Schiacciata Catanese – Anche Bimby Scacciata

La SCHIACCIATA CATANESE o SCACCIATA ( in dialetto)  è una torta salata Siciliana, tipica del Paese Etneo, farcita con cavolfiori o broccoli, salsiccia e tuma ( un tipico formaggio dell’Isola). Si prepara per le festività Natalizie ma è un piatto che ha origine antiche, uno di quei piatti “poveri” ma ricchi di sapore e tradizione. Si racconta, infatti, che le donne, che  avevano passato l’intera mattinata a preparare il pane, realizzavano per il pranzo le “Scacciate”, ripiene con le verdure che trovavano nel loro orto. Ed è per questo, che esistono numerosi varianti del ripieno: con broccoli, cavolfiore, erbe di campo, cipolle, alici, patate, salsiccia…  La Schiacciata Catanese, anche se è preparata con l’impasto del pane siciliano, non ha mollica, anzi ha un aspetto molto rustico ed è ricca di condimento. Infatti, una delle principali caratteristiche è la croccantezza della pasta. La ricetta originale prevede l’utilizzo del lievito madre, ma potete sostituirlo con il comune lievito di birra. Ricetta con e senza Bimby.

  • Difficoltà:Bassa
  • Preparazione:15 minuti
  • Cottura:50 minuti
  • Porzioni:4 persone
  • Costo:Basso

Ingredienti

Per l’impasto:

  • 500 g Semola
  • 250 g acqua tiepida
  • 13 g Lievito di birra fresco
  • mezzo cucchiaio Zucchero
  • mezzo cucchiaino Sale
  • 1 cucchiaio Olio di oliva

Per il ripieno:

  • 800 g Cavolfiore (o broccoli)
  • q.b. Olio di oliva
  • 1 Cipolla
  • 2 bicchieri Vino rosso
  • 10 Olive nere (denocciolate)
  • 1 cucchiaio Pinoli (facoltativi)
  • q.b. Pepe nero
  • 150 g Salsiccia
  • 100 g Tuma (o provolina)
  • 1 cucchiaio Parmigiano reggiano (grattugiato ( facoltativo))

Preparazione

PREPARARE L’IMPASTO:

  1. METODO TRADIZIONALE: versate in una ciotola la semola e al centro l’olio d’oliva, l’acqua in cui avrete sciolto il lievito di birra e lo zucchero. Nel laterale mettete il sale. Impastate, fino a formare un panetto liscio ed omogeneo. Copritelo e fatelo lievitare fino al raddoppio ( circa 1 ora)

    CON IL BIMBY: Versate nel boccale la farina, l’acqua tiepida in cui avrete sciolto il lievito di birra, lo zucchero, l’olio e il sale. Impastate 1 minuto/vel. spiga. Formate un panetto e fatelo lievitare in un contenitore, fino al raddoppio ( circa 1 ora).

Nel frattempo preparate il RIPIENO:

  1. Lavate il cavolfiore e ricavate delle piccole cimette. Versate, in una padella,  un filo abbondante di olio d’oliva e dopo, unite la cipolla a fette e il cavolfiore. Mescolate e fate cuocere qualche istante. Dopo, sfumate con il vino. Unite i pinoli. Salate e pepate. Coprite e fate cuocere il cavolfiore  per circa 15 minuti. Non dovrà diventare morbido, ma non dovrà essere nemmeno troppo crudo. Eventualmente, potete unire poca acqua o brodo.

  2. Prendete l’impasto lievitato e dividetelo in due pezzi. Con l’aiuto di un matterello ricavate due sfoglie sottili, di uguale dimensione.  Posizionatene una, su una teglia da forno, coperta da carta forno.

  3. Versate su tutta la superficie della pasta, il condimento a base di cavolfiore. Lasciate spazio sui bordi. Adesso, mettete la salsiccia a tocchetti, senza il budello, le olive nere, la tuma a pezzettini e il formaggio grattugiato.

    Coprite il ripieno con la seconda sfoglia e sigillate bene i bordi, cercando di formare un cordoncino.

  4. Fate lievitare la Schiacciata catanese per altri 15 minuti circa e poi fatela cuocere in forno caldo a 190° per circa 30 minuti Dovrà diventare dorata.

  5. Al termine, sfornate la Schiacciata Catanese e servitela subito, ancora calda. Volendo, potete spennellare la superficie con dell’olio d’oliva.

I miei consigli:

Potete variare il ripieno in base ai vostri gusti. Potete usare i broccoli o il cavolfiore cotti al vapore, senza cottura nel vino, oppure, con salumi o con salsiccia e patate…

PER ALTRE RICETTE SICILIANE clicca QUI

SEGUIMI SU FACEBOOK

Lascia un Commento

Commenti

Precedente Muffin Nutella e cocco - Anche Bimby Successivo Pandoro fatto in casa - Anche Bimby

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.