Chia pudding alla frutta

Chia pudding alla frutta. Il budino ai semi di chia, o chia pudding, con tanta buona frutta, vi permetterà di fare il pieno di energia, vitamine e antiossidanti per iniziare al meglio la giornata.

chia pudding

semi di chia sono ricavati da una specie vegetale denominata Salvia hispanica, che cresce spontaneamente in Messico ed in Bolivia e la raccolta dei suoi semi è spesso riservata a realtà coinvolte nei circuiti del commercio equo e solidale. I semi di chia sono stati ammessi sul mercato UE e come ingrediente alimentare nel mese di ottobre 2009.

I semi di chia presentano proprietà nutrizionali degne di essere conosciute. A stupire è soprattutto il loro contenuto di calcio e la presenza particolarmente bilanciata all’interno di essi di acidi grassi essenziali omega 3 e omega 6. Essi, insieme al mais, ai fagioli e all’amaranto erano alla base dell’alimentazione di popolazioni come quella azteca. Il contenuto di calcio (pari a 177 milligrammi per ogni porzione da 100 grammi, il 18% del fabbisogno giornaliero) rende i semi di chia una delle fonti vegetali principali di tale minerale, insieme ai semi di sesamo. Contengono acidi grassi essenziali omega 3 per il 20% del loro peso, una caratteristica che li rende affini ai semi di lino, 100 grammi di semi di chia presentano circa 20 grammi di omega 3. Anche il loro apporto di vitamina C, ferro e potassio è sorprendente. Essi presentano un contenuto di vitamina C (5,4 milligrammi ogni 100 grammi) di 7 volte superiore rispetto a quello delle arance, un contenuto di potassio (809,15 milligrammi ogni 100 grammi) doppio rispetto alle banane e una presenza di ferro (9,9 milligrammi ogni 100 grammi) tripla rispetto agli spinaci. Non bisogna inoltre sottovalutare la presenza di altri minerali come il selenio, lo zinco ed il magnesio, oltre che il loro contenuto vitaminico che prevede vitamina A, E e B6 oltre alla già citata vitamina C ed a niacina, riboflavina e tiamina. I semi di chia sono naturalmente ricchi di aminoacidi necessari per la formazione delle proteine da parte dell’organismo, tra cui possiamo trovare metionina, cisteina e lisina (è esclusa la taurina) e di antiossidanti, presenti all’interno di essi in quantità 4 volte superiore rispetto ai mirtilli.

I semi di chia sono ritenuti in grado di svolgere un’azione di controllo del livello degli zuccheri nel sangue, contribuendo ad arginare l’aumento di peso. Sono inoltre considerati benefici a livello dell’apparato cardiovascolare per quanto riguarda la prevenzione delle malattie ad esso legate. Coloro che soffrono di pressione alta potrebbero trovare giovamento aggiungendo i semi di chia alla loro alimentazione, poiché essi sono considerati in grado di contribuire alla regolazione della pressione sanguigna. I semi di chia sono adatti a coloro che desiderano perdere peso, poiché sono in grado di fornire nutrienti essenziali ed energia senza che l’organismo richieda di assumere grandi quantità di alimenti in sovrappiù. La loro assunzione è utile in quei soggetti che necessitano di tenere sotto controllo i livelli del colesterolo nel sangue, possibilmente giungendo ad un loro abbassamento. Questi semi non contengono assolutamente glutine e la loro assunzione è quindi possibile anche a coloro che soffrono di celiachia o di intolleranza ad esso.

I semi di chia sono molto piccoli, croccanti e dal sapore piuttosto neutro. Possono essere aggiunti al muesli della colazione o accompagnati a cereali e altri semi, come i semi di zucca o di girasole, per uno snack salutare e nutriente nel corso della giornata. A differenza dei semi di lino, i semi di chia non irrancidiscono e possono essere conservati anche per anni in dispensa all’interno di un contenitore ben chiuso. I semi di chia possono essere assunti crudi nella dose di uno o due cucchiai al giorno come integratore alimentare naturale, oppure possono essere utilizzati come condimento per numerosi piatti tra cui insalate, pasta, risotti, orzo, miglio, quinoa, legumi ed altri cereali a piacere. Possono inoltre essere utilizzati come ingredienti da aggiungere a frullati di frutta o verdura, su crostini e tartine, possono essere aggiunti a macedonie o essere utilizzati come guarnizione per biscotti e torte, preferibilmente a cottura ultimata, oppure nell’ultimazione di zuppe, minestre e vellutate di verdura, ortaggi o funghi.

