Kahk (Sudan)

La Repubblica del Sudan (in arabo: جمهورية السودان‎), è uno Stato arabo-africano,
La storia della popolazione del Sudan una combinazione di abitanti autoctoni della valle del Nilo e di discendenti di immigrati dalla Penisola arabica, si intreccia con la storia dell’Egitto.

Il Sudan ha sofferto 17 anni di guerra civile (1955-1972), seguita dalla seconda guerra civile sudanese (1983-1998), tra il governo centrale del Sudan e il SPLA/M del Sudan del sud.
A causa delle continue lotte politiche e militari, il Sudan è stato sequestrato in un incruento colpo di Stato dal colonnello Omar al-Bashir, nel 1989, che si proclamò presidente del Sudan. La guerra civile si è conclusa con la firma di un accordo globale di pace che ha concesso l’autonomia a quella che allora era la regione meridionale del paese. A seguito di un referendum nel gennaio 2011, il Sudan del Sud si separò con il consenso del Sudan.
Nel 2019, a fronte di massicce proteste popolari che chiedevano le dimissioni di al-Bashir, l’esercito sudanese ha destituito il presidente tramite un colpo di Stato, assumendo transitoriamente il controllo del paese. A seguito di un accordo tra le forze di protesta e i militari è stato istituito un Consiglio Sovrano composto da civili e militari, che governerà il Paese durante la transizione democratica fino al 2022.

La cucina sudanese è molto saporita; molte delle ricette provengono dalla tradizione araba pertanto saranno comuni in gran parte di paesi nord- africani. Gli ingredienti principali sono il pesce e la carne, tranne quella di maiale, che è proibita per motivi religiosi.
Ampio l’uso delle spezie, come il cardamomo, originario dell’India, il carvi, spesso mescolato con aglio e peperoncino e, e la curcuma, utilizzata sia per insaporire che per conferire ai piatti un aspetto “colorito”.
I legumi sono molto usati. Il piatto nazionale è il ful medames, stufato di fave, che abbiamo già incontrato nella prima parte di “Giro nel mondo in 80 piatti“.

La maggior parte dei Sudanesi mangia dal piatto comune, usando pezzi dei grandi pani piatti (Kisra o Khubz) per raccogliere i sughi.

Natale, in Sudan, è sinonimo di biscotti fatti in casa. Tutte le famiglie si dedicano a questo rito e i biscotti vengono condivisi con amici, vicini e ospiti.
Ecco i Kahk: friabili, non troppo dolci e leggermente spolverati di zucchero a velo, li abbiamo preparati inisieme durante l’appuntametno con ViaggiandoMangiando On air: cena africana.

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo1 Giorno 6 Ore
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni20/25 biscotti
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gfarina
  • 2 cucchiaisemi di sesamo
  • 250 gburro
  • 1/2 cucchiaiolievito di birra secco
  • 1/2 cucchiainozucchero
  • 1/4 bicchiereacqua (per sciogliere lievito)
  • 1/4 bicchiereacqua
  • q.b.zucchero a velo

Preparazione

  1. Mescolare la farina con i semi di sesamo.

    Sciogliere il burro e, caldo, versarlo nel foro al centro della farina.

    Mescolare. Lasciare intiepidire il composto.

    Sciogliere il lievito nell’acqua con lo zucchero.

    Unire il lievito sciolto e lavorare a mano.

    Unire poca acqua tiepida per volta, per ottenere un panetto morbido e sodo.

    Lasciare lievitare per circa 30 minuti.

    Trascorso questo tempo farmare tante piccole palline e appiattirle col palmo della mano e sistemarle sulla teglia ricoperta di carta forno.

    Scaldare il forno statico a 160°.

    Infornare per circa 30 minuti.

    Lasciare intiepidire, cospargere abbondantemente di zucchero a velo e servire accompagnati magari da una bella cioccolata calda…

Link affiliato #adv

Provate la versione senza glutine sostituendo la farina di grano con 400 gr di farina di riso che potete acquistare QUI + 100 gr di amido di mais + 1/2 cucchiaino di xantano che trovate QUI.

/ 5
Grazie per aver votato!
Print Friendly, PDF & Email


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.