Luquore di rosmarino

20190128_115432Liquore di rosmarino, rosmaricello, profumatissimo infuso di rosmarino, ottimo digestivo da servire freddo. Con queste dosi si prepara circa 1,5 l di liquore di rosmarino. Io l,ho preparato con il mio rosmarino, profumstissimo, raccolto quando aveva i suoi fiorellini azzurri. Vi consiglio di prepararlo e di riporlo al buoi in una bottiglia scura e di lasciarlo riposare un paio di mesi prima di gustarlo. Preparate questo ottimo e originale liquore di rosmarino, sarà un gradito regalo

1 manciata abbondante di rametti di rosmarino
ml 500 alcool
ml 600 zucchero
ml500 acqua
– mettere gli aghi del rosmarino nell’alcool per una settimana
– filtrare
– sciogliere lo zucchero nell’acqua, far raffreddare e mescolare al filtrato, se non piace il liquore torbido filtrare nella carta filtro
– imbottigliare e lasciar riposare almeno 1 mese al buio

Print Friendly, PDF & Email

Torta salata di spinaci e prescinsoa

20190127_100602è una torta salata preparata con la pasta matta ligure, acqua, farina e poco olio,  e la prescinseua che è una simil ricotta acidula sempre ligure. La torta salata di spinaci e prescinsoa la puoi servire come secondo e come antipasto, calda o fredda, ottima per un pic nic, la si può congelare
g 300 farina manitoba
g 500 spinaci freschi
g 50 parmigiano reggiano grattugiato
g 400 prescinseua
2 cucchiaini di sale fino
2 uova grandi
– impastare la farina con un paio di cucchiai di olio extravergine d’oliva, 1 cucchiaino di sale fino e acqua tiepida fino ad ottenere una pasta liscia e morbida, circa g 150, se volete una pasta meno friabile diminuite l’olio, o non mettetelo del tutto
– avvolgere la pasta nella pellicola e farla riposare mezz’ora
– pure gli spinaci e studiarli in padella senza acqua, tritarli grossolanamente, salare ed amalgamare con il parmigiano grattugiato e le 2 uova
– stendere 3/4 della pasta e mettere in una teglia bassa, riempire con la crema di spinaci e ricoprire con la prescinseua
– stendere la rimanente pasta e coprire la torta chiudendo bene i bordi, spennellare la superficie con olio o un rosso d’uovo e cuocere in forno caldo a 180° fino a doratura circa 30′

Print Friendly, PDF & Email

Torta di vaniglia in crosta con marmellata di pesche

cymera_20180501_183842Torta di vaniglia in crosta con marmellata di pesche, una fantastica doppia torta, una ricetta del blog in cucina con Chicca! Uno strato soffice di torta alla vaniglia su una generosa base di marmellata, tutto racchiuso in un guscio di frolla che si scioglie in bocca. Cos’altro aggiungere alla descrizione di questa torta di vaniglia in crosta con marmellata di pesche? Non vi resta che prepararla!
Frolla
g225 burro
g150 zucchero
2 tuorli
g375 farina 00
scorza limone grattugiata
-impasto la frolla e metto a riposare 30′ in frigo, nel frattempo preparo l’impasto della torta alla vaniglia
g60 fecola
g 60 farina 00
g125 zucchero a velo vanigliato
g125 burro
g 5 lievito istantaneo
1 cucchiaino di vaniglia burbon
– montare il burro morbido con lo zucchero a velo ed aggiungere a filo le uova sbattute
– aggiungere le farine col lievito e la vaniglia
– stendere la frolla e rivestire il fondo di una tortiera da 26 cm lasciando il bordo alto
– spalmare sulla frolla uno strato generoso di marmellata o nutella
– versare il composto alla vaniglia
– cuocere in forno caldo a 180°per 40′
Io ho usato una teglia più piccola e con la frolla avanzata ho preparato 3 crostatine

 

Print Friendly, PDF & Email

Gelati wafer alla panna

20180421_083337È  arrivato il caldo, e voglia di qualcosa di fresco…questi gelati wafer alla panna sonocbuonissimi e velocissimi da preparare! Io li ho fatti con i wafer al cioccolato, ma si possono anche usare quelli alla vaniglia o alla nocciola! La crema gelato ricorda quella dei cornerti Algida, ma molto più buona!!! La ricetta me l’ha passata una mia collega! La grandezza dei gelati la scegliete voi, io li ho preparati con una colonna di wafer, ma si può decidere di lasciare uniti due o più wafer o addirittura tutto il dolce
e buoni gelati wafer alla panna!

