Stufato di manzo alla Guinness (Irlanda)

La prima nazione del gruppo “luoghi dove sono stata” della nuova rubrica “Giro del mondo in 80 piatti”, è l’Irlanda. Sono stata a Dublino nell’aprile 2008, solo per due giorni, attraverso un roccambolesco viaggio iniziato perdendo il volo aereo da Nizza.
In compagnia di mia madre e di mia cugina, ricordo Dublino come una città in cui non trascorrere più di due giorni, e molto (troppo per me!) animata soprattutto alla sera. Ricordo che non si riusciva ad entrare nei pub di Temple bar da quanto erano affollati e ricordo anche di aver mangiato dell’ottima carne di angus, allora animale ancora pressoché sconosciuto da noi.
Se penso all’Irlanda, mi viene in mente immediatamente la birra Guinness, abbiamo infatti allora visitato la splendida industria della Guinness a Dublino, con degustazione al piano superiore: una vetrata sulla città. Purtroppo però non ho avuto modo di assaggiare nessuna specilità culinaria cucinata proprio con la nota birra scura e lo stufato alla Guinness l’ho solo cucinato io, anni dopo il mio viaggio a Dublino, perciò ho scelto proprio questo stufato come il protagonista della ricetta dedicata all’Irlanda.

Lo Stufato alla Guinness è una variante del tradizionale piatto noto come Irish Stew (stufato di carne di montone, patate e verdure la cui cottura avviene lentamente e può durare fino a due ore) e solitamente viene cucinato per la festa di San Patrizio o per pasqua.

  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura2 Ore
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaIrlandese

Ingredienti

  • 1.5 kgmuscolo di manzo (tagliato a dadini)
  • 2patate
  • 4 fogliealloro
  • 4cipolle
  • 2carote
  • 2gambi di sedano
  • 1 cucchiaiofarina
  • 600 mlGuinness
  • 400 mlpassata di pomodoro
  • q.b.olio vegetale
  • q.b.timo
  • q.b.sale e pepe

Preparazione

  1. Sbucciate e affettate le cipolle sottilmente e le patate a tocchetti e mettete a bagno in acqua fredda.

    Pulite la carote raschiandole sotto l’acqua corrente e tagliate a tocchetti.

    Togliete i filamenti dal sedano e tagliatelo.

    Prendete un tegame anti-aderente dai bordi alti con relativo coperchio (se lo avete, usate quello specifico in ghisa), versateci l’olio, aggiungete sedano, 1 carota, 1 cipolla e le foglie di alloro e lasciate appassire, con il coperchio a fuoco basso per circa 10-15 minuti.

    Intanto infarinate la carne all’interno di una ciotola, aggiungetela nel tegame con il soffritto e, con un cucchiaio di legno, muovetela in modo che si distribuisca il soffritto.

    A cottura avvenuta, mettete il manzo in una dutch oven, ossia in una pentola particolare utilizzata per ricreare il metodo di cottura del forno oppure in una pentola dal fondo pesante.

    Cuocere e mescolare le altre cipolle, nella stessa padella utilizzata per le carni bovine, facendole rosolare fino a doratura, da 5 a 10 minuti.

    Mescolare il concentrato di pomodoro con abbastanza acqua per diluirlo parzialmente, prima di versarlo nel composto di cipolle.

    Aggiungere metà della birra Guinness nella miscela di cipolla e portare ad ebollizione girando il composto nella padella con un cucchiaio di legno.

    Aggiungere la miscela di cipolle e birra nella pentola dove c’è il manzo rosolato. Versare l’altra metà della birra Guinness e aggiungere il timo.

    Coprire la pentola della carne, abbassare la fiamma al minimo e fare sobbollire per 2 ore.

    Dopo circa 1 ora, aggiungere le patate e l’altra carota e fare cuocere, mescolando ogni 20 minuti. Controllare il sale.

    Se lo stufato dovesse asciugarsi troppo, unisci un po’ di acqua calda o brodo di carne.

Queste alcune foto del mio viaggio a Dublino 26-27 aprile 2008

Link affiliato #adv

La birra Guinness la trovate in quasi tutti i grandi supermercati, ma se volete acquistare un’offerta speciale, la trovate qui: SUPER OFFERTA BIRRA 12 Bottiglie di GUINNES ORIGINAL 33cl .

/ 5
Grazie per aver votato!
Print Friendly, PDF & Email


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.