Crea sito

L’Olio Santo, condimento e rimedio medicamentoso

E’ un olio aromatico di antica tradizione popolare, buonissimo come condimento per le pietanze e, grazie alle note proprietà benefiche delle erbe aromatiche, come rimedio medicamentoso, oggi quasi del tutto dimenticato, per i malanni di stagione. In caso di tosse, influenza, problemi respiratori e disturbi vari, mia nonna diceva sempre “ti ci vuole un po’ di olio santo e passa la paura”. Si impiegava anche per impacchi caldi e massaggi in caso di slogature o dolori articolari. Veniva solitamente preparato in due modi diversi, uno ben piccante per gli adulti, e l’altro senza peperoncino per i bambini.

Quest’olio è molto buono sulle verdure cotte, in particolare quelle grigliate, sulla pasta e sulla carne, o anche sul pane spalmato con del buon miele. Usatelo con parsimonia e non fatelo mai mancare nella dispensa. Si conserva a lungo, anche più di un anno, se tenuto al fresco e al buio. Vediamo dunque come si prepara.

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione40 Minuti
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Porzioni1 vasetto da 500 ml
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 mlOlio extravergine d’oliva
  • 3 foglieAlloro (fresco)
  • 3 ramettiTimo (fresco)
  • 1 ramettoRosmarino (fresco)
  • 2 spicchiAglio
  • q.b.Peperoncino (secco)

Preparazione

  1. In un pentolino d’acciao versate l’olio, le tre foglie di Alloro e di Timo e il rametto di Rosmarino. Mettete sul fuoco a fiamma molto bassa.

  2. Scaldate l’olio con le erbe finché quest’ultime non comincino a sfrigolare. Badate bene: l’olio deve essere ben caldo ma non deve friggere, dunque tenete d’occhio le erbe. Ritirate subito dal fuoco. Lasciate raffreddare e quindi mettete di nuovo sul fuoco, sempre a fiamma molto bassa. Fate scaldare ancora bene e finché non sentite, come già detto, sfrigolare. Togliete dal fuoco e ripetete questa operazione per tre volte.

  3. Mettete sul fondo del barattolo di vetro i due spicchi d’Aglio.

  4. Quando avete per la terza volta scaldato l’olio, versatelo subito nel barattolo filtrando le erbe.

  5. A questo punto aggiungete il Peperoncino nella misura che più vi aggrada. Naturalmente più ne mettete e più piccante risulterà l’olio Santo. Infine lasciate intiepidire la preparazione, chiudete il barattolo e riponetelo al fresco e al buio. Passati dieci giorni, togliete i due spicchi d’Aglio e questo perché non deve risultare troppo forte il suo sapore.

    Riscoprite e deliziatevi con questo olio dal sapore antico!

Note

RESTIAMO IN CONTATTO!
Facebook: Pagina ufficiale

Pinterest: Tutte le mie bacheche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.