Crea sito

PASTA ALLA CARLOFORTINA

Pasta alla carlofortina un primo piatto tipico di Carloforte un’isola della sardegna colonizzata da cittadini genovesi e che quindi, come molte altre ricette di quest’isola, risente delle influenze liguri oltre a quelle sarde. La pasta o meglio, le trofie alla Carlofortina sono un piatto facilissimo da preparare gustoso, saporito e ideale sia tiepido che freddo ed esalta tutti i sapori mediterranei. Questa ricetta ricorda tanto gli spaghetti alla portofino dove si uniscono il pomodoro e il pesto genovese ma è arricchita anche da tranci di tonno fresco (alcuni lo mettono anche in scatola) quindi ancora più buona. Volete provare anche voi a preparare insieme a me la pasta alla carlofortina? Iniziamo subito con ingredienti e procedimento, fatemi sapere se vi è piaciuta! Ah… Non perdete le dirette in pagina (QUI) e il mio account Instagram (QUI)
E ora…
Beh, allacciate il grembiule…!
Lulù

PASTA ALLA CARLOFORTINA
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni4 Persone

Ingredienti

  • 400 gtrofie
  • 250 gtonno fresco
  • 10pomodorini ciliegino
  • Mezzacipolla
  • basilico
  • olio extravergine d’oliva
  • sale

Preparazione

  1. PASTA ALLA CARLOFORTINA

    Tritate la cipolla finemente.

    Tagliate il tonno fresco a cubetti.

    Mettete in una padella ampia 3 cucchiai di olio extravergine di oliva e fateli scaldare insieme alla cipolla tritata.

    Mettete a cuocere il tonno fresco a cubetti e fatelo rosolare per qualche minuto.

    Lavate e asciugate i pomodorini ciliegia poi tagliateli a metà e aggiungeteli nella padella insieme al tonno e alla cipolla.

    Fate cuocere per 10 minuti tonno e pomodorini.

    Fate bollire una pentola di acqua leggermente salata e, quando bollirà, mettete a cuocere le trofie.

    Fate cuocere le trofie per pochi minuti poi scolatele direttamente nella padella con il tonno e i pomodorini.

    Mescolate poi spegnete il fuoco.

    Aggiungete il pesto genovese di basilico a crudo e mescolate.

    Servite la pasta alla carlofortina con qualche foglia di basilico fresco e se volete un giro di olio extravergine di oliva.

    VARIANTI E CONSIGLI

    Se volete potete utilizzare altri tipi di pomodori tagliati a quadretti.

    Potete utilizzare tonno in scatola sott’olio sgocciolato.

    Aggiungete sempre il pesto genovese a crudo e non fatelo cuocere.

    Se la pasta alla carlofortina dovesse avanzare vi sconsiglio di riscaldarla dal momento che è presente il pesto.

    Se vi è piaciuta la ricetta per la pasta alla carlofortina forse potrebbero interessarvi anche la PASTA ALLA PORTOFINO oppure la PASTA AL PESTO o anche il SUGO DI POMODORO.

Conservazione

La pasta alla carlofortina si conserva in frigo per due giorni ma non scaldatela.
Seguimi sulla pagina facebook cliccando QUI  o sul mio account Instagram (QUI) e non perderai nessuna ricetta. Torna alla HOME PAGE

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright - Allacciate il Grembiule s.r.l ®

Partita iva 02516730997
Tutti i diritti sono riservati. Tutte le foto ed i contenuti presenti in questo sito sono di proprietà esclusiva di Luisa Orizio. E' vietato l'uso per fini commerciali e vietata la modifica. La violazione del diritto d'autore è un reato ed è perseguibile legalmente per furto di proprietà intellettuale.