Crea sito

PASTA ALLA PORTOFINO

Pasta alla portofino …Questo tipo di condimento dovrebbe far inorridire un genovese che, da che mondo è mondo, non vuole assolutamente rovinare il pesto in nessun modo. Invece anche se molto scettico l’ho fatto provare a Simo (io niente perché sono allergica al pomodoro uff) e anche lui è rimasto stupito da quanto era buono. E’ veloce da preparare e piace davvero anche ai genovesi più incalliti tipo la mia mamma, a dire il vero è stata proprio lei a consigliarmi questa ricetta facile e velocissima da preparare. Volete provarla anche voi?
E ora…
Beh, allacciate il grembiule…!
Lulù

PASTA ALLA PORTOFINO
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    20 minuti
  • Cottura:
    15 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • 350 g Pasta

Per la salsa di pomodoro:

  • 250 g Pomodorini ciliegino
  • 1 spicchio Aglio
  • 1 Scalogno
  • Sale

Per il pesto:

  • 25 g Basilico
  • 50 ml Olio extravergine d’oliva
  • 40 g Parmigiano reggiano
  • 20 g Pecorino
  • 15 g Pinoli
  • 1 spicchio Aglio
  • 1 pizzico Sale grosso

Preparazione

  1. PER LA SALSA DI POMODORO

    Fate scaldare tre cucchiai di olio in una pentola aggiungete l’aglio tagliato a metà e lo scalogno tritato.

    Dopo un paio di minuti unite i pomodorini tagliati a metà e cuocete per 15 minuti circa.

    Unite il sale, mescolate e spegnete.

    Passate i pomodorini in un colino in modo da avere solo il sugo e togliete le bucce.

  2. PER IL PESTO GENOVESE

    Mettete tutti gli ingredienti nel bicchiere del frullatore con metà dell’olio e iniziare a frullare versando a filo il resto dell’olio fino ad ottenere una crema omogenea.

  3. COME PREPARARE LA PASTA ALLA PORTOFINO

    Mettete a bollire una pentola di acqua leggermente salata e mettete a cuocere la pasta.

    Mettete in una ciotola 6 cucchiai di salsa di pomodoro e 4 cucchiai di pesto genovese e mescolate.

    Quando la pasta sarà cotta scolatela e conditela direttamente nella ciotola con il sugo.

VARIANTI E CONSIGLI

  1. Ovviamente se volete fare prestissimo potete prendere sugo di pomodoro pronto e pesto comprato ma se fatti in casa sono molto più buoni.

    Se farete il pesto in casa non frullate per troppo tempo, piuttosto frullate a più riprese altrimenti le lame si surriscaldano scaldando il pesto che perderà di aroma. questo è il motivo per cui il pesto genovese sarebbe meglio farlo con il mortaio ma non tutti lo abbiamo e soprattutto non tutti abbiamo il tempo.

    La proporzione corretta per la pasta alla portofino è indicativamente di 6 cucchiai di salsa di pomodoro ogni 4 di pesto ma regolatevi col colore: il risultato finale dovrebbe essere un sugo il cui colore è l’esatta fusione del verde e del rosso leggermente più tendente al rosso che al verde.

    Quando il colore sarà quello avrete raggiunto il giusto equilibrio tra i 2 condimenti!

    Ovviamente potete decidere a vostro gusto di invertire le quantità di condimenti.

    Se vi è piaciuta questa ricetta forse potrebbero interessarvi anche i PRIMI PIATTI VELOCI oppure il PESTO GENOVESE o anche il SUGO DI POMODORO PERFETTO.

Conservazione

La pasta alla portofino si conserva per un giorno ma fatta al momento è molto più buona.
Seguimi sulla pagina facebook cliccando QUI e non perderai nessuna ricetta. Torna alla HOME PAGE

6 Risposte a “PASTA ALLA PORTOFINO”

  1. Alla Portofino? Il pesto genovese con aggiunta di pomodoro in Sicilia è all’ordine del giorno, è perfettamente normale preparare la pasta così condita da secoli, ovvero da quando si conosce il pomodoro. E’ comunque vero, è buonissima, le mie nipoti ne vanno matte!

  2. Ho appena letto la ricetta, è un condimento che uso da molti anni dopo aver mangiato in un ristorante genovese le “trofiette del tucano” dal nome del locale. Quando mi avanza del pesto, che da buon genovese faccio al mortaio, cerco di uguagliare la ricetta e devo dire che mi piace tantissimo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.