetta è già nel blog, ma oggi voglio presentarvi un altro piatto sfizioso e rigorosamente attinente al nostro tema  del mese di febbraio “Fritti dolci e salati della tradizione”  le  miefrittelle con peperoni cruschi,e olive nere, in alcune zone sono dette anche i “crisp” queste frittelle di solito hanno la forma di un anello, preparate con pasta lievitata. mentre in altre zone pettole o zeppoline non hanno il buco, insomma ogni angolo ha l’originalità nel dare un nome a questo impasto base versatilissimo..
La mia è una rivisitazione che ha voluto unire altri 2 prodotti tipici le olive nere di Ferrandina e i peperoni cruschi. Il tutto davvero speciale
Sbirciate tutti i link regionali, vi si apre un mondo culinario di novità. Per la dieta poi ci pensiamo 🙂 🙂 🙂
vediamo ora gli ingredienti:

INGREDIENTI

250 g farina”0″
250 g acqua frizzante
4 g lievito di birra
5 g sale
4 peperoni cruschi
olive nere qb
olio di semi per friggere

PROCEDIMENTO

1.In una ciotola versate la farina e l’acqua tiepida, poi riducete  a pezzetti il lievito con l’acqua tiepida.
2. Amalgamate il tutto con una spatola, e solo dopo unite il sale. Sbattere poi l’impasto con la mano, deve incorporare aria per affinché diventi liscio.
4.Aggiungete all’impasto i cruschi tagliati a pezzetti dopo averli ammollati in acqua e asciugati.
5.Coprire tutto con della carta velina unta di olio e fate lievitare  per circa due ore e se avete tempo mettetelo in frigo e friggete il gg dopo. L’impasto dovrà gonfiarsi.
6.Quando sarà pronto, in una pentola mettete abbondante olio a soffriggere, temperatura di 170°, poi aiutandovi con due  cucchiai create le frittelle che saranno di forme diverse.
7. Passate in padella unta con l’olio evo le olive nere di Ferrandina e servite assieme alle frittelle con peperoni cruschi.

QUI TROVATE LE PROPOSTE “Fritti dolci e salati della tradizione” DELLE MIE CARE BLOGGER. BUON VIAGGIO TRA I FRITTI ITALIANI 🙂

Valle d’Aosta: Frittelle di mele valdostane 
Piemonte: Frittelle con farina di mais e nocciole 
Liguria: Frisceu 
Lombardia: Cuoppo alla milanese 
Trentino Alto Adige: Frittelle di mele
Veneto: Crema fritta alla veneta 
Friuli Venezia Giulia: Strucchi fritti
Emilia Romagna: Frittelle di riso di Carnevale 
Toscana: Cenci 
Marche: Scroccafusi marchigiani 
Umbria: Frittelle di pancotto 
Lazio: Ravioli dolci di carnevale 
Abruzzo: Cicerchiata abruzzese di Carnevale 
Molise: Rosacatarre molisane 
Campania: Zeppole napoletane 
Puglia: Le frittelle 
Basilicata: Frittelle con olive nere e peperoni cruschi
Calabria: Alaci fritti 
Sicilia: Latte Fritto Siciliano
Sardegna: Acciuleddi e orilettas 

Italia nel piatto

l'italia nel piatto

Seguici anche su Instagram: @italianelpiatto.
Prova anche tu a realizzare una ricetta inerente al tema del mese!

Pubblica una foto sul tuo account IG utilizzando #italianelpiatto_community e tagga @italianelpiatto.
La ripubblicheremo con piacere e sarai anche tu protagonista!

Pubblicato da lalucanaincucina

Mi chiamo Antonella e sono una lucana puro sangue appassionata da sempre di cucina. Mi piace mangiare bene, bere bene e viaggiare. Vivo da anni in Toscana e la mia terra vive nei mie piatti facendosi conoscere. E negli animi curiosi si insinua la curiosità per la bellezza di una regione sconosciuta e per quelle tradizioni che ancora sono radicate.