2 pacchi wafer al cioccolato
400 panna montata
170 latte condensato

– montare la panna fredda e molto delicatamente aggiungere il latte condensato a filo mescolando dal basso verso l’alto
– rivestire con pellicola un contenitore rettangolare
– rivestire il fondo con una parte di wafer
– versare la crema e ricoprire con gli altri wafer
– richiudere con la pellicola e pressare bene
– mettere nel congelatore un paio d’ ore
– estrarre e separare a piacere le coppie di gelato
– fondere il cioccolato fondente e pucciarvici dentro una estremità dei gelati, potete anche poi passarla nella granella di nocciole
– lasciate solidificare il cioccolato, rufasciate nella carta forno e mettete i vostri gelati nel congelatore

Print Friendly, PDF & Email

Gnocchi mimosa di ricotta e asparagi

cymera_20180327_194612Gnocchi mimosa di ricotta e asparagi
Sono talmente morbidi che si sciolgono in bocca! La ricetta l’ho trovata nella rivista Giallo zafferano di marzo

g 50 farina tipo2
g 500 ricotta asciutta
g 500 asparagi
g 100 parmigiano reggiano
4 uova medie
Noce moscata
Burro
Maggiorana

– pulire gli asparagi e lessarli in acqua salata, scolarli, tagliare le punte
– rassodare 2 uova e mettere da parte i tuorli
– mettere da parte le punte e frullare i gambi
– trasferire la purea in una capiente padella antiaderente e farla asciugare stando attenti a non bruciarla. Far raffreddare
– mescolare con la ricotta asciutta, la noce moscata, la maggiorana, g70 di parmigiano reggiano grattugiato, una spolverata di maggiorana e le due uova, regolare di sale
– con un cucchiaino prelevare una noce di composto, e con le mani unte di olio formare delle palline e passarle nella farina
– posare gli gnocchi su un foglio di carta forno unto o spolverato con la farina
– lessare gli gnocchi in abbondante acqua salata e scolarli quando vengono a galla
– nel frattempo rosolare le punte degli asparagi nella padella antiaderente con un poco di olio e burro
– passare gli gnocchi cotti nella padella qualche minuto, aggiungere il rimanente formaggio e servire con i tuorli sbriciolati

Print Friendly, PDF & Email

panbrioches, senza uova, per macchina del pane

panbrioches, senza uova, per macchina del pane, soffice e fragrante, da servire a colazione o a merenda, spalmato con la marmellata o nutella, da mettere in cartella per la ricreazione a scuola, questo panbrioches, senza uova, per macchina del pane si può congelare a fette, leggero e nutriente, lo si può arricchire con gocce di cioccolato o frutta secca. Se volete prepararlo senza la macchina del pane lo potete impastare e far lievitare la prima volta al raddoppio, reimpastarlo e arrotolarlo in uno stampo da plumcake e lasciarlo lievitare ancora un paio d’ore, cuocere in forno caldo a 180° per circa 20′
panbrioche mdp200 manitoba
300 farina 00
300 acqua tiepida
120 zucchero a velo
100 burro fuso
1bustina di lievito di birra disidratato
mdp programma pane francese 9 durata h 3,15

-mettere nel boccale l’acqua tiepida, la farina manitoba, la farina 00, in un angolo il lievito, lo zucchero a velo e sopra il burro fuso
– azionare la macchina del pane, io programma 9 per pane francese della durata di h 3,15

 

Print Friendly, PDF & Email

ciambella cuor di caffè nel fornetto Versilia

la ciambella cuor di caffè nel fornetto Versilia è un ottimo dolce da dispensa adatto alla colazione e alla merenda. un ciambellone con all’interno un impasto al caffè, delicato e gradevole. Questa ciambella è cotta sul fornello nel fornetto Versilia da cm 28, la ricetta è una rielaborazione dell’originale letta nel blog In cucina con Anna

ciambella-cuor-di-caffeg 430 farina tipo1
g 70 fecola di patate
g 250 zucchero semolato
5 uova grandi
ml 200 olio di semi di girasole o mais
ml 50 acqua
ml 125 kefir da latte o yogurt naturale
1 bustina di lievito istantaneo
impasto al caffè:
2 cucchiai colmi di caffè solubile
g 50 zucchero
1/2 tazzina di latte caldo

-lavorare le uova con lo zucchero e l’acqua tiepida, sempre con le fruste in movimento aggiungere l’olio a filo e il kefir, o lo yogurt naturale
– mescolare la farina tipo1con la fecola di patate e il lievito istantaneo, setacciarle ed aggiungerle all’impasto con movimenti delicati
– metterne da parte 3/4
– scaldare la mezza tazzina di latte e scioglierci il caffè solubile e zuccherare
– mescolare al quarto di impasto
– imburrare ed infarinare lo stampo
– versare l’impasto chiaro e sopra versare quello al caffè
– chiudere con il coperchio
– riempire di acqua il discetto e posizionarlo sul fuoco più grande, posizionare il fornetto sul dischetto e far cuocere a fuoco altoper 5′, abbassare la fiamma al minimo e cuocere la ciambella cuor di caffè per altri 40′ circa
– controllare la cottura infilando uno stecco lungo da spiedino nei fori del coperchio

