Rotolo ai semi di papavero Makowiec

Sicuramente vi è nuova questa ricetta, ecco il Rotolo ai semi di papavero, Makowiec chiamata così in Polonia. Questa è una ricetta polacca, che ho avuto da mio zio, che possiede e gestisce una pasticceria. Rotolo ai semi di papavero Makowiec è una base lievitata, con un ripieno di semi di papavero, noci, mandorle e uva sultanina.
Finalmente mi sono decisa a farlo, per la prima volta, visto che qui in Italia non si usa tanto il papavero, ed ha un certo costo. Ma vi posso assicurare che il risultato è spettacolare, e ne vale realmente la pena. Il rotolo ai semi di papavero Makowiec piace moltissimo anche a mio marito ed a tutta la sua famiglia. Ed ora che ho ereditato la ricetta da mio zio, lo farò più spesso, almeno per le feste.

  • CucinaItaliana

Ingredienti

Lievitino per la base

  • 60 mllatte (tiepido)
  • 12 glievito di birra
  • 1/2 cucchiainozucchero
  • 50 gfarina 00

Impasto base

  • 160 gfarina 00
  • 25 gzucchero
  • 2rossi di uovo
  • 40 gburro (temperatura ambiente)

Ripieno

  • 250 gsemi di papavero
  • 25 guva sultanina
  • 40 gnoci
  • 40 gmandorle
  • 1buccia d’arancia (grattugiata )
  • 120zucchero
  • 2albumi
  • 1 cucchiaioliquore (san Marzano borsci)

Glassa

  • 50 gzucchero a velo
  • 1.5 cucchiaiacqua (bollente)

Preparazione

  1. Video ricetta

  2. Questa ricetta, la dobbiamo iniziare a preparare la sera prima, perché il papavero ha bisogno di essere messo in ammollo.

    In una ciotola capiente versiamo i semi di papavero, versiamo acqua bollente fino a coprire tutto il papavero mescoliamo un po’, copriamo con un canovaccio e lasciamo cosi fino al giorno dopo. (nel mio caso, al dopo pranzo,per un totale di 17h. Deve stare in acqua almeno 12h )

    Un paio di ore prima di iniziare a fare l’impasto, mettiamo l’uva sultanina in ammollo in acqua.

  3. Preparazione, iniziamo con preparare il lievitino.

    In una ciotola versiamo il latte tiepido, aggiungiamo il lievito e mescoliamo finché si scioglie bene, aggiungiamo lo zucchero e la farina. Mescoliamo tutto fino ad avere un composto cremoso. Copriamo con la pellicola e lasciamo riposare per almeno 15 minuti.

  4. Nel frattempo possiamo preparare il nostro ripieno.

    Con l’ aiuto di un macina carne, facciamo macinare i semi di papavero per 3 volte.

    Aggiungiamo le noci e le mandorle prima tagliate a pezzi ( il le faccio un po’ grandicelli ma è una scelta personale la grandezza, dipende dai gusti,potete usare la granella)

    Aggiungiamo lo zucchero, la buccia grattugiata d’arancia, uva sultanina strizzata, ed il liquore. Mescoliamo tutto bene.

    A parte montiamo l’albume a neve (i tuorli servono per l’impasto) ma lo aggiungiamo al papavero solo qualche instante prima di metterlo sulla base lievitata.

  5. Adesso riprendiamo con la lavorazione della base. Nella planetaria inseriamo la farina, zucchero, il lievitino preparato prima e rosso d’uovo. Lavoriamo tutto finché diventa una palla. Adesso possiamo aggiungere il burro deve essere a temperatura ambiente,ma non troppo morbido. Lavoriamo finché il burro si assorbe bene.

    Spostiamo l’impasto nella ciotola e copriamo con la pellicola, lasciamo a lievitare per circa 1,5 h

  6. Ora che impasto e lievitato. Lo stendiamo sulla carta da forno deve essere più o meno 35×25 cm e circa 3mm di spessore.

    ora aggiungiamo l’ albume montato, al papavero mescoliamo bene e versiamo sulla base per la torta. non arriviamo ai bordi, lasciamo circa 2 dita dai bordi.

    Arrotoliamo la torta (vedi nel video). posizioniamo sulla carta da forno con la parte di attacco del impasto sulla base e inforniamo 170° C per circa 30-35 min forno statico.

  7. Togliamo la torta dal forno e lasciamo raffreddare bene.

    In un pentolino scaldiamo acqua fin che diventa bollente. e aggiungiamo zucchero a velo mescolando velocemente versiamo subito sulla torta. la glassa raffredda subito e si addensa.

    si può conservare per 4-5 gg nel posto fresco.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.