CALAMARI RIPIENI AL FINOCCHIO ED ERBA CIPOLLINA

Quest’oggi vi voglio proporre una bella e gustosissima ricetta che mi ha regalato grandi soddisfazioni in termini di gradimento a tavola! Si tratta di un secondo piatto a base di pesce, nello specifico dei tanto amati calamari – almeno per me – e con un ripieno e un sughetto molto saporito ed insolito a base di finocchio infornato che non vi lascerà delusi, anzi, ne sarete straordinariamente sorpresi, e potete esser certi che sarà un successo garantito! Da leccarsi i baffi!!!!

  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti:

  • 4Calamari
  • 1Finocchio grande ( o 2 piccoli)
  • 500 gPomodorini ciliegino
  • 2 fettePane in cassetta
  • 2 bicchieriVino bianco
  • q.b.Latte
  • 80 gPangrattato
  • 50 gParmigiano Reggiano DOP grattugiato
  • 40 gPinoli
  • 40 gCapperi sotto sale
  • 6Olive nere
  • 1 cucchiainoCurcuma in polvere
  • q.b.Erbe aromatiche: rosmarino, erba cipollina, timo e maggiorana
  • 1 ciuffoPrezzemolo
  • q.b.Olio extravergine d’oliva
  • q.b.Sale
  • q.b.Peperoncino

Preparazione:

  1. Iniziate proprio dal ripieno: lavate e mondate il finocchio, eliminando bavetta e foglie più coriacee e rovinate. Tagliatelo a fette medie (fig. 1).

  2. Disponetelo, senza sovrapporlo, in una teglia rivestita di carta da forno. Salate, irrorate con un giro di olio e aromatizzate con erba cipollina. Fate cuocere a 180°C per circa 30′. Spegnete e fate intiepidire (fig. 2).

  3. Nel frattempo, lavate bene i vostri calamari sotto l’acqua corrente fredda per poi tamponarli con carta da cucina. Se il vostro pescivendolo non ha provveduto a pulirli, svuotateli eliminando la conchiglia trasparente (il gladio) e le interiora. Dalla testa togliete il becco corneo e tutta la parte circostante con l’aiuto delle forbici. Tagliate anche la pinna esterna, separandola dal corpo centrale e tagliatela insieme ai tentacoli a piccoli tocchetti (fig. 3).

  4. In una padella antiaderente, fate dorare l’aglio privato dell’anima. Dopo 1′ aggiungete i pomodorini già lavati e divisi a metà (fig. 4).

  5. Fate insaporire 2-3′ e aggiungete anche i tentacoli e le pinne di calamaro tagliate a tocchetti (fig. 5).

  6. Sfumate con 1 bicchiere di vino e fate evaporare a fiamma vivace per qualche minuto. Quindi abbassate la fiamma e chiudete con un coperchio. Fate cuocere per circa 10′, aggiungendo qualche mestolo di acqua solo all’occorrenza, qualora il sughetto dovesse asciugarsi troppo. Aggiustate di sale (fig. 6).

  7. Preparate nel frattempo la panatura: ammollate il pane in cassetta con poco latte, quindi strizzatelo e sbriciolatelo in una ciotola. Unite il parmigiano, il pangrattato, il prezzemolo e le erbe aromatiche trite finemente, la curcuma, i pinoli, i capperi dissalati sotto l’acqua corrente e ben strizzati, i restanti finocchi e le olive tagliate a fette. Quindi irrorate con 2/3 giri di olio e aggiustate di sale. (fig. 7).

  8. Riempite i calamari con questo composto di finocchio, aiutandovi con un cucchiaio ma senza riempirli troppo, pena il rischio è che si rompano o il ripieno fuoriesca durante la cottura (fig. 8).

  9. Quindi sigillateli all’estremità con uno stuzzicadenti (fig. 9).

  10. Nella stessa padella dove avete cucinato i tentacoli, fate insaporire i calamari da tutte le parti a fiamma viva. Bagnate con il restante vino bianco, quindi, una volta evaporato, aggiungete 2 dita di acqua (meglio se calda – fig. 10).

  11. Coprite con un coperchio, abbassate la fiamma, e fate cuocere per circa 15′-18′ .Aggiustate di sale e spegnete solo quando i calamari appariranno cotti ma ancora teneri (fig. 11).

  12. Servite subito e spolverizzate con erba cipollina fresca. E voilà…i vostri calamari ripieni con finocchio ed erba cipollina sono pronti per essere gustati!

    Buon Appetito dalla cucina di FeFe!

4,5 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.