Fateer Pyazi (Afghanistan)

Il Fateer Pyazi (pane afgano “sfogliato” )فطیر ورقی پیازی è considerato un alimento base dell’Afghanistan.
Viene comunemente servito come spuntino o pasto leggero con yogurt o formaggio.

Molte ricette richiedono solo farina (spesso un mix tra bianca e integrale), sale, lievito e acqua, ma yogurt, olio, latte e uova sono tutte aggiunte comuni.

È possibile utilizzare un mattarello, ma tradizionalmente i pezzi sono modellati a mano.
I segni di increspatura lasciati dalla dita che appiattiscono e modellano il pezzo, sono un segno distintivo.
Quando viene cotto forno tradizionale, viene posizionato sulla parete interna.
Una tecnica consiste nel posizionare il pezzo su un pezzo di metallo piatto inumidito, che viene quindi utilizzato per fissare l’impasto alla parete.

Non è necessario girare il pane, poiché viene cotto a temperature tanto elevate da cuocerlo in pochi minuti.
Al termine è marrone chiaro.

Il mio è “sfogliato” perchè composto da un multistrato di pasta che si arrotolata su se stessa e poi è unita agli altri pezzi, infine il composto viene schiacciato per essere cotto in forno.

Fateer Pyazi
  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo2 Ore 10 Minuti
  • Tempo di cottura35 Minuti
  • Porzioni6 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaAraba

Ingredienti

  • 400farina
  • 2 cucchiainilievito istantaneo per preparazioni salate
  • 250 mllatte (tiepido)
  • 50 gburro (fuso)
  • q.b.sale

Preparazione

  1. Impastare la farina con il lievito sciolto in 50 ml di latte, sale e il resto del latte.

    Lasciare lievitare, coperto, per 2 ore.

    Riprendere l’impasto e formare 6 palline.

    Lasciare lievitare altri 10 minuti.

    Stendere le palline e spenellarle con i burro fuso.

    Formare una spirale con le palline stese e arrotolate una accnato al’altra.

    Stendere con un matterello, bucherellare con una forchetta, spennellare cn un po’ di latte e cuocere in forno a 180°C per 35 minuti.

Link affiliato #adv

Uno dei miglieri libri mai letti che raccontano la storia recente dell’Afghanistan è sicuramente “Il Cacciatore di aquiloni” seguito da “Mille splendidi soli”.

/ 5
Grazie per aver votato!
Print Friendly, PDF & Email


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.