Vellutata di carote viola

La vellutata di carote viola è un primo piatto saporito, leggero e molto salutare. E poi è anche molto bello da vedere grazie a questo meraviglioso colore acceso e brillante.

Pensate che la coltivazione delle carote viola è antichissima e risale a più di 5000 anni fa nella zona dell’attuale Afganistan. In Europa arrivarono nel XII secolo, con l’intensificazione degli scambi commerciali con il Medioriente.

Purtroppo però in cucina siamo abituati ai soliti colori: le carote arancioni, le patate bianche, il mais giallo… E invece l’orto ci dona moltissime sorprese cromatiche. Basta cercarle. A ogni colore è associato un diverso pigmento: tutti preziosi alleati della nostra salute. Il viola e il blu poi hanno una marcia in più!

Quindi, osiamo e, invece delle classiche carote, proviamo anche quelle viola, ricche di sostanze naturali, utili per combattere l’invecchiamento cellulare. Potenti antiossidanti naturali, aiutano a ridurre il livello di colesterolo cattivo nel sangue, disinfettano le vie urinarie e stimolano la corretta circolazione del sangue. Queste radici sono anche ricche di vitamine B, C, D ed E e di sali minerali. Insomma un vero e proprio toccasana.

Chiedete al vostro fruttivendolo queste varietà viola. Se non ce l’ha, potrà procurarvela. Ne esistono diversi tipi: le Deep Purple, le Purple Haze, dal colore porpora scuro e le carote di Polignano, di più colori, tipiche pugliesi e presidio Slow Food

Vellutata di carote viola
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura35 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaBollitura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 400 gcarote viola
  • 250 gpatate
  • 1cipolla
  • 550 mlacqua o brodo vegetale
  • q.b.olio extravergine d’oliva
  • q.b.sale
  • 1 ramettorosmarino
  • 4 fogliesalvia
  • q.b.timo
  • q.b.yogurt o panna per decorare

Strumenti

  • Pentola
  • Cucchiaio di legno
  • Tritatutto
  • Frullatore / Mixer
  • Pelapatate

Preparazione

  1. Vellutata di carote viola

    Scaldare il brodo vegetale (vedi note) oppure acqua e sale. Tenere da parte.

    Tritare la cipolla con le erbe aromatiche e far rosolare per qualche minuto in pentola con un filo di olio.

    Nel frattempo pelare le carote e le patate e tagliarle a tocchetti. Metterle in pentola con il soffritto e insaporirle per due minuti, mescolando.

    Aggiungere il brodo o l’acqua calda e far bollire per mezz’ora.

    Spegnere il fuoco. Aspettare qualche minuto poi frullare il tutto e aggiustare di sale e pepe.

    Impiattare decorando con yogurt bianco o panna e qualche fogliolina di timo.

Consigli e altre ricette

Per preparare il brodo vegetale, fare bollire per un’ora in un litro di acqua salata una carota, una cipolla e un gambo di sedano. Potete aggiungere altre verdure come zucchine, pomodori e aromi come il prezzemolo o il basilico.

Se siete interessati alle zuppe, creme, minestre e vellutate, cliccate QUI per tutte le mie ricette.

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su  YouTube,  Facebook,  Instagram,   Pinterest,  Twitter  e Telegram. Ma se preferite la forma cartacea ho pubblicato anche il libro La mia politica in cucina. 

In questo contenuto sono presenti uno o più link di affiliazione.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.