La preparazione del pudding è un utilizzo dei semi di chia ritenuto particolarmente benefico per la pulizia dell’intestino e per favorire il suo funzionamento: lasciati in ammollo in acqua o in bevanda vegetale, i semi di chia, in grado di assorbire liquidi in quantità molto superiore al loro peso, sprigionano un gel benefico che può essere assunto come tale al mattino, preferibilmente a stomaco vuoto. Lo stesso risultato si può ottenere con i semi di lino e sarebbe una scelta più coerente con il nostro amore per il territorio ed i prodotti locali ed anche più ecosostenibile, ma la differenza sta nel fatto che i semi di lino sono indigeribili dall’uomo se non macinati, quindi oltre alla benefica mucillagine non avremmo la possibilità di beneficiare dei preziosi nutrienti dei semi di lino. E’ preferibile quindi utilizzare i semi di lino in preparazioni in cui possano essere macinati a freddo al momento del consumo. Il gel di semi di chia, così come il gel di semi di lino, ottenuto secondo il medesimo procedimento, può essere anche utilizzato come sostituto delle uova nella preparazione di torte e biscotti.

chia pudding

Ingredienti per 1 persona:
  • 200 ml di latte di mandorle o di latte di riso integrale senza zuccheri aggiunti
  • 30 gr di semi di chia
  • 1 pizzico di cannella o di vaniglia in polvere
  • 2 manciate di lamponi, mirtilli, fragoline o altra frutta fresca da tagliare a cubetti
  • 1 cucchiaino nocciole o mandorle in granella
  • 1 cucchiaio di succo di limone

Preparazione del chia pudding alla frutta

La preparazione del chia pudding alla frutta è molto semplice.

Versate il latte vegetale nel frullatore ed unite metà della frutta. Frullate bene. In un bicchiere o in un barattolo di vetro versate a poco a poco, alternandoli, il frullato e i semi di chia. I semi di chia sono molto piccoli e leggeri perciò tenderanno a venire a galla, dunque mescolate bene più volte con un cucchiaio o con una piccola frusta per distribuirli nel frullato in modo omogeneo.

Unite un pizzico di cannella o di vaniglia bio in polvere.

Lasciate riposare il budino di semi di chia per tutta la notte in frigo coperto con il coperchio del barattolo o con pellicola. I semi di chia durante il tempo di riposo della vostra preparazione si gonfieranno e doneranno al frullato una consistenza cremosa, che ricorda un budino. Condite, in una ciotola, la frutta rimanente con il succo di limone e lasciatela riposare in frigo coperta con pellicola.

Al momento di servire cospargete la superficie del pudding con la frutta al limone, ed infine, per completare nutrizionalmente il chia pudding alla frutta, aggiungete mandorle o nocciole tritate.

chia pudding

Se cerchi altre ricette per una COLAZIONE sana e gustosa prova a leggere:

Bibliografia:

  • “La grande via” Berrino-Fontana ed. Mondadori
  • “Medicina da mangiare” Berrino ed. La Grande Via 
  • “Il cibo della gratitudine” AA. VV. ed. Terra Nuova
  • “L’apprendista macrobiotico” Dealma Franceschetti ed. Macro
  • “Il sale della vita” Pietro Leeman ed. Mondadori Electa
  • “Cucinare è un atto d’amore” Marco Bianchi ed. Harper
  • “Ventun giorni per rinascere” Berrino-Lumera-Mariani ed Mondadori

Per tornare alla HOME PAGE e cercare altre ricette. Se vuoi essere sempre aggiornato sulle mie ricette inserisci la tua email in SEGUI QUESTO BLOG.
Ti aspetto sulla pagina
Facebook ARYBLUE, risponderò personalmente a tutte le domande, oppure seguimi su Instagram,  Twitter o Pinterest !
Grazie della visita e se ti va lascia un commento qui sotto 😀
Articolo e Foto: Copyright ©  All Rights Reserved Aryblue 

 
Precedente Vellutata di frutta con kuzu Successivo Orzo ai funghi e topinambur

2 thoughts on “Chia pudding alla frutta

Lascia un commento