Sagne e Fave

Sagne e Fave. Chi come me coltiva un orto, che letteralmente sconfina nel bosco, si trova ad avere a che fare i conti con gli animali selvatici, e soprattutto con le frequenti visite notturne di Cinghiali e Caprioli, che fanno spesso strage del tanto sospirato raccolto. Anche se convivere con questa realtà non è sempre facile, il rispetto che ho per la natura e la mia stessa attitudine, diciamo così, ribelle ed anarcoide mi permettono di accettare con una sorta di rassegnato fatalismo tutto ciò che sovverte l’ordine costituito, anche occultato sotto le innocue sembianze di un orticello di campagna. Negli anni ho imparato però a capire le abitudini e persino i gusti di questi animali. Pure l’esperienza dei vecchi contadini mi è stata di aiuto. Mia zia, ad esempio, piantava l’Aglio e anche i fiori, specialmente le Rose, ai bordi dell’orto, in particolare nelle aiuole dove coltivava le Fave o i Piselli. Diceva che serviva a tenere a bada i Cinghiali che, grufolando di frustrazione, si tenevano alla larga dall’odore, a loro sgradevole, del prezioso bulbo. Non funziona però con i Caprioli, e nemmeno con l’Istrice. Ma questi ultimi sono animali timidi, che non si avvicinano quasi mai alle abitazioni. Così da qualche tempo coltivo gli ortaggi più a rischio appena fuori casa. E in ricordo della zia, preparo le Sagne e Fave come da sua ricetta, apportando solo qualche piccola modifica, per rendere questo piatto tipicamente abruzzese un vero capolavoro.

Sagne e Fave
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura6 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàPrimavera, Estate

Ingredienti

150 g sagne (pasta fresca)
400 g fave fresche (sgranate)
50 g guanciale
20 g scalogno
15 g pecorino (grattugiato)
2 foglie mentuccia
1 pizzico pepe nero (macinato fresco)
2 cucchiai olio extravergine d’oliva

Strumenti

1 Pentola

Passaggi

Le Sagne sono un tipico formato di pasta abruzzese. Sono fatte semplicemente con acqua e farina. Fatele a casa, oppure compratele. Le Fave devono essere freschissime, raccolte in giornata.

Procedimento

Tuffate in acqua bollente e senza sale le Fave e fatele cuocere 6/7 minuti.

Sagne e Fave

Scolatele e lasciatele raffreddare. Tenete da parte un po’ di acqua di cottura.

Sagne e Fave

Nel frattempo preparate una crema di pecorino con un cucchiaio di acqua fredda. Mescolate bene e tenete da parte.

Crema di pecorino

Sbucciate le Fave e tenetele da parte.

Sagne e Fave

Fate a pezzettini il guanciale e lo Scalogno, mettete il tutto in padella con 2 cucchiai di olio E.V.O. Soffriggete dolcemente 2 minuti.

Intanto nel mixer frullate un paio di cucchiai di Fave con un po’ di acqua della loro cottura. Tenete da parte. Mettete a cuocere le Sagne.

Sagne e Fave

A questo punto, fate insaporire qualche minuto i legumi nella padella insieme al resto del soffritto, aggiungendo anche le foglioline di Mentuccia. Regolate di sale, ma senza esagerare. Aggiungete un pizzico di Pepe macinato al momento.

Sagne e Fave

Unite le Fave frullate, un po’ di acqua di cottura della pasta e mescolate bene. La salsa deve risultare fluida e cremosa.

Sagne e Fave
Sagne e Fave

Scolate le Sagne e fatele insaporire insieme al condimento. Se necessario, aggiungete ancora un po’ di acqua di cottura.

Sagne e Fave
Sagne e Fave

Per finire, lontano dal fuoco, aggiungete la crema di pecorino e mantecate bene.

Sagne e Fave

Servite a tavola le Sagne e Fave ben calde. Volendo, decorate con qualche fogliolina di Mentuccia.

Sagne e Fave
Sagne e Fave

Consigli

Questo succulento piatto è già perfetto così come descritto. Se non amate il guanciale, sostituitelo con della pancetta, anche affumicata. Per la crema Io uso dell’ottimo pecorino abruzzese, ma potete sostituirlo con quello romano.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.