Crea sito

Minestra maritata. Non solo a Natale.

Minestra maritata. Non solo a Natale

Nella Napoli borbonica e i suoi dintorni si mostrava ai suoi frequentatori d’oltralpe  come una sorte di luogo incantato ed e per questo che ci invidiano tutti.
“Non v’è stagione in cui non ci si veda circondati d’ogni parte da generi commestibili; il napoletano non solo ama mangiare, ma esige pure che la merce in vendita sia bellamente presentata”.
(J.W. Goethe, Viaggi in Italia, lettera del 29.5.1787)

Nella Reggia di Caserta suntuosi banchetti di corte di chiara connotazione francese e spagnola stavano ormai per cedere alla cucina povera partenopea.

Durante la reggenza dei Borbone a Napoli la minestra maritata di chiara connotazione spagnola ma cucinata da abili cuochi napoletani conquisto il re Ferdinando II . La minestra maritata di origine antiche e popolari sarebbe diventato uno dei simboli del cibo partenopeo e i napoletani da buoni “mangiafoglie” approvano ancora oggi questo matrimonio. Con il passare del tempo la minestra si e evoluta, arricchita di altri ingredienti rendendola ingentilita anche per i palati fini.
Ma cosa aveva di tanto speciale? In fondo la minestra si basava su un brodo fatto con diverse qualità di carni e salumi, in cui erano lasciate insaporire tutte le verdure degli orti vesuviani e da alcune varietà selvatiche dopo una leggera precottura.


Il titolo e puramente provocatorio Minestra maritata. Non solo a Natale. In fondo e un piatto che puo benissimo essere preparato quando se ne ha voglia.

Minestra maritata. Non solo a Natale.
  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura2 Ore
  • Porzioni6
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 200 gcicoria
  • 4costine di maiale
  • 200 gverza
  • 50 gsalame (in un solo pezzo)
  • 200 gborragine
  • 150 gdi un misto grana e parmigiano grattugiato
  • 200 gscarola
  • 500 gcarne mista maiale e vaccino
  • 200 gcatalogna
  • 100 gmisto guanciale e lardo
  • misto di aromi fatto con : (pepe, sale, sedano, carota, semi di finocchietto, uno spicchio d’aglio,del rosmarino e salvia)
  • cotica e salsiccia (facoltativo)

Preparazione

  1. Da dove si incomincia? Ovvio dal pulire le verdure (01) e ancora pulire verdure (02) dopo di che poi vanno tutte sbollentate e lasciate raffreddare (03).

  2. Ora preparo un battuto per il brodo con carota sedano e semi di finocchietto (04) che faccio rosolare lentamente in pochissimo olio. Poi e la volta della carne (05) che lascio insaporire e a questo punto non mi resta che aggiungere dell’acqua per fare cuocere la carne (06).

  3. Minestra maritata. Non solo a Natale.

    Intanto ho anche aggiunto al brodo la salvia. Quando la carne e bella cotta la prelevo e faccio ancora restringere il tutto e poi ci aggiungo le varie verdure (07), Poi aggiungo il guanciale battuto insieme al lardo e i due tipi di formaggio grattugiati (08). Quando le verdure sono cotte aggiungo anche la carne e la lascio cuocere in modo che possa insaporirsi con le verdure, servo con una buona fetta di pane casereccio e il formaggio. (09).

  4. Minestra maritata. Non solo a Natale.

    Minestra maritata. Non solo a Natale. E un modo per dire che e cosi deliziosa che la mangerei tutti i giorni e non per forza bisogna aspettare il Natale. Buon Appetito e alla prossima ricetta.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.