Print Friendly, PDF & Email

tronchetto salato al salmone

cymera_20171203_190207tronchetto salato al salmone, un elegante antipasto per le feste nataizie, morbido rotolo di pasta biscotto salata, alle erbe aromatiche, farcito da una fresca crema di ricotta e salmone affumicato

Pasta biscotto salata:

6 uova grandi
g 100 farina tipo1
2 cucchiaini di aromi in polvere o tritati fini (rosmarino, salvia, maggiorana, timo)
1 cucchiaino raso di sale fino

Farcia:
g 250 salmone affumicato
g 200 panna al salmone
g 300 robiola
aneto

– in una planetaria montare le uova (tenute a temperatura ambiente) con il sale, aggiungere  1 cucchiaino di acqua calda e sempre montando aggiungere le erbe aromatiche, montare per una decina di minuti fino ad ottenere una crema molto gonfia
– spegnere e setacciare la farina  nel boccale ed amalgamare delicatamente con movimenti dall’alto verso il basso
– cuocere nella leccarda da 35×43  rivestita di carta da forno a 180°per circa 10 ‘- coprire con un teli umido e arrotolare
– mescolare la panna al salmone con metà robiola, srotolare con delicatezza la pasta biscotto e spalmare con la crema, ricoprire con il salmone e arrotolare
– tagliare per sbieco due larghe fette, una posizionarla di lato e l’altra sopra al rotolo
– con la rimanente crema di formaggio ricoprire il rotolo e spolverare con l’aneto
– mettere a raffreddare in frigorifero fino a poco prima di servirlo

Print Friendly, PDF & Email

polpette di patate americane con pollo e orzo in sugo di pomodoro

polpette di patate americane con pollo e orzo in sugo di pomodoro, morbide e gustose, a basso indice glicemico. Sono preparate con le patate americane, ricche di zuccheri ma con un basso indice glicemico se cucinate a vapore o lessate. Nell’impasto non ci sono le uova ma la crusca di avena e l’orzo lessato, il risultato è sorprendentemente  eccezionale sia che le cuocciate nel sugo di pomodoro che le saltiate in padella antiaderente. Ovviamente si possono preparare con altri tipi di cereali. Le polpette di patate americane con pollo e orzo in sugo di pomodoro nascono dalla ricetta dello chef Sergiomaria Teutonico pubblicata nella sua pagina Vaffanciccia.it

polpette-pat-amer-sugo-pomg 300 petto di pollo
g 100 orzo bollito
g 80 patate americane lessate
g 80 crusca di avena
1 cucchiaio erbe aromatiche fresche tritate
1 spicchio aglio
g 350 passata di pomodoro
2 foglie di alloro, 4 foglie di basilico
sale qb, olio extravergine di oliva qb

-in una larga padella antiaderente mettere il passato di pomodoro con lo spicchio d’aglio, un pizzico di sale, le foglie di basilico e un giro d’olio extragergine di oliva, cuocere a fuoco basso per 5′
– macinare il petto di pollo nel frullino
– lessare le patate americane in acqua salata fino a quando diventano morbide, scolarle e schiacciarle, farle raffreddare ed unirle alla carne
– lessare l’orzo perlato in acqua salata e con le foglie di alloro, scolare
– mettere nel boccale del frullatore la carne, le patate schiacciate, l’orzo, la crusca di avena e il trito di erbe aromatiche fresche, frullare fino a far diventare un composto morbido
– con le mani unte di olio formare le popette grandi come una noce ed appiattite
– metterle a cuocere nella padella del sugo di pomodoro per 15′ circa
– sono ottime anche cotte una decina di minuti in padella antiaderente, spolverizzate con un pizzico di pepe o Za’atar

polp-pat-padella

Print Friendly, PDF & Email

torta morbida di mele e amaretti

torta morbida di mele e amaretti, una torta autunnale profumata e gustosa, ottima da servire a merenda, delicata a fine pasto, per la ricetta ho preso spunto qui

22491937_10210691104094577_5359406386256097187_n

g 275 farina tipo1
g 175 zucchero di canna
g 150 burro fuso
g 100 kefir da latte o yogurt naturale o latte
2 uova medie
2 mele
g 100 amaretti secchi
1 bustina di lievito per dolci
1 cucchiaino di cannella

-montere le uova con lo zucchero, aggiungere il burro fuso intiepidito, il kefir da latte o yogurt naturale o latte, la farina tipo1 stecciata e il lievito
– sbucciare le mele e tagliarle a cubetti 3/4 l’altra parte affettarla sottile
– infarinare i cubetti di mela, tiritare grossolanamente gli amaretti, metà mescolarli all’impasto ed aggiungere le mele a cubetti
– infarinare una tortiera da 26 cm sul fondo mettere i restanti amaretti e le mele affettate, spolverare con la cannella e versarvi sopra l’impasto
– cuocere in forno caldo a 180°per 45′ circa controllare la cottura con uno stecchino che deve risultare asciutto

Print Friendly, PDF & Email